Clicks1.1K
Francesco I
17

La “rugiada” massonicheggiante e le strane novità del nuovo messale

Da domenica 29 Novembre 2020, nelle chiese si reciterà il nuovo messale voluto da Francesco: i numerosi cambiamenti sembrerebbero solo innocue sfumature, ma, per via logica, producono pesanti ripercussioni sulla dottrina e comportano associazioni – ci si consenta - un poco “imprudenti”.

Innanzitutto, laddove nella Messa ricorre la parola “fratelli”, si aggiungerà “sorelle”: “Confesso a Dio onnipotente e a voi, fratelli e sorelle…”. Un inchino al pensiero unico-politicamente corretto (e gli altri 54 sessi?), ma l’aggiunta sembra abbastanza inutile dato che per “fratelli”, ovviamente si intendeva già tutto il genere umano. Non a caso, la stessa ultima enciclica di Bergoglio si chiama “Fratres omnes”, e non “Fratres et sorores omnes”.

Ma questo è il meno. Il nuovo Gloria sarà: “Pace in terra agli uomini, amati dal Signore” invece che “agli uomini di buona volontà”. E qui c’è qualcosa che non torna dal punto di vista teologico, sempre se le parole hanno il loro peso: TUTTI GLI UOMINI, INFATTI SONO AMATI DA DIO, ma in molti non lo ricambiano affatto e, legittimamente, non vogliono beneficiare della Sua pace. Come dire: il sole splende per tutti, ma ci sono persone che scelgono di restare all’ombra. Ecco perché, da 1500 anni, secondo la Vulgata di San Girolamo (non esattamente l’ultimo arrivato) si specificava “uomini di BUONA VOLONTÀ”: coloro che accolgono il messaggio di Gesù Cristo, Figlio di Dio.

Perché, infatti, la pace del Signore (cristiano cattolico) dovrebbe scendere su un guerrigliero dell’Isis, senza che lui sia minimamente d’accordo?
Sembra che torni il solito misericordismo, con "tutti in Paradiso", ma per la dottrina, lo ricordiamo, gli uomini sono liberi di rifiutare Dio fino ad auto-collocarsi all’inferno. Dio non può mandare in Paradiso “forzatamente” le anime che Lo rifiutano perché verrebbe meno il libero arbitrio dell'uomo. Almeno, questo dice l'intangibile depositum fidei. Poi, se vogliamo considerare “il Signore” come una specie di Architetto dell’universo buono per tutti, anche per l’Isis, va bene: ma siamo fuori dal Cattolicesimo, non siamo a messa.

Inspiegabile, poi, la sostituzione di «Signore, pietà, Cristo, pietà» con la versione greca «Kyrie, eleison, Christe, eleison». Fino ad oggi è stata fatta guerra aperta alle congregazioni che celebravano la messa in latino e ora si inserisce addirittura il GRECO? Il sospetto sollevato da alcuni è che la scelta non sia stata casuale perché l’invocazione renderà, di fatto, incomprensibile al 90% dei fedeli quella invocazione piena di timor di Dio magari visto come un residuo troppo identitario del Cattolicesimo ed evocatore dell’”ormai impresentabile” dogma dell’inferno.

Ma la cosa che lascia più perplessi è la preghiera eucaristica dove avviene una sostituzione che ha scandalizzato molti credenti. “Santifica questi doni con l’effusione del tuo Spirito” diventa ora: “Santifica questi doni con la RUGIADA del tuo Spirito”. La rugiada? Per molti suonerà come un’assoluta novità, ma, in effetti, andando a scavare, la rugiada è citata alcune volte nella Bibbia, ed è presente anche nell’originale latino del messale postconciliare di Paolo VI risalente al 1968: “Haec ergo dona quaesumus, Spiritus tui rore sanctifica”, dove “rore” sta per “rugiada”, appunto. Ma nel 1969, nella traduzione italiana, questa romantica metafora fu omessa. Perché? Forse perché era troppo “audace” per quei tempi?

Alcuni difensori del nuovo messale evocano il principio di “proporzionalità metaforica”, per cui una metafora varrebbe comunque: Gesù parlava, infatti, del “lievito dei Farisei”, si cita.
Eppure, il lievito potrebbe essere uno dei loro tanti attributi, tale da non definirli completamente. Tanto che quando Gesù li maledice, proclama, indicandoli per bene: ”Guai a voi, scribi e farisei ipocriti!” e non “Guai al vostro lievito!”.

