Clicks528
warrengrubert
2
6 e 9 AGOSTO 1945, HIROSHIMA e NAGASAKI. In ricordo dei bombardamenti atomici su Hiroshima e Nagasaki. www.maurizioblondet.it/6-agosto-1945-hiroshima/ “Con la testolina tutta rovesciata all’indi…More
6 e 9 AGOSTO 1945, HIROSHIMA e NAGASAKI.

In ricordo dei bombardamenti atomici su Hiroshima e Nagasaki.

www.maurizioblondet.it/6-agosto-1945-hiroshima/

“Con la testolina tutta rovesciata all’indietro, sembrava che il bambino dormisse profondamente. […] Gli uomini in maschere bianche gli si avvicinarono e in silenzio iniziarono a togliergli la corda che reggeva il bambino. Qui mi sono reso conto che il bambino era già morto.
Gli uomini presero il corpicino per mani e piedi e lo deposero sul fuoco. Il ragazzo stette sull’attenti senza un movimento, guardando le fiamme. La sua faccia era dura. Si mordeva il labbro inferiore così forte, che il sangue brillava. La fiamma bruciava lenta come il sole al tramonto. Il ragazzo si voltò e andò via senza una parola”

Joe O’Donnell, giornalista inviato per la United States Information Agency.

+++

Qui youtu.be/RLokuxy2tS0

Un ricordo di Takashi Paolo Nagai del Mons. Angelo Comastri.

+++

Macerie
Non c’è più nulla,
non c’è più nulla.
Anziani e bambini bruciati vivi,
Hiroshima – spazzata via
come una cavità oculare senza più bulbo.
Ossa bianche sparse sulle macerie rossastre,
dall’alto, il sole batte a picco
sulla città delle rovine, ove regna il silenzio.
Guarda: anche sulle mie spalle e sulle mie maniche
brulicano sciami compatti di mosche nere!
[...]
Dal giorno in cui il vento dell’esplosione ci colpì
così forte da spazzare via la Terra,
non è rimasto nulla di questa città.
Il mondo è furioso tanto da esplodere,
ma gli uomini di questa città restano in silenzio,
come le macerie, in quel momento.


Kurihara Sadako.
ricgiu
.....e quanta dignità!!!
Suari
Quanto dolore