La “visita a sorpresa” di Bergoglio (col fotografo vaticano appostato). I trucchi del presunto papa Francesco

13 gennaio 2022

Chissà che opinione hanno dei lettori a Vatican News. Leggete QUI la loro cronaca (con toni da Istituto Luce) della “spontanea e informale” visita A SORPRESA del presunto papa Francesco ai suoi amici del negozio di dischi Stereosound, al Pantheon.

Guarda caso, “il direttore di Reports Rome Javier Martinez Brocal – scrive l’agenzia vaticana - “si trovava CASUALMENTE in zona, ha poi immortalato l'uscita del Papa con la busta del regalo sotto il braccio e ha diffuso la foto sui social, dove è diventata virale in poco meno di trenta minuti”.

Basta un semplice click QUI per scoprire che Brocal è il fotografo-biografo di Bergoglio e che Reports Rome QUI è la sua agenzia di stampa ispanofona che segue il Vaticano .

Direttore Tornielli, ma Santo Cielo, non potevate almeno far diffondere la foto da un tizio qualsiasi?

Come può Bergoglio essere “un uomo di una semplicità straordinaria”, (riportate così), se il suo fotografo era appostato per riprenderlo all’uscita del negozio? Volete realmente dirci che su una città di 2,8 milioni di abitanti, della superficie di 1,285 kmq, nell’arco di 15 minuti si sono CASUALMENTE incontrati il presunto papa e il suo reporter-biografo personale?

Questa commedia sta terminando veramente male, abbiate pazienza.

Giusto due giorni fa abbiamo pubblicato QUI un articolo sulle tecniche di manipolazione mediatico-emozionali di Bergoglio e lui il pomeriggio che fa? L’”improvvisata” in centro, a Roma, senza scorta (visibile), con la Fiat 500 bianca alla Guccini, per andare nel negozio di dischi.

Non è la prima volta; nel 2015 si era recato in un negozio di ottica dicendo: “Non voglio una montatura nuova, bisogna rifare solo le lenti. Non voglio spendere. Che c’è di strano?”. In effetti, Eccellenza, con soli 22 milioni di euro sul conto personale QUI non è il caso di largheggiare. Nel 2016, stessa solfa in un negozio di scarpe, ma lì almeno si aveva avuto l’accortezza di lasciare che fossero “i dipendenti del negozio” a diffondere le foto QUI .

Ora, chi conosce un poco la storia sa bene che la “passeggiata informale a sorpresa” fra il popolo è uno dei più vecchi, abusati trucchi comunicativi adoperati dai governanti (spesso non troppo democratici) per la più immediata captatio benevolentiae del popolino e dei media. Infatti, il coro è stato unanime: “Lo avete visto! Il papa! Ma allora è uno di noi! Passeggia come un qualsiasi cittadino! Com’è democratico: ecco la sua straordinaria umanità, la sua semplicità, la sua vicinanza al popolo ... poi con l’utilitaria, la 500…” etc.

Ricordate un certo signore calvo quando, a petto nudo e col fazzoletto annodato in testa, andava coi mietitori a falciare nei campi? Almeno, in quel caso, c’era una giustificazione: la Battaglia del Grano, contro le sanzioni etc. In tempi recenti, con le dovute, siderali distanze, potremmo citare la scena penosamente preparata di Matteo Renzi al supermercato in jeans QUI .

Il meccanismo psico-demagogico elementare è, comunque, sempre lo stesso: non è il governante che “si abbassa”, ma è lui che “solleva gli altri” al suo livello. Li fa sentire gratificati, emozionati, onorati. Poi quando a rompere il protocollo è una figura tradizionalmente irraggiungibile e circondata da un’aura di sacralità come il papa, figuriamoci.

Ma ve li immaginate San Giovanni Paolo II o Benedetto XVI a organizzare queste manfrine? Ma non scherziamo, per favore…

Comunque, il problema non è che Bergoglio, in crisi completa, voglia catturare facili consensi, per carità; la cosa inaccettabile è che lo faccia pretendendo di essere il papa.