Nella consacrazione del Corpo di Cristo, lo Spirito Santo agisce
IN PRIMISSIMA PERSONA, (tramite il sacerdote) e la sua effusione riguarda la Sua stessa sostanza.
Perché, allora, usare una metafora quando è tanto chiara, semplice e diretta “l’effusione del Tuo Spirito”?

La questione è molto complessa, e non può essere fatta passare in cavalleria, così, senza un dibattito. San Tommaso d’Aquino, infatti cita e ammonisce: “Nel Deuteronomio [4, 2] si legge: «Non aggiungerete nulla a ciò che io vi comando, e non ne toglierete nulla»; e nell‘Apocalisse [22, 18 s.]: «Dichiaro a chiunque ascolta le parole profetiche di questo libro: a chi vi aggiungerà qualche cosa, Dio farà cadere addosso i flagelli descritti in questo libro; e chi toglierà qualche parola di questo libro profetico, Dio lo priverà dell‘albero della vita». Perciò anche alla forma dei sacramenti non è lecito aggiungere o togliere qualcosa La seconda cosa da tener presente riguarda invece il significato delle parole. […] Bisogna vedere se la mutazione (nel significato delle parole n.d.r.) ne altera il debito significato. Se lo altera, è evidente che il sacramento non è valido. Ora, è chiaro che se si toglie alla forma del sacramento un elemento essenziale, il debito significato delle parole viene alterato, e quindi non si produce il sacramento”.
(Si veda Summa theologiae, Pars III, Quaestio 60, art. 8). Clicca qui
Ma la cosa più disturbante - e assolutamente oggettiva - è che la rugiada è

ANCHE un elementale alchemico-esoterico largamente presente nella filosofia MASSONICA.

Si dirà: beh, ma tanti simboli veterotestamentarii sono stati presi in prestito dalla massoneria.
Ciò che colpisce è il tempismo però: perché Bergoglio, che viene accusato a ogni pié sospinto dagli avversari di essere massone (e se fosse tale sarebbe automaticamente scomunicato) si espone a creare questo imbarazzante “link” proprio col mondo massonico? Tutta questa ricerca filologica, tutto questo amore per le metafore erano necessari proprio adesso?
Dopo l’enciclica sulla “Fratellanza”, (che evoca il concetto massonico della Fratellanza universale), dopo gli apprezzamenti entusiastici del Grande Oriente d’Italia, della Massoneria spagnola e di un’altra 60ina di logge; dopo la “Lettera ai cari fratelli massoni” del card. Ravasi... Insomma, dove è finita la virtù della Prudenza?
Ma vediamo un po’ come si colloca questa rugiada nella massoneria che, come spiegheremo, costituisce una “religione civile” del tutto antitetica al Cattolicesimo.

Secondo il teosofo Georg von Welling, l’acqua spirituale, principio di tutte le cose, scende sulla terra ”come rugiada”, raccolta da Sole e Luna. Sulle sue teorie si basò l’oscura società premassonica dei Rosacroce per i quali la rugiada era addirittura il divino “nettare”. Per il filosofo ermetico Anton Kirchweger, amato dai pietisti luterani e dal massone Goehte, il flusso dello spirito cade sul mondo come rugiada e così spiega il moto circolare della natura. Il suo testo “Aurea Catena Homeri” fu pubblicato l’ultima volta su “Lucifer”, rivista della Società Teosofica diretta da M.me Blawatsky, famosa occultista affiliata alla Massoneria.

Scrive, nel 1744, il massone conte di Marsciano: “La rugiada nostra, la materia nostra è insieme celeste spermatica, rugiadosa, elettrica, verginale”. Il conte possedeva la Scarzuola, antico convento di S. Francesco poi trasformato in città ideale massonica nel 1957 dall’architetto massone Tomaso Buzzi.

