Astana 2022: la fine del Cattolicesimo

Se il Dio trinitario del Cristianesimo non è stato mai citato in tutto l'intervento del Papa ad Astana, appare evidente che si è voluto affermare che tutte le religioni adorino lo stesso Dio, cioè che per tutti esiste un unico Dio, benché professato con nomi diversi e fedi diverse. Si è affermato in pratica che tutte le religioni in qualche modo si equivalgono. Se questo può apparire un concetto perfettamente efficace dal punto di vista "ecumenico", non è accettabile per la fede cattolica, perché nega ciò che ha rivelato Gesù, che è la Via, la Verità e la Vita.

Egli la seconda Persona della Trinità, il Figlio, morto in croce per la nostra salvezza, in riscatto dei nostri peccati, gloriosamente risorto e asceso al cielo, ci ha rivelato che il vero Dio è la Santissima Trinità. La fede cattolica da lui fondata è quella vera, l'unica che può condurre alla salvezza, per cui tutte le altre religioni essendo false, non possono condurre alla medesima metà celeste.

Nell'intervento di Astana invece si è detto il contrario: “Di fronte al mistero dell’infinito che ci sovrasta e ci attira, le religioni ci ricordano che siamo creature: non siamo onnipotenti, ma donne e uomini in cammino verso la medesima meta celeste”. Come si fa a conciliare la reincarnazione del buddismo col credo cristiano o col credo musulmano? Non solo i cammini "celesti" sono diversi, ma anche le mete, ossia la concezione di Dio è diversa. Per esempio il Dio musulmano non è quello cristiano e entrambe queste fedi sono lontane dal concetto di divinità buddista.

Se si parla di un Dio unico per tutti, si vuol dire che si intende ricercare e professare una nuova fede universale, su cui fondare una nuova religione che inglobi tutte le altre. Si sta allora forzando l'idea di credere in un Dio comune che una volta compiuta la creazione, non essendosi ancora rivelato chiaramente, ha deciso di disinteressarsi di esser adorato per come egli è, ma addirittura evita il più possibile di entrare attivamente nella storia dell'uomo, lasciandolo in mano al suo libero arbitrio.

Gli uomini costituendosi in popoli e civiltà diverse, cercandolo e non trovandolo, lo hanno quindi immaginato in diversi modi, per poi adorarlo con culti diversi e nomi diversi. Nel corso della storia questo Dio lo si è immaginato immanente nella natura stessa (panteismo), opporre trascendente. Ma questo non è il Dio Cristiano!

Nel discorso di Astana implicitamente si ammette che tra le diverse culture religiose esistano molti punti di incontro che possono unire le diverse tradizioni religiose, da cui poter trarre un proficua sintesi universale, attraverso il confronto e il dialogo. Come riportato in questo passaggio: “Le religioni non sono problemi, ma parte della soluzione per una convivenza più armoniosa”

La ricerca della trascendenza e il sacro valore della fraternità sono da considerarsi preziosi aiuti per “ispirare e illuminare le scelte da prendere nel contesto delle crisi geopolitiche, sociali, economiche, ecologiche, ma alla radice spirituali che attraversano molte istituzioni odierne (...), per rispondere alla sete di pace del mondo e alla sete di infinito che abita il cuore di ogni uomo”.

Ora, cercando di non prenderci in giro, l'ipotesi di una religione di sintesi, sincretica, dubito possa interessare ai musulmani che difendono caparbiamente l'integrità delle loro fede e neanche ai buddisti che già si adattano alla New Age; ma allora a che pro proporre con forza una nuova religione fortemente sincretica? Riposta: per distruggere il Cristianesimo, anzi il Cattolicesimo! Bisogna che il cattolicesimo come adesso lo conosciamo sparisca, perché per la fede cattolica solo Cristo è la vera Via, l’acqua viva che appaga la sete di infinito, tutte le altre vie conducono alla perdizione.

Il Cattolicesimo è cioè pericolosamente divisivo, esclusivo, non polically correct. È chiaro che l'obiettivo vero è traghettare lo scomodo cattolico verso una nuova visione religiosa universale sincretista, magari panteista, funzionale al progetto politico mondialista. Nel nome di una pseudo-pacificazione totale e della grande fratellanza a prezzo dell’apostasia dalla verità cattolica, il nuovo cattolicesimo deve diventare soggettivo e pragmatico, per aprirsi più facilmente alla mentalità del mondo. Deve professare una fede modernista che, non fondandosi più su una verità oggettiva rivelata, ma su un sentimento, una sorta di fede istintiva, aperta al neo-gnosticismo che unisce bene e male, sacro e profano e che, in nome della pace, dell'ecologia, del sincretismo e soprattutto dell'accoglienza sacrifichi le verità ultime (Inferno, Paradiso, Purgatorio, Giudizio). I divisivi e anacronistici dogmi cattolici, devono essere abbandonati, perché la nuova fede cattolica, deve invece essere un contenitore accogliente per "unificare" le diversità riconciliate in un unica religione mondiale.