Purtroppo dobbiamo dirvelo, anche a costo di risultare sgradevoli: ci stanno turlupinando in modo sempre più sfacciato.

Che siate laici o credenti, se volete evitare di essere menati per il naso, per giunta con iniziative buone per l’America Latina degli anni ’60, tenete a mente questi tre punti che potrete trovare spietatamente documentati nell’inchiesta di 60 capitoli in fondo a questo articolo QUI

Per tutti, laici e credenti: Bergoglio NON è il papa. Non lo è perché il vero papa Benedetto XVI, costretto a uscire di scena per l’ammutinamento di membri infedeli della Curia (vedi Mafia di San Gallo), non ha abdicato, ma è entrato in SEDE IMPEDITA, (canone 412) una situazione canonica opposta all’abdicazione. Il vero pontefice, Benedetto XVI, si è autoconfinato, autoesiliato in Vaticano per restare quell’unico papa di cui parla da otto anni senza mai spiegare quale sia e salvare così la Chiesa dall’assalto massonico-modernista. Lo abbiamo dimostrato sulla base del Diritto canonico fin da marzo scorso, non siamo mai stati smentiti ufficialmente da nessuno, NEMMENO DA PAPA BENEDETTO XVI IN PERSONA, quando ci ha risposto per lettera QUI.

E se papa Ratzinger fosse davvero l’ex-papa, non sarebbe stato suo dovere riprenderci con severità e difendere la legittimità di Francesco? Formalmente, Bergoglio non è più nemmeno un cardinale perché con l’antipapato si perde quello status: è un vescovo che ha SCELTO di vestirsi di bianco come rivela lo stesso papa Ratzinger QUI. Benedetto XVI è il “papa emerito”, non giuridicamente, ma fattualmente perché, dal verbo emereo, è l’unico che ha il diritto ad essere papa QUI in una situazione dove, come spiega Mons. Gaenswein QUI, ci sono due papi, di cui SOLO UNO E' LEGITTIMO.

Per i credenti: Bergoglio non è cattolico. Andate a ripassare il Catechismo di quando eravate bambini , informatevi bene e vedrete che dice cose che non stanno né in cielo né in terra per il Cattolicesimo. Lui conta sul fatto che ormai i principi della fede cattolica non se li ricorda più nessuno e quindi può dire quello che gli pare. Lo dimostra il fatto che praticamente tutti i più autorevoli commentatori cattolici laici, di destra o di sinistra, lo criticano ferocemente da Magister (L’Espresso) a Tosatti (ex La Stampa) a Valli (ex Tg1).

Ci sono arcivescovi, vescovi, teologi e preti che si sono esposti in prima persona QUI per dire che Bergoglio non è il papa e alcuni di loro sono stati scomunicati a sangue senza processo. Il falso papa Francesco vi propone una nuova fede taroccata, emozionale e addomesticata al mondo che è allettante, facile e promette il Paradiso per tutti: un Paese dei Balocchi. Ma non è quello che ha detto Gesù Cristo, anzi spesso è proprio il contrario. Tutto ciò è molto pericoloso: se vi fidate del fatto che si andrà TUTTI in Paradiso, che Dio è SOLO misericordia, senza essere anche GIUSTO, poi potreste avere una brutta sorpresa, magari risvegliandovi nel posto sbagliato. Attenzione: Bergoglio non dice quello che ha detto la Chiesa per 2000 anni, così come dovrebbe fare il papa, leggete QUI

Se vi fidate di Bergoglio, state seguendo la SUA nuova religione, non quella della vera Chiesa cattolica. Il suo plagio è la demagogia emozionale: vi parla sempre di poveri, di bambini malati, di migranti, di ingiustizie sociali, di ultimi, di lavoratori sfruttati, come ieri QUI di ecologia etc. su 99 storie lacrimevoli e banalità condivisibili solo su un piano emotivo e superficiale, la 100esima è inversiva per la religione cattolica, un bug, un virus che inceppa tutto il sistema e lo sovverte. Inoltre, ha dimostrato pesantissime e ricambiate simpatie per la Massoneria QUI (porta perfino al collo un simbolo rosacrociano QUI) associazione segreta che costituisce la perfetta “antimateria” rispetto al Cattolicesimo.