Che vi fossero pseudo-interpretazioni in chiave ecologista-alchemica del devoto amore per il creato di S. Francesco? Bisognerebbe indagare.
La rugiada, infatti, va raccolta nelle tiepide notti di primavera perché lo “spirito verde” della terra è più potente, come scriveva l’alchimista Heinrich Khunrath. Ancora negli anni ’70, l’ultimo alchimista francese, Armand Barbault, raccoglieva la rugiada con lenzuoli per farne vari intrugli.
Il fatto è che la Massoneria è stata scomunicata da ben tre papi nel 1738, nel 1751 e nel 1884, non solo perché come società segreta si presta ad attività sovversiva, ma per “idee filosofiche e concezioni morali opposte alla dottrina cattolica”.
Paolo VI diceva che il “fumo di Satana” era penetrato nella Chiesa, e con esso intendeva molto probabilmente la massoneria, filosofia rispettabile per gli occhi di un laico, ma assolutamente antitetica al Cattolicesimo.
Leggiamo cosa scrive la Congregazione per la Dottrina della Fede: Qui l’approfondimento

Riporta il sito: “Essenziale per la massoneria sarebbe proprio il fatto di non imporre alcun «principio», nel senso di una posizione filosofica o religiosa vincolante per i suoi aderenti, ma di raccogliere insieme, AL DI LA’ DEI CONFINI DELLE DIVERSE RELIGIONI E VISIONI DEL MONDO, uomini di buona volontà sulla base di valori umanistici comprensibili e accettabili da tutti”.

In pratica, la massoneria, riconoscendo grossomodo per buone tutte le religioni, mira a un minimo comune denominatore di valori condivisibili: Libertà, Uguaglianza, Fratellanza, (si ricordi la Rivoluzione francese, completamente anticattolica) Tolleranza, Solidarietà, Pace Universale, Difesa dei Diritti dell’Uomo.

Per il Cattolicesimo, invece, i valori massonici possono essere solo una naturale CONSEGUENZA, UN EFFETTO dell’aver abbracciato la Verità del Vangelo, causa prima di tutto. Gli uomini si devono riconoscere fratelli IN CRISTO e non in un’entità indistinta.

E infatti, recita lo stesso documento cattolico: “Solo Gesù Cristo è, infatti, il Maestro della Verità e solo in Lui i cristiani possono trovare la luce e la forza per vivere secondo il disegno di Dio, lavorando al vero bene dei loro fratelli”.
Insomma, il Cattolicesimo, in quanto religione rivelata, non può assolutamente accettare qualsiasi altra religione o credenza che non si riferisca unicamente Gesù, che, sacrificatosi sulla croce ha presentato il Creatore con tutti i dettagli.

Meno che mai la massoneria.

*nella foto di testata, stampa tratta dal “Mutus liber”: il Sole e la Luna raccolgono la rugiada alchemica
Luciano Moggi

liberoquotidiano.it

Marziale
Condivido il pensiero di Moggi solamente fino alle parole "dogma dell'Inferno".
Per quanto riguarda le parole del Reverendo Minutella, se lui o chi per lui , riesce a smontare una sola mia affermazione fra queste in calce qui sotto, io mi ritiro da Gloria.tv

<<"Padre veramente santo, fonte di ogni santità, santifica
questi doni con l’effusione del tuo Spirito
perché diventino per noi il Corpo …
More
Condivido il pensiero di Moggi solamente fino alle parole "dogma dell'Inferno".
Per quanto riguarda le parole del Reverendo Minutella, se lui o chi per lui , riesce a smontare una sola mia affermazione fra queste in calce qui sotto, io mi ritiro da Gloria.tv

<<"Padre veramente santo, fonte di ogni santità, santifica
questi doni con l’effusione del tuo Spirito
perché diventino per noi il Corpo e il Sangue
di Gesù Cristo nostro Signore."


Questa è la nuova preghiera Eucaristica.

"Veramente santo sei tu, o Padre, fonte di ogni santità.
Ti preghiamo: santifica questi doni con la rugiada del tuo Spirito
perché diventino per noi il Corpo e il Sangue
del Signore nostro Gesù Cristo."


Nella Nuova Preghiera lo Spirito viene menzionato ed invocato forse con ancor maggior forza, data da quel :" Ti preghiamo: (pausa)..."

È sempre il Padre che rimane l' Agente.
È sempre lui che santifica i doni.

Che poi l'azione propria del Padre, del santificare, a mo' di esempio, la si chiami effusione, esalazione, emanazione , credo proprio non cambi nulla.

Se si pronunciasse solamente una forma breve: "Santifica questi doni con il tuo Spirito" senza introdurre effusione o rugiada, la Consacrazione avverrebbe comunque.

Come avverrebe se il Sacerdote pronunciasse :" Santifica questi doni, fai scendere su loro il tuo Spirito perché diventino..."

La cosa indispensabile e fondamentale è che le Parole di Nostro Signore : " Questo è il mio Corpo... Questo è il mio Sangue" non siano state alterate.