Il supremo compito di questo nuovo credo è quello di anteporre la pace sociale alla morale e alla Verità,
come vogliono le élite mondiali. In ultima analisi, la pace sociale che unisce deve imporsi sul conflitto che divide. Se è la prassi sociale che unifica e costituisce la realtà, allora essa diventa più importante di ogni norma morale, cioè la dimensione sociale supera in importanza qualsiasi dottrina religiosa. Se una norma non è seguita dalla maggioranza della società civile, non è unitiva, per cui essa deve adattarsi caso per caso, per corrispondere alla realtà, che è ciò che fanno tutti. L'Unità, ossia ciò che impone il pensiero unico, diventa superiore alla parte, per cui nessuna morale religiosa può essere assolutizzata ma tutte devono coesistere e confrontarsi con la vita reale, che definisce la morale "corrente" del mondo.

Il misericordismo diventa allora sotto questa ottica lo strumento principe per la lotta contro la rigidità dottrinale Cattolica in favore del relativismo religioso. Ecco che se la misericordia di Dio assicura una salvezza automatica universale, legittima implicitamente il peccato, per spalancare le porte dell'anima al vizio, che assoggetta l'individuo alle leggi del consumismo. La nuova teologia "progressista" che spadroneggia nelle alte sfere vaticane, serve infatti ad abbattere ogni dottrina, morale, liturgia tradizionale che ostacola il sincretismo. Essa ha scelto di servire il sincretismo, schierandosi contro la dottrina della Tradizione e contro il Vangelo stesso, e in ultima analisi contro Dio.

Si spalancano persino le porte al pauperismo e all'ecologismo, anzi meglio si apre al neo paganesimo (vedi culto panteista della madre terra) che ipocritamente, nel voler rispettare i culti ancestrali dei popoli sudamericani, mira invece a bandire dalla Chiesa la visione di un Dio buono ma anche tremendamente giusto, giudicato ormai troppo rigido. Non è più necessario convertire il mondo intero a Cristo, ma creare un cattolicesimo dove sussistono contemporaneamente sfaccettature diverse e opposte, anche se contraddittorie, per essere accoglienti e inclusivi, come vuole la mentalità del mondo.

Ben vengano, allora gli dei pagani, per professare un cattolicesimo pro immigrazione e contro il proselitismo, che spinga i popoli all’armonia e all’unità sociale che desidera unire gli opposti, elevando la diverse religioni alla stessa dignità. A tal proposito il discorso di Astana non manca di esortare a difendere il diritto di nascita dei bambini che viene però mescolato e asservito al diritto dei migranti a trasferirsi in altri paesi: “Ogni giorno nascituri e bambini, migranti e anziani vengono scartati. Tanti fratelli e sorelle muoiono sacrificati sull’altare del profitto, avvolti dall’incenso sacrilego dell’indifferenza. Eppure ogni essere umano è sacro”. Un'insalata di ingredienti conditi insieme per rendere più saporito un immigrazionismo selvaggio che ha come vero scopo la sostituzione etnica degli occidentali, volta a creare il nuovo cittadino del mondo globalizzato, senza patria, identità, religione, cultura, facilmente dominabile dalle élite mondialiste.

In tutto ciò dov'è il Dio Cristiano?!

Non c'è più posto per il Dio Cattolico, ma per un Dio che assomiglia spaventosamente al grande Architetto massonico!

L'era del Cattolicesimo è finita!


Come non meditare le parole della Santissima Madre:

«La grande imbarcazione sarà deviata dal porto sicuro, ma coloro che rimarranno fedeli alle lezioni del passato saranno riscattati e non periranno» (Messaggio 5.334, di Nostra Signora Regina della Pace, trasmesso il 08/09/2022).

«Camminate per un futuro in cui molti cammineranno come ciechi che guidano altri ciechi. Molti ferventi nella fede saranno contaminati e andranno nella direzione opposta alla verità» (Messaggio 5.336 di Nostra Signora Regina della Pace, trasmesso il 13/09/2022).

