Cardinale si "scusa" dopo incontro riservato

Il cardinale Kurt Koch, 72, e il presidente dei vescovi tedeschi, Bätzing, hanno avuto una "conversazione riservata" a Roma il 4 ottobre, dopo essersi scontrati pubblicamente sull'anticattolico Sinodo Tedesco, scrive il sito dei vescovi tedeschi, Dbk.de.

Dopo l'incontro, Koch ha fato marcia indietro e si è "scusato" con tutti coloro che aveva offeso, sottolineando che non intendeva accusare i membri della Via Sinodale di ideologia di tipo nazista.

Giorni prima, il 29 settembre, Koch si era già scusato per qualunque offesa, ma si era difeso dicendo di non poter ritrattare la propria dichiarazione veritiera.

Koch è stato perseguitato dall'oligarchia mediatica e ha annullato il viaggio in Germania in programma per il fine settimana scorso "per motivi di sicurezza".

Foto: Kurt Koch, © EKS-EERS, Flickr CC BY-NC, #newsXhbxtlkack

N.S.dellaGuardia
Se non è in grado di fare fronte alle lusinghe dei nemici della Chiesa, allora taccia! Rimanga pure nell'anonimato delle migliaia di vescovi ignavi e traditori. Con satana non si dialoga! Punto!