Clicks594
it.news
7

Cardinal Sarah: “Preti e teologi ignoranti rovina Chiesa”

Per il Cardinal Sarah la teologia non è il problema della Chiesa ma “il cieco pragmatism” di tanti prelati – che rende preti e teologi ignoranti.

Nel suo ultimo libro “A servizio della Verità” il cardinale spiega “pragmatismo” come fenomeno quando si pensa solo all’azione. È “cieco” perché non illuminato da un pensiero consistente basato sulla parola di Dio. Questo pragmatismo apre la via ad ogni genere di errore. Spesso si ammanta di bontà, ma in realtà è buonismo.

I pastori che agiscono mossi dall’azione “buona” e nient’altro, senza orientarsi con l’insegnamento e la parola di Gesù, “sono lupi travestiti da agnelli. Dicono di servire il gregge mentre invece vogliono servirsi di esso per i propri scopi”.

Perciò lo studio è importante per Sarah. Spiega che il sacerdozio è più di un mestiere commune: “Se, dunque, un avvocato, un magistrato, un medico o un ingegnere devono essere molto competenti per fare bene il proprio lavoro, quanto più non dovrà esserlo un sacerdote?”

Sarah utilizza l’immagine dell’ “ospedale da campo” tanto caro a Francesco: “Nell’ospedale da campo c’è bisogno di medici molto competenti, che siano in grado di salvare vite. Un medico competente non si forma in un giorno”.

#newsSdratmzhzf

Diodoro
Quando si tornerà, o si arriverà, a parlare di Romanitas della Chiesa?
Non certo finché si resta "associati" al Biancovestito, che dal primo giorno ("Sono vescovo di Roma") ha attuato un attacco ossessivo a Roma - che non è "una delle tante città-degli-uomini", ma è l'Urbe sede di un Principio Universale, prima attuato in atmosfera pagana, poi realizzato con la Sede Petrina e la Cattolicità …More
Quando si tornerà, o si arriverà, a parlare di Romanitas della Chiesa?
Non certo finché si resta "associati" al Biancovestito, che dal primo giorno ("Sono vescovo di Roma") ha attuato un attacco ossessivo a Roma - che non è "una delle tante città-degli-uomini", ma è l'Urbe sede di un Principio Universale, prima attuato in atmosfera pagana, poi realizzato con la Sede Petrina e la Cattolicità della Chiesa.
Se i Santi Pietro e Paolo fossero stati martirizzati e sepolti altrove, in quell'altro luogo si troverebbe tuttora la Sede Petrina
La Verità vi farà liberi
Che senso ha attaccare i pastori ignoranti e, aggiungerei io, in malafede, per poi citare uno di loro, il loro capo?
Quando la finiremo di essere "pastori pavidi" e di dare un colpo al cerchio e uno alla botte?
lamprotes
Alla base di questo pensiero c'è qualcosa di bacato che ho segnalato sotto. Ovviamente non ho nulla nei riguardi di questo degno cardinale, per carità, ma i tempi sono quello che sono e se i migliori pensano così, figuriamoci i peggiori!
fidelis eternis
Ma lui non è quello che ha detto, a mo' di sfida " sfido chiunque a trovare un mio scritto in cui criico papa Francesco"?. Altra pasta d' uomo e fi consacrato è invece mons. Viganò
gianlub2
"degno cardinale" ...mica tanto
lamprotes
"[Il pragmatismo] È “cieco” perché non illuminato da un pensiero consistente basato sulla parola di Dio". Così afferma il cardinale Sarah. Mi permetto di precisare. Il "pensiero consistente basato sulla parola di Dio" non vuol dire molto perché ognuno lo può vedere a modo suo, legandosi il pensiero ad ogni genere di soggettività, formazione, gusto, ecc. Anche se "basato sulla parola di Dio", il …More
"[Il pragmatismo] È “cieco” perché non illuminato da un pensiero consistente basato sulla parola di Dio". Così afferma il cardinale Sarah. Mi permetto di precisare. Il "pensiero consistente basato sulla parola di Dio" non vuol dire molto perché ognuno lo può vedere a modo suo, legandosi il pensiero ad ogni genere di soggettività, formazione, gusto, ecc. Anche se "basato sulla parola di Dio", il pensiero di uno può divergere e opporsi a quello di un altro, come tutta la storia del Protestantesimo dimostra. Il pragmatismo è cieco, quindi, non tanto perché non è illuminato da un pensiero consistente basato sulla parola di Dio ma perché è slegato da una spiritualità tradizionale e autentica che lo vincolerebbe a quell'esperienza identica per tutti, quando si tratta di esperienza spirituale di Dio. E' questo che illumina, poiché la Vita da vita, non la semplice lettura che può tramutarsi velocemente in ideologia. Fintanto che il mondo cattolico non giunge qui non risolverà nulla. In parole povere, si tratta di passare dalla semplice conoscenza intellettuale (come auspica Sarah) alla sapienza che è tipica pure dei semplici e tali, infatti, li scelse Cristo.
gianlub2
Siamo distanti "anni luce"dal pensiero veramente "illuminato ed illuminante" di Mons Viganò- Anche il Card Sarah si è piegato ai compromessi