ISRAELE: GLI ARCHEOLOGI PORTANO ALLA LUCE LE PROVE DEL TERREMOTO DELLA PRIMA GERUSALEMME

Israele: gli archeologi portano alla luce le prove del terremoto della prima Gerusalemme

La pandemia di coronavirus è ora saldamente bollata come un punto di riferimento nella memoria moderna. Allo stesso modo, nel primo versetto del Libro di Amos, il profeta biblico dell’VIII secolo a.C. si riferiva a “due anni prima del terremoto” come un ancora per gli eventi che stava per raccontare. Due secoli dopo, il profeta Zaccaria fece nuovamente riferimento a questo periodo di terremoti distruttivi, tanto era radicato nella psiche collettiva.

Ora, per la prima volta, un team di archeologi della Israel Antiquities Authority nella Città di David di Gerusalemme riferisce di aver trovato prove concrete senza precedenti di questo terremoto dell’VIII secolo a.C. nell’antica capitale.

Nel documento di ricerca, il grafico degli archeologi, ad esempio, in una particolare struttura dell’VIII secolo a.C. lo strato di distruzione non mostrava segni di incendio, tuttavia altri fattori suggerivano che l’edificio fosse stato danneggiato per un evento traumatico, apparentemente un terremoto. “Questo era più visibile al primo piano della stanza più a sud”, scrivono. “In questa stanza è stata scoperta una fila di vasi rotti lungo la parete settentrionale, sopra la quale erano state trovate pietre cadute. Sembra che queste pietre fossero la parte superiore delle pareti della stanza, che era crollata, distruggendo i vasi che erano stati posti lungo il muro”. Fino ad ora, il primo strato di distruzione di Gerusalemme proviene dalla conquista babilonese del 586 a.C. Per gli archeologi, un ancora storica precedente, se dimostrata attraverso prove solide e datate in modo sicuro, funge da importante punto di riferimento stratigrafico per gli scavi scientifici a Gerusalemme. Secondo il prof. Israel Finkelstein dell’Università di Tel Aviv, che non è stato coinvolto nella ricerca attuale, “terremoti distruttivi a Gerusalemme sono possibili, come dimostrato dal terremoto ben registrato del 1927… La parte iniziale del libro di Amos include materiali che riguardano all’VIII secolo e quindi è possibile che un terremoto devastante abbia lasciato una forte impressione e sia stato registrato”.

Attraverso decenni di ricerca, archeologi e sismologi hanno documentato con successo la veridicità storica di un tale evento sismico che si diffuse in tutto il Regno di Giuda 2.800 anni fa. Ad esempio, nel sito di Tel Megiddo di Finkelstein, un terremoto di data simile è stato stabilito dopo anni di ricerche che tracciano l’attività sismica in diversi periodi, “incluso lo Stratum IVA che risale alla prima metà dell’VIII secolo a.C.”, ha detto Finkelstein. Ma solo nei recenti scavi condotti dal Dr. Joe Uziel e Ortal Chalaf è stato individuato questo livello di distruzione nella capitale di Giuda, Gerusalemme. E potrebbe essere un vero punto di svolta.

“Non è che di per sé stiamo fornendo un modo per dare una data, ma piuttosto un àncora per cui possiamo confrontare ciò che viene prima e ciò che viene dopo”, ha spiegato con attenzione il co-direttore degli scavi IAA Uziel. Non è un nuovo strumento o tecnologia per datare in modo indipendente un oggetto o uno strato, come la datazione al carbonio-14. Tuttavia, “se dovessi sapere che devo cercare un qualche tipo di evento distruttivo a metà dell’VIII secolo, allora so cosa succederà prima e dopo”, ha detto Uziel, che oggi dirige anche l’IAA Dead Sea Scrolls Lab.

Uziel ha affermato che sebbene la sua squadra sia stata la prima a identificare questo strato di distruzione, nel rivedere i precedenti rapporti di scavo, hanno concluso che anche altre aree del versante orientale vicino alla sorgente di Gihon dove la squadra sta scavando, hanno mostrato una distruzione simile. Un articolo di ricerca e una conferenza su questi risultati saranno disponibili al pubblico il 2 settembre alla Megalim Conference della Città di Davide.

Secondo Uziel, un ulteriore strato di distruzione sismica contemporanea dell’VIII secolo a.C. può essere trovato a meno di 100 metri a sud dell’area attualmente scavata. È stato scavato da Yigal Shiloh negli anni ’70 e pubblicato da Alon de Groot. Lì, gli archeologi hanno scoperto un crollo di un edificio che corrispondeva a ciò che Uziel aveva visto nella sua zona. “Non è mai stato descritto come distruzione, ma ciò che hanno trovato sembra molto simile: un gruppo di navi in frantumi e restaurate, pietre cadute, il possibile crollo del 2 ° piano”, ha detto Uziel.