Per i laici: anche se non vi interessano le questioni religiose, fate attenzione lo stesso. Bergoglio è un capo di stato estremamente influente e pericoloso per la sopravvivenza dell’Italia come Paese sovrano (e non sovranista). Se si desse applicazione alla sua pseudo-enciclica “Fratelli e sorelle tutti”, con quell’immigrazione forzata mondialista da lui promossa e che sta cercando di mascherare negli ultimi tempi con uno pseudo-patriottismo ingannevole QUI, dell’Italia non rimarrebbe pietra su pietra nel giro di 10 anni. Bergoglio stesso dice che bisogna usare la crisi per instaurare un Nuovo ordine mondiale, un progetto oscurissimo di matrice massonica. Lo ha dichiarato lui stesso il 13 marzo 2021 a La Stampa.

Poi, se volete continuare a credere al ritornello zuccheroso del “papa buono, misericordioso, accogliente con i migranti, gli ultimi e i poverelli, che svecchia la chiesa contro gli arcigni tradizionalisti” fate pure, che vi dobbiamo dire, ma vi renderete presto conto che è un disco rotto.

(E che proprio per questo, inconsciamente, Bergoglio abbia voluto fare la sua “visita a sorpresa” proprio in un negozio di dischi?).

La “visita a sorpresa” di Bergoglio (col fotografo vaticano appostato). I trucchi del presunto papa Francesco

luxy
quando in un altro post si sottolineava la "mondanità", "che vergogna" era il coro...ora si insinua che sia una messinscena e il coro è sempre: "che vergogna". Immagino che neanche il giorno della sua morte lo lascerete in pace, magari incolpandolo di averci lasciati nei guai!
lamprotes
I fatti parlano per chi li vuole vedere.
Francesco I
@luxy
Sì, ha ragione , Bergoglio è umilissimo come certi personaggi dei romanzi di Henry Fielding .
Per documentare questo suo sentimento ed atteggiamento di rispetto e di sottomissione verso gli altri, egli si fa seguire dal fotografo di corte.
A proposito, chi era colui che diceva:

............"nesciat sinistra tua quid faciat dextera tua" ?
Evangelium secundum Matthaeum, 6 -
Bíblia Católi…
More
@luxy
Sì, ha ragione , Bergoglio è umilissimo come certi personaggi dei romanzi di Henry Fielding .
Per documentare questo suo sentimento ed atteggiamento di rispetto e di sottomissione verso gli altri, egli si fa seguire dal fotografo di corte.
A proposito, chi era colui che diceva:

