Clicks6.1K
Francesco Federico
206

ERBA DEL DIAVOLO, ERBA SANTA . . .

ERBA DEL DIAVOLO, ERBA SANTA . . .

di L. P.


Non ci è possibile silenziare il nostro sgomento, lo scoramento e, soprattutto, un sacrosanto e motivato sdegno che, quotidianamente, ci ferve e ci agita per via dei sempre più numerosi, incomprensibili, inopportuni ed aberranti interventi del Papa che, già al suo primo apparire quale neoeletto – ricordate quel nefasto e mondano ‘buonasera’ – hanno eraso e sottratto sacralità, autorità e reverenza alla sua funzione primaria di Vicario di Cristo ridottosi, così, a mero, seppur potente, presidente di una multinazionale religiosa. E non si creda peregrina questa osservazione dacché la Chiesa cattolica fa parte, dal 1965, seppure con il ruolo di ‘osservatrice’, di quell’agglomerato mondialista/massonico/sincretico che va sotto il nome di WWC (World Council of Churches – Concilio Mondiale delle Chiese) in cui detiene la dirigenza della “Commissione Fede e Costituzione” e di cui i papi Paolo VI (1969) e Giovanni Paolo II (1984) hanno approvato l’azione ‘ecumenica’(?) con il sigillo di personali visite e di sperticati elogî.

Si legge, su varî documenti, che la Chiesa cattolica, ritenendosi – a ragione – l’unica religione salvifica per elezione divina e per deposito di Verità, non ritiene di farne parte organica e che, pertanto, vi figura, come abbiamo scritto, quale osservatrice. Il che, anche al più sprovveduto fedele, suona abbastanza ipocrito ché, se il Magistero ritiene veramente quanto riferito, non dovrebbe nemmeno metterci la punta del becco. Ma tant’è: questo è lo stile del linguaggio conciliare fatto di no/ma, sì/però, mai/tuttavia, quel linguaggio di legno che Romano Amerio definì ‘circiteristico’ (Iota unum – ed. Lindau 2009 pag. 104).

Per quale caso ci siamo, oggi, impegnati a scrivere? Vediamo.

Vogliamo parlare di un altro evento, uno dei tanti che caratterizzano ancor più negativamente la vicenda terrena e la personalità di papa Francesco e che i massmedia mondiali, in ispecie quelli a caratura laicista che giornalmente consumano e bruciano tonnellate di incenso sull’altare dell’adulazione, hanno tenuto sotto coperchio a chiusura ermetica avendone, anche loro, avvertito – ah, quando si dice la percezione dell’indecenza! – l’effetto di rimbalzo negativo nei confronti dell’elogiato.

Fatti ed episodi che, una volta svelati perché sfuggiti alla ferrea censura del ‘politicamente corretto’, ci si dà da fare per rivestirli di positive connotazioni e ragioni pedagogiche, in nome della ‘trasparenza’ ma, soprattutto, all’insegna della ‘normalità umana’ nel cui nome, nell’intervento tenuto all’assise dei Superiori Generali (27/29 novembre 2013 – Salesianum, Roma – Ed. La Civiltà Cattolica, 4 gennaio 2014) egli definisce la vita come ‘realtà complessa’, fatta di grazia e di peccato, per la quale “se uno non pecca non è uomo”. Sicché, anche i vizî privati o le pregresse mancanze personali diventano, per compiaciuta o smascherata esternazione, segnavia modellari assimilati a pubbliche virtù, a necessarie mende collegate alla precarietà complessa della vita, mercé quella sincerità, quella bonomìa che sembrano tipizzare l’intero comportamento dell’attuale pontefice.

Il 9 giugno 2014 –
- Papa Bergoglio ha ricevuto, nel salone del Palazzo Apostolico, e non nella Casa di santa Marta, una delegazione di Indiani Quechuas argentini, una delegazione di cui in appresso diremo cifra culturale e caratura dottrinaria e sociale.