“Possiamo tracciare una linea e dire che questi sono probabilmente due edifici separati che mostrano le stesse prove”, ha detto Uziel. “Mi sento abbastanza sicuro al riguardo: una ragione sono le prove archeologiche, che in altri siti sono state trovate risalenti allo stesso periodo, e due sono le prove archeologiche in altri siti che mostrano molto chiaramente il ‘terremoto’ e non azioni militari di distruzione”, ha detto, citando Tell es Safi/Gath e Hazor, tra le altre località. Il recente lavoro geologico sui sedimenti nella regione del Mar Morto da parte di un team guidato dal Prof. Amotz Agnon dell’Istituto di Scienze della Terra dell’Università Ebraica indica che c’erano almeno due grandi terremoti in Terra d’Israele ci sono stati a metà dell’VIII secolo a.C.

Agnon ha detto che dal momento che è raro individuare un evento così a livello tempirale e cosi distante ad un effetto così elevato – a livello di secolo – a metà dell’VIII secolo, il suo team vede una registrazione di diversi eventi sismici nel Mar Morto. In quanto tale, ha affermato, questo evento sismico scoperto a Gerusalemme “ha il potenziale” per essere considerato come una nuova ancora di datazione per gli archeologi. Che si tratti di un terremoto, o di una serie, è in discussione. Non è raro, ha detto Agnon, vedere diversi terremoti che si estendono anche su decenni, un grande tremito può innescare una sorta di effetto domino ritardato di distruzione. Quindi, anche se potrebbe essere impossibile collegare lo strato di distruzione del terremoto a Gerusalemme con un evento specifico, in combinazione con le prove evidenti del terremoto contemporaneo trovate altrove nella Terra di Israele, si potrebbe considerare il gruppo di potenziali tremori come un evento sismico, ha affermato Agnon.

Gli epicentri dei terremoti si sono concentrati nella Valle del Giordano, ha detto, e ci sono ampie prove di distruzione in siti antichi nella moderna Giordania, dove hanno avuto un impatto ancora più distruttivo. “Ci sono stati eventi che hanno distrutto l’intero paese, o metà di esso”, ha detto Agnon. “Quindi l’evento di Hazor potrebbe essere collegato all’evento di Gerusalemme”. Agnon non ha partecipato all’attuale studio sulla Città di David, ma è coautore della ricerca sulla distruzione degli antichi terremoti in tutto il paese. Uno di questi siti è Tell es-Safi/Gath, dove Agnon ha detto di aver visto, durante un raro periodo di instabilità, che un grande muro era caduto da una forza che “non poteva essere altro che un terremoto”. Secondo il prof. Aren M. Maeir dell’Università di Bar-Ilan, direttore del progetto archeologico di Tell es-Safi/Gath, la prova del terremoto è “basata su modi specifici in cui i muri crollano – nel nostro caso la prova delle ‘onde’ di energia che hanno colpito dopo un terremoto”.

Maeir è stato in grado di datare lo strato sismico in base ai livelli sottostanti, inclusa la distruzione di Hazael datata in modo sicuro dell’830 a.C. Sopra gli ampi segni di battaglia e conquista c’era “un periodo di abbandono con sedimenti trasportati dal vento, poi il terremoto, e poi sopra di esso, due livelli risalenti alla fine dell’VIII secolo a.C.”. Da parte sua, le nuove prove della distruzione del terremoto a Gerusalemme hanno senso. “Non sono affatto sorpreso di questi ritrovamenti a Gerusalemme. Innanzitutto, i terremoti della metà dell’VIII secolo a.C. sono menzionati/accennati nei libri contemporanei di Amos, Isaia e molto più tardi Zaccaria. Secondo: Gerusalemme è molto più vicina ai presunti epicentri (Valle del Giordano) dei terremoti di Gath”, ha affermato Maeir.

Uziel e Chalaf scrivono nel loro prossimo articolo di ricerca che l’importanza di queste nuove prove va oltre il fatto storico di un terremoto avvenuto nell’antica Gerusalemme e persino “oltre il legame tra l’archeologia e il testo biblico”. “Questo fornisce un àncora archeologica per Gerusalemme, che ora può iniziare a essere sviluppata per la datazione relativa degli assemblaggi prima e dopo questa àncora. In questo senso, il terremoto di Amos può servire all’archeologia di Gerusalemme allo stesso modo della distruzione di Lachis nel 701 aEV ”.

com.unica, 11 agosto 2021