Clicks604
Tempi di Maria
14

MEDAGLIA MIRACOLOSA E BANDIERA UE: L'EUROPA È DI MARIA! Leggete e capirete...

Se in qualche modo la Vergine Immacolata con l’apparizione di Rue du Bac – per la sua collocazione cronologica (1830) – aveva previsto e denunciato implicitamente e con largo anticipo l’inganno di una “nuova conformazione genetica” del vecchio Continente in senso liberal-massonico (vedi RUE DU BAC: L'INTERVENTO DELL'IMMACOLATA NEL 1830 VS L'EMPIO PROGETTO DI UN'UE MASSONICA!!!), in modo misterioso aveva però anche preannunciato la sua protezione su di esso e decretato la finale vittoria contro il serpente in questo decisivo terreno di scontro, quello europeo, su cui si era posata la predilezione di Dio fin da tempi antichissimi.

Esiste un fatto storico molto significativo che è stato interpretato, da firme cattoliche di rilievo, in senso provvidenziale.

Vittorio Messori ci fa sapere che l’8 dicembre 1955 il Consiglio d’Europa indiceva un concorso di idee per la nuova bandiera dell’UE (1). Il bozzetto vincitore, quello di 12 stelle su uno sfondo azzurro, era opera di Arsène Heitz, disegnatore francese e cattolico fervente.

L’idea fu preferita alle altre perché le stelle in numero 12 corrispondevano ad un’idea di perfezione e di pienezza per la cultura del mondo antico e medievale. Proprio questa simbologia sembrava cadere a pennello nel caso dell’UE perché risolveva il problema del numero di Nazioni che si sarebbero aggiunte progressivamente alla futura Federazione (12 valeva in quanto simbolo non in quanto numero preciso di paesi aderenti all’Unione) e racchiudeva in sé una simbologia dalla valenza positiva.

L’11 aprile 1983 la neo-Bandiera è stata fatta propria dal Parlamento europeo e, dal 1986, è divenuta vessillo dell’Unione Europea. La scelta – va notato – fu fatta indipendentemente da influenze di carattere religioso.

Ma è interessante sapere perché Arséne scelte quel bozzetto, quale “ispirazione” vi era dietro, la qual cosa mostrerà il legame provvidenziale che intercorre tra la Bandiera (simbolo dell’Europa) e la Medaglia (simbolo del patrocinio della Vergine). Ebbene, l’idea gli nacque durante la lettura entusiasta della storia di suor Caterina Labouré e della Medaglia, di cui divenne fervente devoto. Fu dunque quest’ultima l’ispiratrice principale del disegnatore francese.

Arséne, del resto, non aveva grandi speranze di vincere il concorso, né fu questa la reale motivazione che lo spinse a parteciparvi. Lo scopo della promozione dell’idea era principalmente quello di rispondere ad un impulso di entusiasmo nato dalla scoperta della Medaglia dell’Immacolata.

In questa chiave, la vicenda è stata interpretata come “un’astuzia della storia” orchestrata dal Cielo in un giorno (8 Dicembre, festa dell’Immacolata Concezione, giorno in cui ufficialmente fu adottata la Bandiera come vessillo dell’Europa unita) che più significativo non avrebbe potuto essere:

« Gli eurocrati sembravano davvero essere serviti da strumenti inconsapevoli di un piano che li ha travalicati. In effetti, il credente non può non pensare – anche davanti a questa strana vicenda – all’annuncio, apparentemente insensato, che risuona nel Magnificat e intonato dall’oscura e umile Vergine di Nazareth: “D’ora in poi tutte le generazioni i chiameranno beata” (Lc 1,48) » (2).

Note:
1) Cf V. Messori, Ipotesi su Maria (L’Europa e la Donna dell’Apocalisse), Ares, Milano 20156, pp. 103-112.
2) Ivi
, p. 108.
Massimo M.I.
Sarà di Maria ma siamo molto messi male, preferirei essere in papaua nuova Guinea, chiedo scusa ai piani alti
Francesco I and 3 more users like this.
Francesco I likes this.
alda luisa corsini likes this.
solosole likes this.
Acchiappaladri likes this.