Clicks1.7K

Il dolore con Cristo ci redime e ci salva | Beato Fulton J. Sheen

Consideriamo il buon ladrone, il ladro di destra in croce: il simbolo di coloro per i quali il dolore ha un senso.

Sulle prime, egli non lo capì, cosicché unì le proprie bestemmie a quelle del ladro di sinistra; ma, come talora un lampo illumina il sentiero che non abbiamo preso, così il Perdono invocato da Cristo Salvatore per i Suoi carnefici illuminò al ladro la strada della Misericordia.

Cominciò ad accorgersi che se il dolore non avesse ragion d'essere, Gesù non lo avrebbe abbracciato. Perché se la Croce non avesse un fine, Gesù non vi si sarebbe innalzato. Il dolore cominciava a farsi comprensibile al buon ladrone: per il momento rappresentava almeno un'occasione per far penitenza di una vita peccaminosa.

E non appena fu raggiunto dalla Luce egli rimproverò il ladro di sinistra dicendo: "Questo supplizio per noi è giustizia, perché noi riceviamo la pena dei nostri delitti, ma Lui non ha fatto nulla di male".

Capiva, adesso, che il dolore agiva sulla sua anima come il fuoco agisce sull'oro: bruciandone completamente le scorie.
Il dolore gli scrostava gli occhi: ed ecco, volgendosi verso la Croce centrale, egli non vide più un uomo crocifisso, ma un Re Celeste.

Pensò: "Chi può invocare il Perdono per i propri assassini non abbandonerà un ladro".

E disse: "Signore, ricordati di me quando sarai nel Tuo Regno!"

E una Fede così Grande fu ricompensata: "Ti dico in Verità: oggi sarai con Me in Paradiso".

Il dolore di per sé non è insopportabile: insopportabile è l'impossibilità di capirne il senso. Se non avesse visto un fine nel dolore, il buon ladrone non avrebbe mai salvato la propria anima. Il dolore può essere la morte della nostra anima, come può esserne la vita. Tutto dipende dal collegarlo, o meno, a Cristo Nostro Signore e Salvatore.

Una delle più grandi tragedie del mondo è il dolore sprecato. Il dolore che non sia in relazione con la Croce è come un assegno non firmato e non ha alcun valore; ma dopo che lo abbiamo sanzionato con la firma di Cristo Salvatore sulla Croce, assume un valore infinito.

Una testa febbricitante che non batta mai all'unisono con una Testa Incoronata di Spine, o un dolore alla mano che non abbia mai sofferto la pazienza di una Mano Inchiodata alla Croce, è un fatto assolutamente improduttivo. A seguito di questa sofferenza sprecata il mondo è diventato peggiore, mentre sarebbe potuto essere tanto migliore.

(Beato Fulton J. Sheen, da "Andate in Paradiso!")
Mag77 and 4 more users like this.
Mag77 likes this.
Suari likes this.
Testimone82 likes this.
lauragafforio likes this.
nolimetangere likes this.
Il dolore quando supera i confini della sopportazione può far perdere la fede come è successo a mia madre 🙏
Micheleblu and 2 more users like this.
Micheleblu likes this.
N.S.dellaGuardia likes this.
nolimetangere likes this.
antos and one more user like this.
antos likes this.
N.S.dellaGuardia likes this.
"il dolore che non sia in relazione con la Croce.. non ha alcun valore"
N.S.dellaGuardia and 2 more users like this.
N.S.dellaGuardia likes this.
alda luisa corsini likes this.
Gaetano2 likes this.
Fondamentale
Micheleblu and one more user like this.
Micheleblu likes this.
Massimo79 likes this.