Clicks80
Fatima.

Salviamo i bambini dalla Dittatura sanitaria

[Inoltrato da Roberto Nuzzo - (Roberto Nuzzo)]

Ho scritto questa lettera
Fallo anche tu!
Roberto Nuzzo

OGGETTO: Doc video del World Economic Forum del 18.01.2021 - BLOCCO INTERNET. Richiesta inform.

Al Presidente del Consiglio
Mario Draghi
uscm@palazzochigi.it

MINISTRO DELL'INTERNO
segreteriatecnica.ministro@interno.it

SIAP SINDACATO
segreteriaict@siap-polizia.it

SILP SINDACATO DEI LAVORATORI
segreterianazionale@silp.cgil.it

SINDACATO UIL POLIZIA
nazionale@uilpolizia.it

CONSAP CONFED. SINDACALE POLIZIA
segreteriagenerale@consap.org

SAP SINDACATO AUTONOMO. POLIZIA
nazionale@sap-nazionale.org

SIULP SINDACATO ITALIANO UNITARIO LAVORATORI POLIZIA
nazionale@siulp.it

NSP NUOVO SINDACATO POLIZIA
segreteria.nazionale@nsp-polizia.it

Presidente del Consiglio,
le scrivo per portarla a conoscenza di un video molto inquietante, pubblicato sul canale YouTube "World Economic Forum", di cui si allega il link: youtube.com/watch?v=-0oZA1B3ooI

Questo video, praticamente dice che:
<
La pandemia di covid 19 ha scosso le nostre economie e società fino al midollo, e ci mostra quanto siano vulnerabili le persone alle minacce biologiche.
Nel mondo digitale rischi simili vengono trascurati in questo momento.
Un attacco informatico con caratteristiche simili al COVID si diffonderebbe rapidamente e oltre a qualsiasi virus biologico.
Il suo tasso riproduttivo sarebbe circa 10 volte maggiore di quello che abbiamo sperimentato con il coronavirus.
Per darvi un'idea dei worm più veloci della storia, lo Slammer Sapphire del 2003 ha raddoppiato le sue dimensioni circa ogni 8,5 secondi infettando oltre 75.000 dispositivi in 10 minuti e quasi 11 milioni di dispositivi in 24 ore.
Fortunatamente, almeno fino ad ora, gli attacchi informatici non hanno avuto un impatto sulla nostra salute come hanno fatto le pandemie. Ma i danni economici e quindi l'impatto che hanno avuto sulla nostra quotidianità sono stati uguali e a volte anche maggiori.
Il modo online, per fermare la propagazione esponenziale di una minaccia informatica simile al Covid, è quella di disconnettere completamente i milioni di dispositivi vulnerabili l'uno dall'altro e da Internet.
Tutto questo in una manciata di giorni. Un solo giorno senza Internet costerebbe alle nostre economie più di 50 miliardi di dollari e questo prima di considerare i danni economici e sociali se questi dispositivi fossero collegati a servizi essenziali, come i trasporti o l'assistenza sanitaria.
Poiché il regno digitale si fonde sempre più con il nostro mondo fisico gli effetti a catena dell'attacco informatico sulla nostra sicurezza continuano ad espandersi più velocemente di quanto ci stiamo preparando.
Il Covid 19 era conosciuto come un rischio anticipato, così come l'equivalente digitale.
Prepariamoci meglio per quello. Il momento è ora!
Dal World Economic Forum>>

Ora, alla luce di quanto sta accadendo (dove i SIERI GENICI SPERIMENTALI uccidono, piuttosto che salvare delle vite da una infezione che appare sempre più strumentalizzata e criminalizzata per fini politici-economici) il Popolo ha il diritto di sapere la verità.

Detto questo, dato che anche lei, come me, ha giurato fedeltà alla Costituzione, le chiedo che cosa intende fare rispetto a quanto asserisce questo filmato?

Visto che in TV non si fa altro che parlare di SIERI GENICI (che volutamente vengono chiamati vaccini), di morti e di malati, gradiremmo tutti quanti poter avere una conferenza stampa da lei, Presidente del Consiglio, al fine di informare la popolazione se il video del WORLD ECONOMIC FORUM è una fake news allarmistica oppure qualcosa di serio e preoccupante.

Per inciso, io non nutro alcuna stima nei suoi confronti e non ripongo in lei nessuna fiducia, ma con questo voglio dirle che qualche italiano, purtroppo, ancora le crede, pertanto, dica la verità almeno a chi le crede.

Ci faccia sapere se si tratta di terrorismo mediatico oppure di qualcosa di CRIMINALE studiato per danneggiare la popolazione globale.

Attendiamo con ansia di sapere se lei ama il suo popolo oppure lo odia.

(nome e cognome)