Clicks2.5K

Ho scritto al mio parroco

Don A....
Mi sembra di aver percepito che per lei e altri nella chiesa il segno di discernimento basilare da seguire, è se ciò che viene affermato e il comportamento di qualcuno nella Chiesa porti all'unità o porta divisione all'interno della medesima.

Argomento delicato, come affrontarlo? : Sal 119:105 La tua parola è una lampada al mio piede é una luce sul mio sentiero.

Negli insegnamenti di Gesù, l'unità è un valore fondamentale, afferma infatti: Gv 17:23 Io in loro e tu in me; affinché siano perfetti nell'unità, e affinché il mondo conosca che tu mi hai mandato, e che li ami come hai amato me.
E San Paolo: Ef 4:3 sforzandovi di conservare l'unità dello Spirito con il vincolo della pace.
Ef 4:13 fino a che tutti giungiamo all'unità della fede e della piena conoscenza del Figlio di Dio, allo stato di uomini fatti, all'altezza della statura perfetta di Cristo;
"... tutti giungiamo all'unità della fede e della piena conoscenza del Figlio di Dio, ..."

Si può capire, senza bisogno di approfondimenti per noi cristiani, che l'unità di cui parla Gesù è e deve essere fondata su Lui, in Lui, con Lui e per Lui al Padre e al Santo Spirito, cioè uniti e immersi nella SS. Trinità, unità a Dio.

Ne deriva una prima scissione : Mt 12:30 Chi non è con me è contro di me; e chi non raccoglie con me, disperde. Mt 28:19 Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo,

Traendo le conclusioni, anche se si potrebbe trattare l'argomento molto più approfonditamente, si può affermare che la vera e santa unità si deve basare sulla Verità e dato che Gesù si definisce " VERITÀ " il Suo insegnamento è l'unità di misura per la vera comunione e l'unità nella Chiesa.

Mi sembra di desumere che più siamo uniti a Gesù-veritá, più siamo uniti tra noi e separati da chi vive nell'inganno per vari motivi, i quali possono essere: il rifiuto di accettare Cristo e i Suoi insegnamenti come Verità, come Salvatore, come Dio, o i Suoi insegnamenti perché scomodi ai nostri interessi e comodità; per ignoranza, che può essere determinata anche da mancata corretta testimonianza e evangelizzazione della Chiesa. Di quest' ultima ipotesi, il Signore abbia misericordia singolarmente e in generale della Chiesa. Per la maggior parte di noi membri, è lontano l'amore e il fuoco che spinse santi e martiri a dare la vita per la salvezza del prossimo amandolo come noi stessi.

Affrontando il problema dell' unità nella Chiesa, essa è stata sin dalla nascita attaccata e difesa dai suoi membri, chi proponeva dottrine non corrette, dopo essere stato ammonito e combattuto, si è trovato fuori della Chiesa con il loro pensiero e dottrine se non si pentiva.
Esempio: Mc 8:33 Ma egli, voltatosi e guardando i discepoli, rimproverò Pietro e gli disse: «Lungi da me, satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini». At 5:29 Rispose allora Pietro insieme agli apostoli: «Bisogna obbedire a Dio piuttosto che agli uomini. Gal 2:14 Ora quando vidi che non si comportavano rettamente secondo la verità del vangelo, dissi a Cefa in presenza di tutti: «Se tu, che sei Giudeo, vivi come i pagani e non alla maniera dei Giudei, come puoi costringere i pagani a vivere alla maniera dei Giudei?
" Ora quando vidi che non si comportavano rettamente secondo la verità del vangelo, "

In questa occasione, Paolo riprende Pietro, egli che riconosceva Pietro capo della Chiesa. Si può dire che San Paolo attentava all'unità della Chiesa riprendendo Pietro o più tosto San Pietro riconobbe il suo errore?

Altro esempio

Rivolgendosi direttamente al Papa Pasquale II, San Bruno, vescovo di Segni e abate di Montecassino, afferma: «I miei nemici ti dicono che io non ti amo e che sparlo di te, ma mentono. Io infatti ti amo, come devo amare un Padre e un signore. Te vivente, non voglio avere altro pontefice, come assieme a molti altri ti ho promesso. Ascolto però il Salvatore nostro che mi dice: “Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me”. “(…) Devo dunque amare te, ma più ancora devo amare Colui che ha fatto te e me» (Mt. 10-37). Con lo stesso tono di filiale franchezza, Bruno invitava il Papa a condannare l’eresia, perché «chiunque difende l’eresia è eretico» (Lettera Inimici mei, in PL, vol. 163, col. 463 A-D).

Dunque, non posso essere in comunione con il card. Bergoglio e i suoi seguaci che accettano la dottrina, ad esempio : " i mussulmani e cristiani pregano lo stesso Dio o hanno lo stesso Dio" se lei che è un sacerdote e recita il credo, non vede l'inganno, ho poche speranze di aprirle gli occhi.
Tenetevi pure questa comunione, io sono in comunione con chi non accetta di cambiare o credere in un vangelo diverso per una falsa pace con chi rinnegando Cristo, unico salvatore.
Sono degli anticristo
1G 2:18 Figlioli, questa è l'ultima ora. Come avete udito che deve venire l'anticristo, di fatto ora molti anticristi sono apparsi. Da questo conosciamo che è l'ultima ora.
1G 2:22 Chi è il menzognero se non colui che nega che Gesù è il Cristo? L'anticristo è colui che nega il Padre e il Figlio.
1G 4:3 ogni spirito che non riconosce Gesù, non è da Dio. Questo è lo spirito dell'anticristo che, come avete udito, viene, anzi è già nel mondo.

