Clicks1K
it.news

Francesco disonesto: i tiri mancini del Traditionis Custodes

Traditionis Custodes loda il Motu Proprio di Benedetto XVI "Summorum Pontificum" per distruggere i risultati che con esso sono stati ottenuti.

Secondo Specula, che scrive su InfoVaticana.com (18 luglio), si tratta di "un monumento al cinismo e all'ipocrisia" e fa venire in mente la Amoris Laetitia che cita Giovanni Paolo II e Tommaso d'Aquino "per affermare esattamente l'opposto di ciò che loro hanno insegnato".

In modo simile, il Traditionis Custodes dice che "dopo il Concilio di Trento, San Pio V (+1572) ha abrogato tutti i riti che non potevano vantare antichità, stabilendo un solo Missale Romanum per tutta la Chiesa Latina."

È un altro trucco: Specula chiarisce che solo il Novus Ordo "non può provare antichità" perché è stato inventato dal nulla cinquant'anni fa e non è mai divenuto un rito, ma piuttosto un fenomeno di disintegrazione, perché quando i preti presiedono il Novus Ordo, fanno ciò che vogliono.

Foto: © Joseph Shaw, CC BY-NC-SA, #newsXonkqvamyj