Certo, le novità possono non piacere. Oppure perfino peggiorare una qualsiasi cosa.
Spesso volte migliorano una situazione, altre la drammatizzano o la sconvolgono.

In questo caso una analisi disinteressata delle due Preghiere le vede equivalenti. Sono altre le cose che rendono il Nuovo Messale ambiguo.

La Consacrazione avviene poi, anche "una cum Bergoglio".
E questo lo dimostra il Miracolo Eucaristico di Legnica, in Polonia, nel Natale 2013 con Bergoglio a Roma: dunque "una cum con Bergoglio".
La Santa Messa rimane, non ostante e gli uomini e Bergoglio, validissima.

Ma qual'è quella che da maggior gloria a Dio?
La Santa Messa Tridentina. Ma sappiamo che la vita umana riserva sempre brutti scherzi: ai singoli, ad una Nazione come ad una Religione.
Infatti sappiamo che c'è sempre un Vinto che veglia e sorveglia per trarre vendetta e preda abbondante.
E sappiamo che il Pane non è solo Eucaristia , ma anche Parola che dirige ed istruisce.

È stata introdotta la parola rugiada? Amen." >>

Se non ci riuscisse, allora vorrà dire che le sue parole sono solo bla bla bla, come affermare che per i primi tre secoli del Cristianesimo lo Spirito Santo non era conosciuto e che le parole usate per il Battesimo erano, in definitiva: " Io ti battezzo nel Nome del Padre e del Figlio."
Francesco I
C'è tuttavia più di una soluzione per ovviare a questa ulteriore deriva:
1) Tornare al vetus ordo. Soluzione non sempre possibile in quanto, malgrado il "Summorum Pontificum" è spesso osteggiata dai vescovi

2) Celebrare con il "novus ordo" ma in latino:
In questo caso il Pater Noster è rimasto immutato "....ne nos inducas in tentationem", non solo ma anche nella consacrazione è rimasta la …More
C'è tuttavia più di una soluzione per ovviare a questa ulteriore deriva:
1) Tornare al vetus ordo. Soluzione non sempre possibile in quanto, malgrado il "Summorum Pontificum" è spesso osteggiata dai vescovi

2) Celebrare con il "novus ordo" ma in latino:
In questo caso il Pater Noster è rimasto immutato "....ne nos inducas in tentationem", non solo ma anche nella consacrazione è rimasta la formula giusta ".......qui pro nobis et pro multis effundetur"

Non è proprio la messa di sempre, in quanto il prete non è rivolto ad "orientem" ma , se non altro non contiene gli errori macroscopici di traduzione fatti in mala fede, prima da Montini, poi dalla CEI.

Nessun vescovo potrà opporsi a questa soluzione in quanto proprio questa mattina l'ha celebrata in questo modo Bergoglio stesso!
AvisObservans
Gal 4:9 ora invece che avete conosciuto Dio, anzi da lui siete stati conosciuti, come potete rivolgervi di nuovo a quei deboli e miserabili elementi, ai quali di nuovo come un tempo volete servire?

Lo Spirito Santo agisce direttamente nella Consacrazione come agì direttamente nell'Incarnazione. Non ebbe bisogno di rugiada né allora né oggi, essendo Persona Divina e Onnipotente, il Portatore …More
Gal 4:9 ora invece che avete conosciuto Dio, anzi da lui siete stati conosciuti, come potete rivolgervi di nuovo a quei deboli e miserabili elementi, ai quali di nuovo come un tempo volete servire?