Massimo
@Massimo. Condivido quanto lei ha scritto, in particolare, fondamentale, che si è uniti quando si è "in Cristo" come tralci alla vite o membra del Suo Corpo. E' Lui che ci rende partecipi dell'unità fra Lui e il Padre. Purtroppo anche tra i Pastori è subentrato, ed è gravissimo, il concetto che si è uniti quando si è tutti d'accordo e in buona armonia, sostituendo al criterio della loro …More
@Massimo. Condivido quanto lei ha scritto, in particolare, fondamentale, che si è uniti quando si è "in Cristo" come tralci alla vite o membra del Suo Corpo. E' Lui che ci rende partecipi dell'unità fra Lui e il Padre. Purtroppo anche tra i Pastori è subentrato, ed è gravissimo, il concetto che si è uniti quando si è tutti d'accordo e in buona armonia, sostituendo al criterio della loro comunione in Cristo il criterio della comunione fra loro a maggioranza democratica. Un grave esempio è avvenuto quando, interpellato dai Vescovi tedeschi sull'importante argomento dell'intercomunione, il Papa ha risposto di consultarsi tra loro e di decidere possibilmente all'unanimità. Purtroppo il Papa troppo spesso squalifica la dottrina (della quale non comprende il vero valore) con la conseguenza di lasciare all'arbitrio personale. Per fortuna che le sue opinioni personali non hanno il valore magisteriale infallibile quanto invece il Catechismo e il Magistero dei Papi precedenti.
Massimo M.I. likes this.
polos likes this.
Voglio precisare che lo scritto mi è venuto di Getto dopo aver pregato e chiesto aiuto al Signore, perché sentivo la responsabilità di aiutare il sac. È stato molto incoraggiante la lettura liturgica, mi sembrava per me: " Sap, 2. 12 Tendiamo insidie al giusto, perché ci è di imbarazzo
ed è contrario alle nostre azioni;
ci rimprovera le trasgressioni della legge
e ci rinfaccia le mancanze
contro…More
Voglio precisare che lo scritto mi è venuto di Getto dopo aver pregato e chiesto aiuto al Signore, perché sentivo la responsabilità di aiutare il sac. È stato molto incoraggiante la lettura liturgica, mi sembrava per me: " Sap, 2. 12 Tendiamo insidie al giusto, perché ci è di imbarazzo
ed è contrario alle nostre azioni;
ci rimprovera le trasgressioni della legge
e ci rinfaccia le mancanze
contro l'educazione da noi ricevuta.
13 Proclama di possedere la conoscenza di Dio
e si dichiara figlio del Signore.
14 È diventato per noi una condanna dei nostri sentimenti;
ci è insopportabile solo al vederlo,
15 perché la sua vita è diversa da quella degli altri,
e del tutto diverse sono le sue strade.
16 Moneta falsa siam da lui considerati,
schiva le nostre abitudini come immondezze.
Proclama beata la fine dei giusti
e si vanta di aver Dio per padre.
17 Vediamo se le sue parole sono vere;
proviamo ciò che gli accadrà alla fine.
18 Se il giusto è figlio di Dio, egli l'assisterà,
e lo libererà dalle mani dei suoi avversari.
19 Mettiamolo alla prova con insulti e tormenti,
per conoscere la mitezza del suo carattere
e saggiare la sua rassegnazione.
20 Condanniamolo a una morte infame,
perché secondo le sue parole il soccorso gli verrà».
21 La pensano così, ma si sbagliano;
la loro malizia li ha accecati.
22 Non conoscono i segreti di Dio;
non sperano salario per la santità
né credono alla ricompensa delle anime pure.
Bravo Massimo, temo che dovrò dire così anch'io al mio parroco, visto che glissa, dribbla sempre le mie domande, i dubbi che gli espongo riguardo alle blasfeme, eretiche ed apostatiche uscite di Bergoglio, Bassettti, Parolin, e tutta la coorte bergogliana, limitandosi a dire di stare uniti strettamente a Nostro Signore, ma non avendo il coraggio di dire una sola parola contro questa gerarchia …More
Bravo Massimo, temo che dovrò dire così anch'io al mio parroco, visto che glissa, dribbla sempre le mie domande, i dubbi che gli espongo riguardo alle blasfeme, eretiche ed apostatiche uscite di Bergoglio, Bassettti, Parolin, e tutta la coorte bergogliana, limitandosi a dire di stare uniti strettamente a Nostro Signore, ma non avendo il coraggio di dire una sola parola contro questa gerarchia traditrice. E come lui sono quasi tutti i parroci, curati, coadiutori, diaconi, ecc. Tutti con la bocca cucita, la testa girata dall'altra parte, pronti a dare dei fanatici, integralisti e divisivi a noi, mica a quegli anticristi che ci tiranneggiano e depistano ormai da 60 anni ! che ce ne facciamo di un clero così?
fidelis eternis likes this.
Spero che pubblicherai l'eventuale risposta... anche se dubito che il tuo parroco lo farà.
Sono convinto che abbia cestinato il tuo scritto al primo capoverso.
Alla faccia del "poliedro"
Fatima. likes this.