Clicks1.1K
it.news

Duecento sacerdoti cominciano sciopero della fame contro cardinale

Quasi 200 sacerdoti dell'arcidiocesi siro-malabarese di Ernakulam nel Kerala, India, hanno cominciato giovedì un imprecisato sciopero della fame presso la casa del cardinale George Alencherry, chiedendo le sue dimissioni.

Alencherry, 74, è l'arcivescovo metropolita maggiore della chiesa siro-malabarese e arcivescovo di Ernakulam-Angamaly. È stato coinvolto in un dubbio affare terriero nel 2015 che ha portato l'arcidiocesi a una perdita finanziaria di 10 milioni di dollari.

I problemi per Alencherry sono cominciati nel novembre 2017, quando alcuni dei suoi sacerdoti lo hanno accusato di essere coinvolto nel losco affare.

Il Vaticano ha sospeso temporaneamente Alencherry nel giugno 2018, per poter confermare le accuse. Poi, Alencherry è stato rimesso al suo posto senza un chiarimento sui sospetti che lo riguardano.

Una grande maggioranza dei suoi parroci (306 su 336) si rifiuta di leggere pubblicamente una circolare del 14 luglio, in cui Alencherry chiede di mettere da parte le differenze.

Il vescovo di Bongaigaon, Thomas Pulloppillil, ha detto a UCANews.com che le "attuali divisioni si sarebbero potute evitare con un po' di sensibilità e di oculatezza da parte di chi ha preso le decisioni".

Foto: George Alencherry © wikicommons, CC BY-SA, #newsLmujtzdoci