............"nesciat sinistra tua quid faciat dextera tua" ?
Evangelium secundum Matthaeum, 6 -
Bíblia Católica Online
: Evangelium secundum Matthaeum, 6 - Vulgata Latina vs La Sacra Bibbia - Bíblia Católica Online
N.S.dellaGuardia
Eh la vergogna di questi tempi è una merce rarissima...
luxy
Francesco I e cosa le fa credere che sia stato lui ad orchestrare tutto? Lo ha visto? lo ha sentito? Per ogni situazione vi sono mille aspetti che a noi possono sfuggire, per questo sarebbe opportuno evitare ogni "giudizio temerario"
Francesco I
@luxy
Bravissima! Se dovessi averne bisogno la prenderò come mia avvocata: adesso, per meritare un 30 lode mi giustifichi anche le affermazioni di Bergoglio contenute nel video sottostante, prima legga, però, questo articolo per comprendere il contesto in cui le ha pronunciate:
Ricevere una telefonata da Bergoglio, per sentirsi augurare l’Inferno…(audio e video)
luxy
Io, non devo giustificare proprio nulla, poiché forse non sono stata sufficientemente chiara, ma non va giudicato un Papa. Può piacere o non piacere, sentirsi affini o distanti anni luce, ma quello che fa o che dice il Papa in veste privata e di persona oltremodo comune, non è affar nostro. Noi per lui dobbiamo solo pregare e morderci la lingua, quando sta per partire il giudizio (temerario o no)…More
Io, non devo giustificare proprio nulla, poiché forse non sono stata sufficientemente chiara, ma non va giudicato un Papa. Può piacere o non piacere, sentirsi affini o distanti anni luce, ma quello che fa o che dice il Papa in veste privata e di persona oltremodo comune, non è affar nostro. Noi per lui dobbiamo solo pregare e morderci la lingua, quando sta per partire il giudizio (temerario o no) nei suoi ed altrui confronti. Perché se è sbagliato farlo nei confronti di un nostro fratello comune, ancor più lo è su un consacrato di Dio. Se sia infedele sta solo a Dio giudicarlo e al momento opportuno. Noi dobbiamo pregare e tanto affinché si conservi fedele, questo è il nostro compito e di questo ci sarà chiesto conto il giorno del nostro giudizio particolare. Tra le altre cose, c'è anche un commento che chiarisce molto l' equivoco scaturito dal video, perché non si capisce bene quello che dice. quello che è chiaro è che non augura né a sé ne ad altri di andare all' inferno. Ma uno, nei commenti, ha fatto notare che ha detto altro, facendo rilevare il carattere assolutamente di semplice "battuta". In realtà il commentatore ci vede della superstizione, ma siamo punto e a capo ci si vede quel che ci si vuole vedere...per me è una battuta, potrà piacere o no, essere fuori luogo o no, ma non credo che da questo dovrebbe dipendere la nostra fede! 🙏
Francesco I
Il dovere di un papa è quello di trasmettere ciò che gli fu insegnato, "Tradidi quod et accepi". Invece l'ex cardinale Bergoglio si è costruito una religione tutta sua: politeista anziché monoteista, il cui ha sostituito l'iperdulia dovuta alla Vergine Santissima, con l'adorazione di idoli pagani barbarici.
Preghiamo, dunque, affinché il Signore Dio degli Eserciti gli tocchi il cuore ed egli si …
More
Il dovere di un papa è quello di trasmettere ciò che gli fu insegnato, "Tradidi quod et accepi". Invece l'ex cardinale Bergoglio si è costruito una religione tutta sua: politeista anziché monoteista, il cui ha sostituito l'iperdulia dovuta alla Vergine Santissima, con l'adorazione di idoli pagani barbarici.
Preghiamo, dunque, affinché il Signore Dio degli Eserciti gli tocchi il cuore ed egli si converta.
Egli osa bestemmiare il nome di Maria Santissima
Bergoglio proclama la "teologia del meticciato" Al contrario, spiega …
cosa che, a detta degli esorcisti, non è consentita neppure ai demoni dell'inferno: Lettera dall'inferno - Una storia vera (audio)
In ogni caso egli conosce benissimo quale sia il triste destino che lo attende:
luxy
Francesco I
Guardi, preghi per quello che vuole, ma da un cuore duro come il suo, la sua preghiera non credo che per il Papa farà la differenza...
lamprotes
Che dopo i "preti da strada" si crei la figura del "papa da marciapiede"??? Il terzo gradino più in basso potrebbe proprio essere "Cristianesimo da fogna"!
lamprotes
Ognuno vi vede quel che vi vuol vedere ma ci troviamo, per lo più, dinnanzi a reazioni di pancia. Se si vede la cosa razionalmente, si comprende che è una mossa "politica", di cura dell'immagine e nulla più, un'immagine che però detronizza il papa a livello del marciapiede.
luxy
Ecco, appunto, "ognuno ci vede quel che ci vuole vedere", ma in quale vangelo Gesù ci invita ad avere uno sguardo torvo verso il prossimo? Non è forse vero piuttosto il contrario?