Click9
Giuseppe Di Tullio

Striscia di Gaza,eterna prima linea non solo Israelo- palestinese

Striscia di Gaza eterna prima linea non solo israelo/palestinese -

Ultime notizie
Striscia di Gaza eterna prima linea non solo israelo/palestinese
Brasile – Bolsonaro, il presidente che rimpiange i militari
Brasile, improbabile ‘virada’, verso la destra estrema
Il gatto di Admira nella Sarajevo crudele dell’assedio
Il miracolo del lasciarci cambiare
Troppi soldati Usa ‘Palla di lardo’, guerra all’obesità dei marines
Fronte austro-ungarico, 100 anni fa già tempo di inganni
Sei palestinesi uccisi, razzi e raid, Netanyahu in Oman
Le bombe dei Saud su un mercato yemenita
Etiopia, la prima presidente donna, Africa-Italia cooperazione e risorse
lunedì 29 ottobre 2018

Remocontro
La virtù del dubbio – Blog di Ennio Remondino, spazio giornalistico aperto. Curiosi per sapere, ficcanaso per scoprire.

Home
Editoriale
Rubriche
Scemenze dal mondo
C’era una volta…
Gatto Randagio
Spigolature
[email protected]
Libera Mente
Categorie
Mondo
Europa
Italia
Intelligence
Radar
Africa
Analisi
Balcani
Centrasia
Costume
Difesa
Ambiente
economia
Televisione
Diversi mondi
Geopolitica
Giornalismo
Grande Medio Oriente
Informazione
Contatti
Collabora
Gli autori

Menu
Articoli Recenti
Striscia di Gaza eterna prima linea non solo israelo/palestinese
Brasile – Bolsonaro, il presidente che rimpiange i militari
Brasile, improbabile ‘virada’, verso la destra estrema
Il gatto di Admira nella Sarajevo crudele dell’assedio
Il miracolo del lasciarci cambiare
Troppi soldati Usa ‘Palla di lardo’, guerra all’obesità dei marines
Fronte austro-ungarico, 100 anni fa già tempo di inganni

Home
Editoriale
Rubriche
Scemenze dal mondo
C’era una volta…
Gatto Randagio
Spigolature
[email protected]
Libera Mente
Categorie
Mondo
Europa
Italia
Intelligence
Radar
Africa
Analisi
Balcani
Centrasia
Costume
Difesa
Ambiente
economia
Televisione
Diversi mondi
Geopolitica
Giornalismo
Grande Medio Oriente
Informazione
Contatti
Collabora
Gli autori

Articoli Recenti
Striscia di Gaza eterna prima linea non solo israelo/palestinese
Brasile – Bolsonaro, il presidente che rimpiange i militari
Brasile, improbabile ‘virada’, verso la destra estrema
Il gatto di Admira nella Sarajevo crudele dell’assedio
Il miracolo del lasciarci cambiare
Troppi soldati Usa ‘Palla di lardo’, guerra all’obesità dei marines
Fronte austro-ungarico, 100 anni fa già tempo di inganni
Medio Oriente
Striscia di Gaza eterna prima linea non solo israelo/palestinese
Tre ragazzi palestinesi fra i 12 e i 14 anni uccisi da un raid dell’aviazione israeliana sul confine di Gaza, nel Sud della Striscia. -Sarebbero 65 mila i soldati di Hamas sul piede di guerra, afferma Netanyahu.
-Israele cambia il Capo di stato maggiore delle forze armate, arriva il duro Aviv Kochavi a sostituire il moderato Gady Eisenkot.
Di Piero Orteca 29 ottobre 2018

216 morti palestinesi
Tre ragazzi palestinesi fra i 12 e i 14 anni sono stati uccisi ieri in tarda serata da un raid dell’aviazione israeliana sul confine di Gaza, vicino alla città di Khan Younis, nel Sud della Striscia. Le tre vittime si aggiungono ai quattro palestinesi uccisi durante la marcia di venerdì. 216 i palestinesi uccisi dalle forze di sicurezza israeliane al confine dal 30 marzo.