Lo Spirito Santo agisce direttamente nella Consacrazione come agì direttamente nell'Incarnazione. Non ebbe bisogno di rugiada né allora né oggi, essendo Persona Divina e Onnipotente, il Portatore del Verbo sulla terra.
Dopo che la tradizione millenaria ha imparato a conoscere l'azione vivificante dello Spirito Santo (Veni Creator Spiritus; Dominum et Vivificantem), tornare a ridurlo a "rugiada" è simile a rinnegare la Sua Divinità Santissima.
N.S.dellaGuardia
Riguardo la massoneria, ricordiamo la celebre missiva di tal ravasi, che per qualcuno sarebbe pure cardinale di Santa Romana Chiesa, ai "cari fratelli (tutti) massoni"...
Francesco I
Ecco qui l'articolo del "Sole24ore"
Il cardinale Ravasi ha scritto una lettera ai suoi "Cari fratelli Massoni"
Ravasi ha pure precorso i tempi sull'adorazione della dea Pachamama
Video 1 Ravasi Adora la dea Pachamama (Argentina 2014)
Foto 2 Articolo del "Sole 24ore"
N.S.dellaGuardia
Un vero "novatore", dei più "illuminati" anche...
Le sfilate newyorkesi da lui organizzate ebbero molto successo...
nolimetangere
Caro @Francesco I ogni cambiamento pur rimanendo valida, fino ad oggi la messa, è alzare la fiamma sotto la pentola in cui cuociono le rane ossia noi. Così man mano che si alza pian pianino la fiamma sotto al pentolone, con tanti piccoli cambiamenti, le rane non si accorgono che la temperatura aumenta, tanto grado più o grado meno.. Fino a quando il mafioso sangallino emette il cambiamento …More
Caro @Francesco I ogni cambiamento pur rimanendo valida, fino ad oggi la messa, è alzare la fiamma sotto la pentola in cui cuociono le rane ossia noi. Così man mano che si alza pian pianino la fiamma sotto al pentolone, con tanti piccoli cambiamenti, le rane non si accorgono che la temperatura aumenta, tanto grado più o grado meno.. Fino a quando il mafioso sangallino emette il cambiamento decisivo in cui la messa diventerà protestante completamente.. E le rane saranno cotte.
Questi aggiustamenti diciamo così non servono al momento attuale ad inficiare la messa. No servono a saggiare le reazioni ai cambiamenti.
Così che poi si levino i suoi claqueurs a urlare contro che non inficia la messa. E i clamori si sopiscono. Poi verrà un altro cambiamento non inficiante... E di nuovo i clamori si ridestano ma i claqueurs ben manovrati li zittiscono.
E così via.
Pian pianino. Finchè molte rane saltate fuori, rientrano e si acquietano e credono a quelle nella pentola che l'acqua più calda di volta in volta non è dannosa perchè non le cuoce.
Quando poi infilerà quel che cambierà totalmente la messa in protestante, il buon ammiratore di Lutero che qualcuno ritiene dono dello Spirito Santo, ossia rana già arci che stracotta, allora il buon adoratore di Pachamama darà la botta finale, e protestantizzerà completamente la messa e molte rane saranno bell'e cotte.
Quindi questi cambiamenti servono ad abituare i fedeli ai cambiamenti e quando vedrà che i prossimi susciteranno pochi clamori allora sarà il momento di eliminare tutto e cambiare quel che vuole cambiare come intento iniziale. Intento per cui è stato messo lì e si trova lì.
Non è la rugiada in sè massonicheggiante, ma sono i cambiamenti in generale e il metodo con cui sono attuati e con cui vengono attaccate le rimostranze che sono massonicheggianti, perchè sono mezzi per raggiungere il primo e unico e massimo scopo: eliminare la presenza di Cristo.
E chi dice di no è individuabile come subdolo fan del Massone, e ammiratore della massoneria. Vuoi per ottusità vuoi per servilismo.
nolimetangere
Chi grida troppo "Al lupo!" non è creduto più!
E poi il lupo arriva davvero e nessuno sta all'erta. E il lupo fa strage.
Francesco I
Brava ! È proprio così, come diceva il Manzoni:
«Noi uomini in generale siamo fatti così: ci rivoltiamo sdegnati e furiosi contro i mali mezzani e ci curviamo in silenzio sotto gli estremi». Ed effettivamente tutti abbiamo esempi da portare a questo riguardo: da un lato, persone che hanno subìto tempeste terribili nella loro vita e che permangono capaci di stare zitte, di continuare a vivere e …More
Brava ! È proprio così, come diceva il Manzoni:
«Noi uomini in generale siamo fatti così: ci rivoltiamo sdegnati e furiosi contro i mali mezzani e ci curviamo in silenzio sotto gli estremi». Ed effettivamente tutti abbiamo esempi da portare a questo riguardo: da un lato, persone che hanno subìto tempeste terribili nella loro vita e che permangono capaci di stare zitte, di continuare a vivere e sperare; e d'altro lato, persone che, di fronte a un modesto contrattempo o a "perdite piccole", non si rassegnano, imprecano, sentono di essere vittime di non si sa quale ingiustizia cosmica. Sì, la rassegnazione è più ardua da praticare nei contrasti minori, così come è più difficile essere costanti nella quotidianità che non in occasione di un unico evento di grande rilievo. »

