Clicks192
I vaccini contro il Covid-19 attualmente in distribuzione nell’Unione Europea sono sviluppati, prodotti e/o testati con linee cellulari che provengono da bambini abortiti. A prescindere dalla questi…More
I vaccini contro il Covid-19 attualmente in distribuzione nell’Unione Europea sono sviluppati, prodotti e/o testati con linee cellulari che provengono da bambini abortiti. A prescindere dalla questione sulla liceità, in determinate circostanze, della somministrazione e dell’uso di vaccini (anche anti-Covid-19) collegati a “materiale biologico” derivante da feti abortiti, è necessario condannare fermamente un sistema che sfrutta tali linee cellulari nella ricerca, produzione o sperimentazione. Inoltre, l’uso di queste linee cellulari rischia, almeno nel lungo periodo, di incentivare ulteriori aborti o il ricorso a nuove cellule di feti abortiti, e costituisce uno scandalo in quanto tende a normalizzare l’idea che l’embrione umano sia un oggetto sacrificabile e disponibile.
La produzione e distribuzione di vaccini (o di altri prodotti farmaceutici, cosmetici, alimentari ecc.) collegati, anche remotamente, con l’aborto sono molto problematiche dal punto di vista morale. Per questo difendiamo in linea di principio il diritto all’obiezione di coscienza contro questi prodotti. Inoltre, è sorprendente il fatto che, su circa 50 vaccini in fase di produzione, siano al momento distribuiti nell’Unione Europea soltanto alcuni di quelli collegati a linee cellulari derivanti da feti abortiti.
I ricercatori Montanari e Gatti, di recente, hanno reso noti alcuni dati interessanti. Vediamo qualche stralcio di dichiarazione rilasciata da uno dei due scienziati: «Per alcuni vaccini si usano tessuti di feti abortiti volontariamente. (…) Questo – dice Montanari – perché i vaccini hanno bisogno di un terreno particolare per essere prodotti e alcuni vengono benissimo se si tratta di tessuti fetali umani». Non solo questo ci ricorda il Professore, ma anche che «il feto deve forzatamente essere in ottime condizioni». E ancora: “I feti sono abortiti volontariamente a scopo di vendita. Esistono le fatture di acquisto recentissime di questi feti divisi in parti anatomiche e i documenti sono nelle mani di FBI e Congresso USA».
Oltre a queste importanti informazioni, non forniteci da un chicchessia qualunque, possiamo far fronte ad un’altra riflessione essenzialmente collegata allo scandalo della Planned Parenthood, Vedi video:

youtu.be/s0MxjFWR_Bg,

youtu.be/11jIg-CiBqw

youtu.be/cVg3mvLUIls

youtu.be/PgkE7oZz7sE

, Questa fabbrica di aborti – che ne produce circa 330.000 all’anno – si è vista travolta dalle notizie trapelate dall’interno che con tanto di video documentavano le diaboliche operazioni premeditate davanti a gustosi calici di vino. Pensando all’uso “scientifico” o sperimentale dei tessuti fetali abortiti, a volte cercando di farli nascere a cuor battente per conservare meglio gli organi, poi suddivisi e rivenduti a 325 dollari l’uno ( più le spese di trasporto con speciali congelatori ), non possiamo fare a meno di unire i puntini che del resto mostrano già lo squallido disegno a monte: oltre agli esperimenti, le molte aziende coinvolte in questo smercio collaborano attivamente con le case farmaceutiche. Le case farmaceutiche, a loro volta, producono vaccini. E nei vaccini, guarda caso, sono presenti linee cellulari di feti abortiti.

La Congregazione per la Dottrina della Fede (Istruzione Dignitas Personae su alcune questioni di bioetica, approvata dal Sommo Pontefice Benedetto XVI il 20 giugno 2008) ha affermato quanto segue a proposito «dell’uso di “materiale biologico” umano di origine illecita»:

«n. 34. Per la ricerca scientifica e per la produzione di vaccini o di altri prodotti talora vengono utilizzate linee cellulari che sono il risultato di un intervento illecito contro la vita o l’integrità fisica dell’essere umano. […] L’uso degli embrioni o dei feti umani come oggetto di sperimentazione costituisce un delitto nei riguardi della loro dignità di esseri umani, che hanno diritto al medesimo rispetto dovuto al bambino già nato e ad ogni persona. Queste forme di sperimentazione costituiscono sempre un disordine morale grave.

«n. 35. Una fattispecie diversa viene a configurarsi quando i ricercatori impiegano “materiale biologico” di origine illecita che è stato prodotto fuori dal loro centro di ricerca o che si trova in commercio. L’Istruzione Donum vitae ha formulato il principio generale che in questi casi deve essere osservato: “I cadaveri di embrioni o feti umani, volontariamente abortiti o non, devono essere rispettati come le spoglie degli altri esseri umani. In particolare non possono essere oggetto di mutilazioni o autopsie se la loro morte non è stata accertata e senza il consenso dei genitori o della madre. Inoltre va sempre fatta salva l’esigenza morale che non vi sia stata complicità alcuna con l’aborto volontario e che sia evitato il pericolo di scandalo”.