Striscia di Gaza eterna prima linea
Si riaccende, improvvisamente, il fronte della Striscia di Gaza. Mentre (per ora), per dirla con Remarque, all’ovest (siriano) non si segnala nulla di nuovo, ai confini di Israele, manco ci fosse una regia occulta (e forse c’è) razzi e bombe d’aereo volano come se nulla fosse. Insomma, chi sperava che con il lento epilogo della guerra civile intorno a Damasco le cose si aggiustassero in qualche modo, è bell’e servito. Non c’è pace tra gli ulivi del Medio Oriente. E forse mai ci sarà. Anche perché, secondo quanto rivela Netanyahu, in pochi anni i soldati di Hamas sono passati da 3 mila all’astronomico numero di 65 mila. Grazie alla “Primavera araba” siriana, aggiungiamo noi.
Questa volta i miliziani hanno cambiato tattica: i loro attacchi missilistici contro Israele sono stati concentrati in una linea che va da Sderot ai villaggi della comunità di Shear Hanegev. L’intento era quello di “saturare” i bersagli e di impedire l’abbattimento dei vettori. Gerusalemme, però, ha comunicato che sono entrate in funzione le batterie anti-missile dello scudo “Iron-Dome”, che sono riuscite ad abbattere 13 vettori di Hamas. Gli altri sono caduti in aree disabitate e non hanno fatto danni. Netanyahu ha risposto pesantemente. I caccia-bombardieri con la Stella di David hanno messo la Striscia di Gaza a ferro e fuoco, con decine di strike aerei che hanno colpito una novantina di bersagli.
Preso di mira anche il Comando generale di Hamas a Derej. A Sderot gli abitanti si sono tappati nei rifugi, mentre tutt’attorno piovevano i missili palestinesi e mentre almeno 16 mila manifestanti cercavano di forzare le barriere per riversarsi dentro i confini israeliani. L’esercito di Gerusalemme ha usato anche in questo caso il pugno di ferro, uccidendo 5 manifestanti e ferendone a dozzine. Naturalmente è subito cominciato il palleggiamento di responsabilità. Il governo israeliano ha accusato senza mezzi termini la Siria e le Brigate iraniane di al-Qods (i pasdaran comandati dall’ormai famoso generale Qassam Soleimani) di avere concepito e ordinato gli attacchi missilistici, per mantenere la tensione elevata in tutta la regione.
E qui va fatta una riflessione che fa capire come la diplomazia, in questa fase, sia assolutamente polverizzata e faccia la figura di una “lame-duck”, un’anatra zoppa, come si dice in gergo. E’ di soli pochi giorni fa, infatti, la notizia di un tacito accordo per una de-escalation della crisi: quelli di Hamas si erano impegnati a stare buoni per un po’ di tempo, mentre Gerusalemme garantiva “non interferenze” nella Striscia. Ma quando mai… Il confronto è ripreso più aspro di prima. Il che significa che in tutti e due gli schieramenti c’è chi rema contro. Figura barbina anche per il Presidente egiziano El-Sisi. Il novello faraone si era impegnato a fare da paciere. Si è visto con quali risultati.

Maggior Generale Aviv Kochavi
I giornali israeliani parlano anche di una sorta di “benvenuto” molto simbolico (si fa per dire), che i miliziani di Hamas hanno voluto lanciare al nuovo Capo di stato maggiore delle forze armate di Gerusalemme, Maggior Generale Aviv Kochavi, chiamato a sostituire l’esperto Gady Eisenkot. In effetti, Kochavi gode fama di “duro”. E’ stato comandante della Brigata Paracadutisti, che tra il 2001 e il 2003 ha spazzato via la Seconda Intifada usando la mano pesante e senza crearsi troppi scrupoli. Per salvare i suoi soldati da agguati durante i rastrellamenti si era inventato una “tecnica” semplice ma brutale. Gli israeliani setacciavano le case senza uscire: passavano da un’abitazione all’altra abbattendo i muri a colpi di mazza.
Ritenuto un esperto di guerra elettronica, già capo dell’Aman (Military Intelligence), con Kochavi si scherza poco. Fu l’ultimo a ritirarsi da Gaza nel settembre del 2005 con una promessa: quella di tornare a fare un macello. Se le premesse sono queste, allora stiamo freschi.