Fra i tanti doni presentati ed offerti, figuravano due bustone, due sacche contenenti foglie di coca su cui papa Bergoglio – horresco referens! – ha steso le mani in segno di palese consacrazione, mimando scandalosamente il rito divino del Santo Sacrificio!!!

Perché ‘scandalosamente’?
Primo, perché da queste foglie si estrae la ‘coca’ – la morte bianca – il cui monopolio, come riferiscono le cronache giornaliere, scatena vere e proprie guerre tra i gruppi e i cartelli della droga. Secondo, perché i Quechuas argentini, e in genere tutti gli abitanti della cordigliera andina che da sempre la masticano come stimolante psicotropo, per gli effetti esilaranti che essa produce stoltamente credono – come i loro antenati precolombiani – che tali foglie siano di origine divina e, per conseguenza, adorano la pianta della coca come una divinità. Stiamo, cioè, nel territorio del paganesimo e dell’animismo tribale.

A questa scena corre parallela un’antica corrispondenza storica, così come la racconta Elemire Zolla (L’androgino, Como 1989) – citato da Piero Vassallo in: Ritratto di una cultura di morte. I pensatori neognostici, Ed. D’Auria, Napoli 1994 pag. 52 – secondo il quale “nelle cerchie naassene di Samaria, l’illuminazione veniva cercata mediante il culto rituale di un serpente e mangiando un pane eucaristico allucinogeno contenente mandragora”.
Contro questi riti si scagliarono i Santi Padri della Chiesa: Ireneo, Epifanio, Clemente i quali compresero i danni fisici ma, soprattutto, quello teologico/morale che ne derivava, come il dissolvimento della fede e la corruzione della ragione. “E’ infatti illusorio sperare che la fede cada sopra il perfetto capovolgimento dell’intelletto. Molto saggiamente Gregorio XVI, un papa infamato a causa della strenua lotta che sostenne contro il dilagare delle tossicodipendenze (dilagare causato scientemente dai mercanti illuminati del liberalismo), impose al clero cinese che fosse negato il battesimo agli oppiomani. È una lezione dura, ma è da essa che occorre ricominciare. La fede è totalmente incompatibile con la follìa. L’umanità moderna non potrà incontrare il Salvatore se non avrà prima riconosciuto il Padre. È questa la vera gnosi” (Piero Vassallo: Ritratto di una cultura di morte, cit. pag. 38).

In direzione totalmente opposta si è, invece, mosso il Presidente della Multinazionale Cattolica WCC, alias il Papa della Cristianità, il quale, col suo gesto, ha direttamente legittimato l’uso immediato che di quelle foglie si fa e, indirettamente ma non meno gravemente, il suo più nocivo derivato, la polvere di coca cioè.
Ma è così difficile avvertire dove comincia e termina il confine del lecito e dell’opportuno? Anche l’antica saggezza pagana sapeva che esistono dei limiti oltre e al di qua dei quali non può esistere il bene. Recita Orazio “Est modus in rebus, sunt certi denique fines/quos ultra citraque nequit consistere rectum” (Sat. 1, 1, 106).

Ma chi e che cosa rappresentava quella delegazione?
Quella delegazione rappresentava un’associazione socio/politica, la TUPAC AMARU – Argentina, il cui presidente e capo riconosciuto è tale Milagro Sala. Lo statuto sociale del gruppo ha per fine la costruzione di case per gli emarginati, per coloro il cui reddito non consente di possedere un tetto. Nobile scopo che sottoscriviamo con entusiasmo specie se perseguito nel nome di Gesù, come ordina San Paolo. “Quodcumque facitis, ex animo operamini sicut Deo et non hominibus, scientes quod a Domino accipietis retributionem haereditatis. Domino nostro Christo servite” (Col. 3, 23/24) – Qualunque cosa fate, fatela di cuore come per il Signore e non per gli uomini, sapendo che quale ricompensa, riceverete dal Signore l’eredità. Servite a Cristo Signore.