(Francesco Miridia, lettore e collaboratore)

__________


PS | Invito tutti ad iscriversi al canale telegram di Tempi di Maria nato per poter continuare a condurre con maggior libertà la buona battaglia della diffusione della verità, anche riguardo a quei temi oggi più osteggiati e censurati: Tempi di Maria
Caterina Greco
Di cosa vi stupite? Siete ancora convinti che Bergoglio sia il papa? Allora tenetevelo. La Chiesa Cattolica procederà senza il Vaticano, se non lo avete compreso, sarà: povera, catacombale, simile alle origini, il che non si associa all'opulenza vaticana.
pavilo shares this
2491
LA FINE DEL CATTOLICESIMO
LiberaNosDomine
Insistere a chiamare papa il personaggio bergoglio è un insulto all'intelligenza, alla legge canonica e a tutti i Cattolici ... Il personaggio va cacciato via dal Vaticano a pedate ... Causa distanza, gli invio la mia virtuale pedata
Rosanna Maiolino
Concordo! Insistere a chiamare Papa, chi non lo è , è un errore gravissimo! È come voler ammettere che Benedetto XVI non è più nessuno. Ma sappiamo tutti che è sempre il vero successore di Pietro colui che dovrebbe stare seduto su quel trono che gli è stato usurpato!!!
I poveri ingenui continuano a pensare che Bergoglio sia il vero Papa ma è una solenne bugia. Ma siccome gli è stato inculcato …More
Concordo! Insistere a chiamare Papa, chi non lo è , è un errore gravissimo! È come voler ammettere che Benedetto XVI non è più nessuno. Ma sappiamo tutti che è sempre il vero successore di Pietro colui che dovrebbe stare seduto su quel trono che gli è stato usurpato!!!
I poveri ingenui continuano a pensare che Bergoglio sia il vero Papa ma è una solenne bugia. Ma siccome gli è stato inculcato fin troppo bene, e per debolezza spirituale hanno accettato, continuano a identificarlo così: come il Papa.
Un vero Papa, e questo per la cronaca, Benedetto XVI , non avrebbe MAI, E POI MAI!!!! messo piedi in quel luogo chiamato Astana!!! per la sua integrità morale, spirituale, e teologica.
Solo un Bergoglio può andarci e rendersi ridicolo facendo la marionetta senza fili davanti al club dei massoni!
Ma il nostro Dio nella Santissima Trinità, saprà aspettare il momento giusto per agire.....e poi si vedrà.