AVEVAMO DETTO
TRA ISRAELIANI E PALESTINESI ‘MISTERO OMAN’
NETANYAHU E ABU MAZEN VISITE A SEGUIRE
COI RISPETTIVI CAPI DEI SERVIZI SEGRETI
www.remocontro.it/…/sei-palestinesi…

Correlati
Piero Orteca
Piero Orteca, giornalista, analista e studioso di politica estera, già visiting researcher dell’Università di Varsavia, borsista al St. Antony’s College di Oxford, ricercatore all’università di Maribor, Slovenia. Notista della Gazzetta del Sud responsabile di Osservatorio Internazionale
Articolo precedente
Brasile – Bolsonaro, il presidente che rimpiange i militari

Potrebbe piacerti anche

L’attacco turco ai curdi in Siria puzza anche di petrolio

Iran «sanzioni più dure della storia», Usa padroni del mondo

Yemen, vergogna per il mondo: chi, come, perché

Israele a Gaza, ‘uccidete gli aquiloni’

Siria, abbattuto un F-16 israeliano, salvi i piloti

Israele-Palestina, divorzio Ue Usa

Argomenti Simili
La frana Afghanistan Terra su un villaggio 2500 ..
Una tragedia immane dovuta al maltempo ed all’incuria umana ha colpito l’Afghanistan ..
La Turchia anti Russia spacca il fronte contro Isis
In copertina i due piloti russi uccisi. La Turchia, paese Nato, abbatte un ..
Una moria di Califfi nella guerra al terrore che nessuno ..
Il numero due dello Stato Islamico, conosciuto come Abu Alaa al-Afri, sarebbe stato ..

-PEZZO CENSURATO DA FB- Arabia Saudita fuori dal medioevo su ..
CENSURA FACEBOOK - GIUDICATE E RILANCIATE - NOI NON POSSIAMO - VIETATO TOCCARE ..

‘Affaire de fiches’, quando la Francia schedò il Grande Oriente
Mal comune non è mezzo gaudio, ma conoscere i guai degli altri a ..

‘Airport cimitero’ e morti sul lavoro, in Turchia arrestano gli ..
Arrestati 600 operai nel cantiere «cimitero». - La polizia turca reprime lo sciopero di ..

‘America first’ o con Trump America più sola?
Il nuovo presidente come un treno superveloce che non ferma la sua corsa ..
Le foto utilizzate all'interno del blog sono di pubblico dominio perché prese dalla rete. Se i soggetti ritratti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, possono inviare una segnalazione per la tempestiva rimozione.
Archivi
Archivi Seleziona mese ottobre 2018 (87) settembre 2018 (95) agosto 2018 (98) luglio 2018 (103) giugno 2018 (97) maggio 2018 (99) aprile 2018 (99) marzo 2018 (104) febbraio 2018 (100) gennaio 2018 (101) dicembre 2017 (106) novembre 2017 (95) ottobre 2017 (104) settembre 2017 (101) agosto 2017 (99) luglio 2017 (97) giugno 2017 (99) maggio 2017 (112) aprile 2017 (112) marzo 2017 (100) febbraio 2017 (89) gennaio 2017 (103) dicembre 2016 (101) novembre 2016 (93) ottobre 2016 (97) settembre 2016 (95) agosto 2016 (90) luglio 2016 (96) giugno 2016 (99) maggio 2016 (112) aprile 2016 (108) marzo 2016 (109) febbraio 2016 (117) gennaio 2016 (121) dicembre 2015 (120) novembre 2015 (106) ottobre 2015 (97) settembre 2015 (101) agosto 2015 (111) luglio 2015 (109) giugno 2015 (103) maggio 2015 (100) aprile 2015 (101) marzo 2015 (101) febbraio 2015 (85) gennaio 2015 (81) dicembre 2014 (67) novembre 2014 (73) ottobre 2014 (83) settembre 2014 (69) agosto 2014 (72) luglio 2014 (80) giugno 2014 (65) maggio 2014 (94) aprile 2014 (85) marzo 2014 (91) febbraio 2014 (65) gennaio 2014 (106) dicembre 2013 (99) novembre 2013 (85) ottobre 2013 (20)
Powered by:
Privacy Policy
Cookie Policy
RemoContro è un blog aperto che non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può per tanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.