Senonché . . . sullo stemma dell’associazione spiccava – e spicca tutt’ora, crediamo – la funesta, oleografica figura del mai troppo esecrato Ernesto ‘Che’ Guevara, terrorista e guerrigliero ‘longa manus’ di Fidel Castro, responsabile dell’assassinio di centinaia di campesinos, secondo per ferocia soltanto all’indiano Tupac Amaru, ultimo inca a cui si richiamò il MLN (Movimiento de Liberaciòn Nacional) di indirizzo e prassi marxista/leninista che terrorizzò l’Uruguay dal 1973 al 1985. Capite? Che Guevara!!

Senonchè . . . questa associazione si è schierata, con forte accento e netta partecipazione, a favore dell’omosessualità, deliberando la destinazione di 100 e più abitazioni alla LGBT e promovendo il ‘Gay Pride Parade’ svoltosi il 29 giugno 2014, cioè venti giorni dopo l’udienza papale, in San Salvador de Jujuy dove Tupac Amar ha il suo quartier generale. In . . . San Salvador. . .!!!

Senonchè . . . la sciarpa che Milagro indossava – un manufatto arcobaleno – lungi dal rappresentare un tipico prodotto quechua, era, ed è, il simbolo della comunità omosessuale, lo stesso che in formato bandiera l’indegno prete don Gallo di losca memoria, stendeva sull’altare del Sacrificio di Cristo.

Ora, noi non possiamo pensare che papa Bergoglio non si sia informato dell’identità di questa associazione, né dei suoi scopi sociali né del significato di quanto era stato donato ed esposto. La sua consenziente disponibilità a benedire quelle ‘offerte’ ci dice che fosse, eccome, consapevole dell’inopportunità di concedere, nell’augusto salone del palazzo Apostolico, siffatta udienza alla predetta delegazione cui pertanto riconosceva la cifra e la discendenza dalla ‘teologìa della liberazione’.
Ancora una volta un gesto di rottura con il bimillenario magistero della Chiesa; ancora una volta la prevaricazione della prassi antropologica sulla dogmaticità; ancora una volta l’accettazione e lo sdoganamento di ideologìe e dottrine nemiche di Dio ed amiche del mondo; ancora una volta un volontario, illegittimo riconoscimento di patente evangelicità attribuita a gruppi e movimenti eversori che sono, perciò, in guerra con la Parola di Dio.

In un nostro precedente servizio – L’insostenibile leggerezza del pensiero bergogliano – esaminammo l’arbitraria connotazione di una carità cristiana e di un sano e santo pauperismo che, a detta del papa, il marxismo, rubandola al Cristianesimo, avrebbe espresso nel suo contesto politico/sociale, e stampandola nella sua bandiera. Un deprecabile errore ed un'altrettanta deprecabile ignoranza storica, così come deprecabile è quello testé descritto. Aver benedetto le foglie di coca, aver fatto entrare nei Palazzi Apostolici la trista e dannata figura del simbolo del terrorismo marxista, aver abbracciato e baciato l’esponente della campagna pro/omosessuali e il suo straccio arcobaleno, ci dice che papa Bergoglio non incappa in errori di prospettiva per troppa bontà, accoglienza e misericordia ma che, con calcolata programmazione prepara, per il prossimo Sinodo di ottobre, la rivoluzione nella Chiesa.

Sempre che QUALCUNO glielo permetta fino in fondo. Ma: Non praevalebit!
Exsurge Domine!

