Clicks1.7K
it.news
1

Lusso senza fine: La vita felice di Monsignore Bransfield

La sontuosa vita del vescovo emerito di Wheeling-Charleston, Stati Uniti, Monsignore Michael Bransfield, di 76 anni, è stata esposta in un lungo articolo del Washington Post (13 settembre).

Bransfield è stato accusato da due giovani sacerdoti di avances omosessuali. Perciò, nel mese di luglio, gli è stato vietato di celebrare in pubblico.

Durante i suoi 13 anni a Wheeling, ha fatto quasi 150 viaggi con jet privati e circa 200 viaggi in limousine.

Ha soggiornato in alberghi esclusivi a Washington, Roma, Parigi, Londra e nei Caraibi, incolpando in seguito il suo staff per la scelta di sistemazioni di lusso.

Ha speso 2,4 milioni di dollari per viaggi e ha regalato 350.000 dollari in contanti ad altri prelati. La diocesi ha annunciato che potrebbe cercare di recuperare i soldi spesi impropriamente da Bransfield.

Prima di arrivare in West Virginia nel 2005, il futuro vescovo ha lavorato per decenni a Washington in vari incarichi presso la Basilica del Santuario Nazionale dell'Immacolata Concezione, la più grande chiesa cattolica negli Stati Uniti.

Bransfield disse al Washington Post che si era abituato al confortevole stile di vita di Washington. L'ex speaker della Casa dei Rappresentanti Newt Gingrich ha accreditato Bransfield per averlo aiutato a convertirsi al cattolicesimo.

La diocesi di Wheeling-Charleston è ricca. Più di un secolo fa, una signora di New York ha donato alla diocesi terreni nel Texas occidentale che si sono rivelati ricchi di petrolio, generando negli ultimi anni un reddito annuo di quasi 15 milioni di dollari.

Durante i suoi 13 anni a Wheeling, Bransfield ha speso 4,6 milioni di dollari per ristrutturare la sua residenza, quasi 140.000 dollari in ristoranti, 62.000 dollari in gioielli e migliaia di dollari in alcool.

Nel suo ultimo anno come vescovo diocesano, Bransfield ha volato con jet di lusso almeno 19 volte ad un costo di oltre 142.000 dollari. Durante i suoi anni in West Virginia, ha speso quasi 1 milione di dollari in jet privati.

Il Nunzio di Washington, l'arcivescovo Christophe Pierre e il suo predecessore, l'arcivescovo Carlo Maria Viganò, hanno viaggiato su un jet pagato dalla diocesi. Viganò ha detto al Washington Post che non sapeva che il suo volo del 2013 era stato pagato dalla diocesi di Wheeling-Charleston.

Bransfield viaggiava come vescovo abitualmente anche all'estero. Ha visitato Parigi, Londra e Ginevra, volando spesso in prima classe e soggiornando in alberghi di prim'ordine. A volte era accompagnato da giovani sacerdoti a cui fu detto che il vescovo pagava privatamente per i viaggi.

In un'intervista con The Washington Post, Bransfield lamentava la mancanza di opportunità di shopping a Wheeling. "Non ho avuto la possibilità in West Virginia di vivere lo stile di vita a cui ero abituato a Washington."

Bransfield prendeva regolarmente le vacanze invernali a spese della diocesi alle Isole Cayman, a San Maarten e Santa Barthelemy nei Caraibi.

Come ente di carità esente da tasse, è proibito alla Chiesa degli Stati Uniti spendere in attività di lusso o servizi che vanno indebitamente a vantaggio di persone individuali.

Persone nella diocesi avevano inviato lettere al Vaticano sei anni prima per chiedere un'indagine sulle spese di Bransfield, ma quattro prelati negli Stati Uniti e in Vaticano che avevano ricevuto lamentele avevano anche ricevuto doni in denaro da lui.

Il 25 agosto 2018, Bransfield fu convocato alla nunziatura di Washington, a quattro ore di macchina da Wheeling. Tuttavia, egli noleggiò un jet privato e saltò su una limousine per raggiungere la nunziatura.

Più tardi disse al Washington Post che fu allora che scoprì per la prima volta che il suo posto era in pericolo. " Fu il giorno peggiore della mia vita", disse Bransfield.

Tuttavia, a questo punto era a pochi giorni dal suo 75° compleanno, quando dovette comunque presentare le sue dimissioni.
È comunque meglio avere dei presbiteri che vivano nel lusso ma predichino il Vangelo, che avere un papa che apparentemente viva poveramente ma che consenta lo spreco per opere di pessimo gusto e, per di più stravolga quanto ci fu tramandato dagli evangelisti:
1) Angelus dell'otto ottobre: Il Vangelo secondo Bergoglio

2) Gli affreschi sodomitici dell'attuale presidente del Pontificio Consiglio …More
È comunque meglio avere dei presbiteri che vivano nel lusso ma predichino il Vangelo, che avere un papa che apparentemente viva poveramente ma che consenta lo spreco per opere di pessimo gusto e, per di più stravolga quanto ci fu tramandato dagli evangelisti:
1) Angelus dell'otto ottobre: Il Vangelo secondo Bergoglio

2) Gli affreschi sodomitici dell'attuale presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia

3) L'idea di "arte" di Bergoglio !
nolimetangere likes this.