Comunque i discorsi fatti e in particolar modo certe forme di espressione, rispecchiano chiaramente il potere emergente liberale e massonico che esalta la cultura Luterana del protestantesimo.
Ormai ci siamo. Le profezie, passate e presenti si adempiono. È fatta!
Fatima.
ASTANA 2022 🔴 LA FINE DEL CATTOLICESIMO... e l'inizio della guerra...
daniela polillo
Io sono felice perché tutti sta andando esattamente come pre visto da Dio e soprattutto perché sta accorciando i tempi... sinceramente non avrei immaginato di poter assistere alla nascita dell'unica religione mondiale! Ricorda che Gesù è nato a Mezzanotte❤️
daniela polillo
Tutto
Suari
Dio non ha mai voluto una unica grande religione mondiale, ma che il Vangelo fosse portato in tutto il mondo e ciò avverrà, ma non con i mezzi umani di questa umanissima chiesa con mezzi che solo Dio sa e non sarà indolore.
daniela polillo
Suari scusa, mi sono espressa male e questo è il punto più dolente per tutti. Partiamo dal punto di partenza: tutto ciò che succede è sotto"il controllo" di Dio=non si muove una foglia che Dio non voglia ( riferimento ad un evento biblico). In parole povere anche il male viene inglobato nel "volere divino" . Es. Già nell'antico testamento San Giobbe insegna che se arriva un ladro in casa è perché …More
Suari scusa, mi sono espressa male e questo è il punto più dolente per tutti. Partiamo dal punto di partenza: tutto ciò che succede è sotto"il controllo" di Dio=non si muove una foglia che Dio non voglia ( riferimento ad un evento biblico). In parole povere anche il male viene inglobato nel "volere divino" . Es. Già nell'antico testamento San Giobbe insegna che se arriva un ladro in casa è perché Dio lo ha concesso, idem con le malattie ( rileggi bene tutta la storia di Giobbe) . Visto che gli insegnamenti del vecchio testamento non sono stati capiti o volutamente interpretati male, Gesù e Maria vi hanno rispiegato con tutta la loro Vita Santissima cosa vuol dire questo ( a tal proposito leggi " la Vergine Maria nel Regno della Divina
daniela polillo
" la Vergine Maria nel Regno della Divina Volontà" di Piccareta ❤️ . Dio vuole che noi ci decidiamo a far venire in terra il Suo Regno di Amore e di Pace. Come succederà? Lo ha svelato ad alcune persone che lo hanno scritto nei secoli. San Daniele lo ha descritto, San Isaia anche poi San Giovanni e poi molti altri , tra cui anche Piccareta❤️. Ce lo ha svelato in modo diversi, usando linguaggi …More
" la Vergine Maria nel Regno della Divina Volontà" di Piccareta ❤️ . Dio vuole che noi ci decidiamo a far venire in terra il Suo Regno di Amore e di Pace. Come succederà? Lo ha svelato ad alcune persone che lo hanno scritto nei secoli. San Daniele lo ha descritto, San Isaia anche poi San Giovanni e poi molti altri , tra cui anche Piccareta❤️. Ce lo ha svelato in modo diversi, usando linguaggi diversi. Adesso, per modo di dire... Dal 1917 mi pare, la Madonna ce lo sta svelando con le innumerevoli apparizioni in tutto il mondo La Salette, Fatima, Medjugorje Akita, Garabandal, Paravati, Lourdes etc etc etc sono tutti la spiegazione dell'apocalisse e la Madonna ci ha detto cosa dobbiamo fare per riuscire a salvarci l'anima : CONVERTIRCI TUTTI. Gesù ha detto solo Lui è buono. Chi si crede apposto e che non si deve convertire avrà una brutta sorpresa. Siamo tutti mooolto peccatori e tutti dobbiamo convertirci, chi più chi meno. Infatti La Madonna ha detto che quando saranno resi noti i segreti sarà troppo tardi per la conversione. Dalla tua risposta deduco che non hai iniziato il percorso di conversione perché altrimenti saresti felice come me di sapere che finalmente stiamo arrivando al punto in cui Dio Padre dirà basta ❤️ nessuno sa quando tornerà Gesù per giudicare i vivi ed i morti, ma finalmente oggi è mooolto più vicino di ieri ... E la religione unica ( "pensata"dall'uomo che esegue il volere di Satana) è nell'elenco come il marchio della bestia, la lussuria che Sodoma e Gomorra erano principianti a nostro confronto, l'apostasia ( far entrare in chiesa solo le persone sane e dire e obbligare a credere nella scienza invece che in Dio per affrontare il problema pandemia " solo la scienza ci può salvare" vuol dire violare il primo comandamento. Chi sa che Dio permette tutto ciò che succede sa che tutto ciò che dobbiamo fare è affidarci a Dio e chiedere perdono ( leggi Giobbe : cenere in testa e vestito di sacco) perciò,come minimo, iniziare a convertirci!!!! E sapere in fondo al nostro cuore che SOLO DIO CI PUÒ SALVARE non la chirurgia ( es per il tumore) le medicine o qualsiasi altra cosa per qualsiasi cosa non va. Leggi la vita di Santa Rita da Cascia, il curato d'Ars etc etc. leggi la vita di san Kolbe ❤️
Dismas Sulla Croce
Caro Fra Pietro, Le inviai un documento sul congresso di Astana, circa due anni fa. In esso trascrivevo la frase più celebre del fondatore del congresso (N. Nazarbaev) : "si è visto bene che ogni religione prega l’unico Dio (... e che le religioni...) sono vie diverse per raggiungere l’unico Dio (...) Mi preoccupano solo quei gruppi pseudoreligiosi, presenti in tutto il mondo, che diffondono idee …More
Caro Fra Pietro, Le inviai un documento sul congresso di Astana, circa due anni fa. In esso trascrivevo la frase più celebre del fondatore del congresso (N. Nazarbaev) : "si è visto bene che ogni religione prega l’unico Dio (... e che le religioni...) sono vie diverse per raggiungere l’unico Dio (...) Mi preoccupano solo quei gruppi pseudoreligiosi, presenti in tutto il mondo, che diffondono idee negative (...) ecco cosa sono i "veri" cattolici, un semplice gruppo di fondamentalisti. Aggiunse il Nazarbaev, in un'altra intervista, che il ruolo del segretariato di Astana fosse principalmente di agevolare "... lo sviluppo di una cultura della tolleranza e del rispetto reciproco come contrappeso all'ideologia dell'odio e dell'estremismo (il lessico le è familiare?) prevenire la prevalenza di tesi sullo "scontro di civiltà", espresse nell'opposizione delle religioni e l'ulteriore politicizzazione delle controversie teologiche, nonché tentativi di screditare una religione con un'altra; promuovere il dialogo globale tra civiltà, culture e religioni". Chiarissimo. Ed aggiungerei che in concomitanza con il 7^ congresso di Astana di incontri multinazionali e multiculturali ce ne sono stati molti, nessuno dei quali trattava, però, temi religiosi. C'erano Cinesi e Russi..... Cosa ci facevamo noi cattolici lì?