(da Una Vox)
Se queste foglie anche se debitamente macinare ecc. Dovessero sostituire, Dio non voglia, il pane previsto per la consacrazione della Santa Eucaristia, avremmo una Messa invalida e chi la celebra consapevolmente commette sacrilegio.
Francesco Federico likes this.
Per quanto io possa essere pessimista non credo che si possa arrivare a tanto
Alba Lerro and 3 more users like this.
Alba Lerro likes this.
Suari likes this.
warrengrubert likes this.
Marziale likes this.
"Non è ciò che entra nella bocca dell'uomo che lo contamina, ma ciò che esce dal cuore"

10 COMANDAMENTI DI BERGOGLIO IO SONO IL PAPA TUO

1° NON ALZARE MURI

2° FAI PONTI

3° ACCOGLI GLI IMMIGRATI

4° LAVA I PIEDI A MUSULMANI E PROSTITUTE

5° BACIA LE SCARPE A PRESIDENTI

6° DIVORZIA E RISPOSATI

7° SE NON VAI A MESSA NON FAI PECCATO

8° L'INFERNO NON ESISTE

9° SE PECCHI …More
"Non è ciò che entra nella bocca dell'uomo che lo contamina, ma ciò che esce dal cuore"

10 COMANDAMENTI DI BERGOGLIO IO SONO IL PAPA TUO

1° NON ALZARE MURI

2° FAI PONTI

3° ACCOGLI GLI IMMIGRATI

4° LAVA I PIEDI A MUSULMANI E PROSTITUTE

5° BACIA LE SCARPE A PRESIDENTI

6° DIVORZIA E RISPOSATI

7° SE NON VAI A MESSA NON FAI PECCATO

8° L'INFERNO NON ESISTE

9° SE PECCHI E NON MERITI DI ANDARE IN PARADISO L'ANIMA SI DISSSOLVE

10° TUTTE LE RELIGIONI PORTANO A DIO

IO SONO IL PAPA TUO
Testimone82 likes this.
lui disse: 'vengo dalla fine del mondo', forse da lì dove comincia il mondo di sotto
Francesco Federico likes this.
Avrebbe dovuto dire : io vi porterò verso la fine del mondo……. Ma coraggio !!! NON PREVALEBUNT.... bergoglimam NULLA E' ,NULLA PUO' !!
Se si pensa che l'alcol é il primo in percentuale per morte tra le dipendenze, e che Gesù ne ha fatto il primo dei sacramenti, e Egli stesso ha ringraziato il Padre per il frutto della vite. C'è da riflettere sulle chiacchere che si scrivono. " Tutto quello che Dio ha creato è buono se preso con rendimento di grazia e santificato dalla preghiera" mentre è peccato la non riconoscenza anche per il …More
Se si pensa che l'alcol é il primo in percentuale per morte tra le dipendenze, e che Gesù ne ha fatto il primo dei sacramenti, e Egli stesso ha ringraziato il Padre per il frutto della vite. C'è da riflettere sulle chiacchere che si scrivono. " Tutto quello che Dio ha creato è buono se preso con rendimento di grazia e santificato dalla preghiera" mentre è peccato la non riconoscenza anche per il nostro pane quotidiano, infatti Gesù non mangiava senza aver reso grazie. Il sesso che nel matrimonio è fonte di vita, nell' inferno é motivo di condanna. Il denaro, " l'amore per il denaro è la radice d'ogni male" ne facciamo uso ogni giorno!
filippo gurgone likes this.
@Massimo M.I.
Non far dire alle scritture ciò che non dicono. Invece ascolta San Paolo e tutta la tradizione che invita ad essere sobri perché gli ubriachi-drogati non sono di Cristo essendo invece legati, schiavi, delle sostanze che assumono.

1Corinzi 6:9-10
9 O non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non illudetevi: né immorali, né idolàtri, né adùlteri, 10 né effeminat…More
@Massimo M.I.
Non far dire alle scritture ciò che non dicono. Invece ascolta San Paolo e tutta la tradizione che invita ad essere sobri perché gli ubriachi-drogati non sono di Cristo essendo invece legati, schiavi, delle sostanze che assumono.