Ed in effetti oggi ci agitiamo per le stoltezze di Bergoglio, ma furono pochi ad indignarsi per la distruzione della Santa Messa Cattolica perpetrata da colui che ora voglio farci credere che sia un santo: Paolo VI:
1) Ricordare Paolo VI … per immagini
2) Dalla messa di Lutero alla messa di Paolo VI
3) L’eresia antiliturgica da Lutero a Paolo VI
4) Tombali massonici.
fidelis eternis
Questo suo post, cara amica, mi fa ricordare un passo appena letto sull'ultimo numero di Chiesa Vita (ott 2020), relativo al metodo della rana bollita (o finestra di Overton che dir si voglia), anche si si riferisce al la manipolazione dell'emergenza sanitaria in corso Eccolo:

«Una volta che la massa accetta la vaccinazione obbligatoria forzata, il gioco è fatto!

Accetteranno qualsiasi cosa: …
More
Questo suo post, cara amica, mi fa ricordare un passo appena letto sull'ultimo numero di Chiesa Vita (ott 2020), relativo al metodo della rana bollita (o finestra di Overton che dir si voglia), anche si si riferisce al la manipolazione dell'emergenza sanitaria in corso Eccolo:

«Una volta che la massa accetta la vaccinazione obbligatoria forzata, il gioco è fatto!

Accetteranno qualsiasi cosa: trasfusioni o donazione di organi, per il “bene più grande”. Possiamo modificare geneticamente i bambini e sterilizzarli per il “bene più grande”.

Controlla le menti delle pecore e controllerai il gregge. I produttori di vaccini possono guadagnare miliardi,

e oggi molti di voi, in questa sala, sono investitori.

È una grande vittoria! Sfoltiamo la massa, e la massa ci pagherà per fornire i servizi di sterminio».

25 febbraio 2009. Discorso di Henry Kissinger al Consiglio sull’Eugenetica dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
Ricordiamo che Henry Kissinger è uno dei più potenti, se non il più potente membro dell’Ordine degli Illuminati di Baviera, negli Stati Uniti
nolimetangere
Verissimo. Agghiacciante!
Veritasanteomnia
Per ciò che attiene l'enciclica "Fratelli tutti".

A chi accoglie Cristo viene dato il potere di diventare "figlio" di Dio...grazie al Figlio di Dio Cristo Gesù. Poi c'è la fratellanza massonica che è altra cosa...di quella parla Bergoglio, dato che ignora volutamente il Prologo di San Giovanni
padrepasquale
Introdurre l'ombra della massoneria sull'enciclica "Fratelli tutti" e sulla Santa Messa è semplicemente deviante. Rispettare la purezza della fede.
‘rugiada’(acqua) è uno dei simboli dello Spirito Santo, come fuoco, vento ecc.(cfr Catechismo della Cattolica art.da 694 a 701). La rugiada scende silenziosa sulla terra e la irrora, producendo l’effetto della rigenerazione, del rinnovamento. La …More
Introdurre l'ombra della massoneria sull'enciclica "Fratelli tutti" e sulla Santa Messa è semplicemente deviante. Rispettare la purezza della fede.
‘rugiada’(acqua) è uno dei simboli dello Spirito Santo, come fuoco, vento ecc.(cfr Catechismo della Cattolica art.da 694 a 701). La rugiada scende silenziosa sulla terra e la irrora, producendo l’effetto della rigenerazione, del rinnovamento. La terra è una metafora dell’umanità. La Chiesa ha preferito tale termine a quello di effusione, ritenendolo più corrispondente al testo latino del Messale romano, dove c’è il termine ‘rore’, ablativo, appunto da tradurre rugiada. Tale testo della preghiera eucaristica II è tratto dall’anafora di Ippolito(III sec).
N.S.dellaGuardia
Se la prenda con chi ha scritto fratelli-tutti e modificato la messa, introducendo "l'ombra della massoneria" come dice lei. In realtà non è solo l'ombra che è stata introdotta, ma tutto il corpo che fa l'ombra.
Ringrazi chi è lodato dalla massoneria da quasi 8 anni...
AvisObservans
Gal 4:9 ora invece che avete conosciuto Dio, anzi da lui siete stati conosciuti, come potete rivolgervi di nuovo a quei deboli e miserabili elementi, ai quali di nuovo come un tempo volete servire?