Ecco perché l'incriminazione di Salvini è giuridicamente indifendibile: il frutto avvelenato dell'…

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa analisi di Fabrizio Borasi, giurista L’ideologia finisce per confondere le regole del gioco (il diritto) e gli scopi dello stesso (la politica), creando …
N.S.dellaGuardia
Queste operazioni sono dovute ad interventi a livelli "superiori", diciamo Deep State contro poteri internazionali.
Si prepara forse una nuova stagione per l'Italia e per chi ha interesse, anche fosse Potenza straniera (Usa ?), in una sua e nostra rinascita.
Se ora Salvini fosse liberato da "impegni giudiziari", potrebbe aver tempo per riorganizzare una vera opposizione, in preparazione di un …More
Queste operazioni sono dovute ad interventi a livelli "superiori", diciamo Deep State contro poteri internazionali.
Si prepara forse una nuova stagione per l'Italia e per chi ha interesse, anche fosse Potenza straniera (Usa ?), in una sua e nostra rinascita.
Se ora Salvini fosse liberato da "impegni giudiziari", potrebbe aver tempo per riorganizzare una vera opposizione, in preparazione di un futuro governo che vada contro pd vaticani Cina gates soros ue euro e chi più ne ha più ne metta...
Speriamo non sia solo un bel sogno...
Pietro da Cafarnao
Dietro l'azione di Salvini c'era l'azione di un ministro dell'interno, che salvaguardava la nazione, per il compito istituzionale che gli era proprio verso l'invasione di gruppi di persone organizzati secondo scopi ben precisi.
Non si può permettere che moltitudini invadano per anni interi territori, quando vi sono Compagnie navali, mascherate da benefattrici dell'umanità, che agevolano tale …More
Dietro l'azione di Salvini c'era l'azione di un ministro dell'interno, che salvaguardava la nazione, per il compito istituzionale che gli era proprio verso l'invasione di gruppi di persone organizzati secondo scopi ben precisi.
Non si può permettere che moltitudini invadano per anni interi territori, quando vi sono Compagnie navali, mascherate da benefattrici dell'umanità, che agevolano tale invasione, il cui scopo è destabilizzare una nazione. Basta guardare cosa porta poi con sé tale fenomeno: prostituzione, manovalanza criminale, aumento dei fatti di cronaca nera, tra cui stupri, rapine, spaccio, sfruttamento del lavoro nero, specialmente nelle campagne. Si tratta di popolazioni che vanno in cerca di una realtà di benessere, allettati da miraggi creati ad arte da organizzazioni, che le sfruttano, le privano dei pochi beni che hanno per convogliarle in accampamenti, prigioni, in vista di partenze con mezzi fatiscenti. Usano per la partenza la Libia, che non ha un governo stabile, ma è terreno di conflitto e perciò tali partenze sono gestite dalle bande criminali e le Onlus di altri paesi sotto la regia di finanziatori di cui conosciamo qualche nome vanno a prelevarli per consentire che tale azione criminosa continui. Ora, un ministro dell'interno che difende la propria nazione e viene frenato e incriminato per la sua azione dalla Magistratura, mettendo a repentaglio il bene della nazione che è la sicurezza e la salute dei cittadini, questo non è un conflitto tra organi istituzionali?
Come si può incriminare un ministro nelle funzioni che gli sono proprie? Non è abuso di potere da parte della Magistratura? È venuto meno il compito Istituzionale della Magistratura, che ha debordato dalle sue funzioni. È venuto meno il compito del P. R. che non è stato garante di equilibrio tra Istituzioni. Vi sarà pieno immobilismo da parte del CSM, che non interverrà e lascerà le cose come stanno. Stessa cosa farà l'attuale governo a favore del caos economico, politico, e dei diritti della persona.
nolimetangere
Assolutamente d'accordo! Concordo al 100%.