1Corinzi 6:9-10
9 O non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non illudetevi: né immorali, né idolàtri, né adùlteri, 10 né effeminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriaconi, né maldicenti, né rapaci erediteranno il regno di Dio.
Non giustificati ne gli ubriaconi ne i drogati
padrepasquale
Quante parole vuote per denigrare il Papa! Questi ha accolto con la cortesia dovuta i suoi visitatori e i loro doni. L'autore del post fa perfino l'ironia che il Papa abbia steso le mani per consacrare le foglie di coca!!! Questo è delirio.
Perché secondo lei una persona che proferisce simili stoltezze: Nella Santa Trinità le Persone baruffano a porte chiuse, ma all'esterno danno l'immagine di unità
non fa uso di sostanze stupefacenti?
@padrepasquale
Senta questa:
Santo squilibrio! Parole forti, paradossali. Anche Gesù ha usato parole analoghe: "Il regno dei cieli è preso a forza e i violenti se ne impadroniscono"
(Matteo 11:12)
Ma, padrepasquale, visto che dobbiamo prendere lo "squilibrio" con le mani, come dice il Führer, mi spieghi, per cortesia, se dobbiamo prenderlo per la coda o per le corna.
Sul Golghota
Adesso abbiamo capito come mai riesce a spararle tanto grosse. Ha un aiutino...
Alex v b and one more user like this.
Alex v b likes this.
Francesco Federico likes this.
Francesco I
@gioiafelice : non critichi l'uso delle droghe anche il suo adorato "papa" le esalta

Gratteri: “No alla legalizzazione della cannabis, sbagliato liberalizzare ciò che fa male”
Gloria Dio Padre likes this.
solosole likes this.
E c'è chi come in questo articolo
Quell’ «anti-papismo» che tanto male fa alla Chiesa
nega anche l'evidenza
Quattro chili di cocaina su di un'auto di proprietà di un cardinale argentino vicino a Bergoglio
www.corriere.it/…/francia-fermata…
Maurizio Muscas likes this.
Francesco I
Vedi "Iota unum" di Romano Amerio scheda libro: .www.lindau.it/schedalibro.asp

Pubblicato nel 1985, frutto di una ricerca protrattasi per circa mezzo secolo, Iota unum è l’opera più complessa e profonda del grande studioso cattolico Romano Amerio, una riflessione serrata e sistematica sul Magistero della Chiesa novecentesca (in particolare conciliare) e, insieme, un’aggiornata summa …More
Vedi "Iota unum" di Romano Amerio scheda libro: .www.lindau.it/schedalibro.asp

Pubblicato nel 1985, frutto di una ricerca protrattasi per circa mezzo secolo, Iota unum è l’opera più complessa e profonda del grande studioso cattolico Romano Amerio, una riflessione serrata e sistematica sul Magistero della Chiesa novecentesca (in particolare conciliare) e, insieme, un’aggiornata summa metafisica cattolica (e il senso ultimo di questa summa, il suo apax, si trova tutto in Stat Veritas).
Contro molte scuole di pensiero formatesi nel dopoguerra, soprattutto dopo quel Concilio Vaticano II esaltato come «rottura e nuovo inizio», come una «nuova Pentecoste» della Chiesa (non solo l’«officina bolognese» di Dossetti, ma tutto il Nord Europa), Romano Amerio ripropone con forza il primato della Verità sull’Amore – come insegnato a partire dagli Evangeli, da san Giovanni Apostolo e san Paolo, e poi da sant’Agostino – per cui in Dio all’essere seguono prima l’intelligere e poi l’amare, e non viceversa. Per Amerio mutare quest’ordine significa indurre l’uomo ad agire non più mosso dal pensiero, ma dal sentimento, in una condizione di libertà illusoria.
«La celebrazione indiscreta che la Chiesa e la teologia ammodernata fanno dell’amore è una perversione del dogma trinitario, perché […] la nostra fede porta che in principio sia il Padre, il Padre genera il Figlio, che è il Verbo, e, dal Padre e dal Figlio, si genera lo Spirito Santo, che è l’amore. L’amore è preceduto dal Verbo, è preceduto dalla conoscenza. Separare l’amore, la carità, dalla verità, non è cattolico.»
warrengrubert and 2 more users like this.
warrengrubert likes this.
Marziale likes this.
Maurizio Muscas likes this.
Francesco Federico