Join Gloria’s Christmas Campaign. Donate now!
Clicks5.6K

Importante appello di Mons. Atanasius Schneider: Gesù e Maria chiesero qualcosa di simile ad una mistica ungherese

Mons. Athanasius Schneider, vescovo ausiliare di Astana (Kazakistan), ha raccomandato una “Preghiera di riparazione per gli atti idolatrici commessi durante il Sinodo per l’Amazzonia”, spiegando che essa deve essere intesa come un “aiuto per i fedeli” assieme ad altri atti di riparazione come la celebrazione di Sante Messe, l’adorazione del Santissimo Sacramento, la recita del Santo Rosario ed altre pratiche devozionali. Questo il testo della preghiera:

Santissima Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo, ricevete dal nostro cuore contrito, attraverso le mani dell’Immacolata Madre di Dio e sempre Vergine Maria, un sincero atto di riparazione per gli atti di venerazione di idoli e simboli di legno, avvenuti a Roma, la Città Eterna e cuore del mondo cattolico, durante il Sinodo per l’Amazzonia. Effondete nel cuore del nostro Santo Padre Papa Francesco, dei Cardinali, dei Vescovi, dei sacerdoti e dei fedeli laici, il Vostro Spirito, affinché ne scacci l’oscurità delle menti, e loro possano riconoscere l’empietà di tali atti che hanno offeso la Vostra divina Maestà e Vi offrano atti di riparazione pubblici e privati.

Riversate in tutti i membri della Chiesa la luce della pienezza e della bellezza della Fede cattolica. Accendete in loro lo zelo ardente di portare la salvezza di Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo, a tutti gli uomini; specialmente alle persone nella regione amazzonica, che sono ancora sotto la schiavitù degli idoli sordi e muti della “madre terra”. Accendete la luce della fede in quelle persone, specialmente nelle persone delle tribù amazzoniche, che non hanno ancora la libertà dei figli di Dio e che non hanno la gioia indicibile di conoscere Gesù Cristo e avere in Lui parte alla vita della Vostra natura divina.

Santissima Trinità, Padre, Figlio e Spirito Santo, Voi l’unico vero Dio, al di fuori del Quale non c’è altro dio e nessuna salvezza, abbiate pietà della Vostra Chiesa. Guardate in particolare le lacrime, i gemiti umili e contriti dei piccoli nella Chiesa; guardate le lacrime e le preghiere dei fanciulli, degli adolescenti, dei giovani e delle giovani, dei padri e delle madri della famiglia e anche di quei veri eroi cristiani, che nel loro zelo per la Vostra gloria e nel loro amore per la Santa Madre Chiesa hanno gettato nell’acqua i simboli dell’abominio che l’hanno sporcata. Abbiate pietà di noi: risparmiateci, o Signore! Parce Domine, parce Domine! Abbiate pietà di noi! Kyrie, eleison! Amen.


Fonte:

www.corrispondenzaromana.it/mons-schneider-…

__________________________

L’appello di mons. Schneider dà il senso della gravità di quello che sta succedendo nella Chiesa: quando finirà questa immensa offesa a Dio e carneficina di anime?

Non lo sappiamo ma una cosa ci è data di saperla: la via regia ma sanguinosa dell’ESPIAZIONE è il mezzo dato nelle nostre mani per abbreviare la potestà di satana in questi Ultimi Tempi che devono vedere, secondo le logiche profetiche della Parola di Dio e delle rivelazioni mistiche, il momento della sua capitolazione e incatenamento per un certo tempo (cf Ap 20): e sarà il Trionfo del Cuore Immacolato di Maria.

Parlando di rivelazioni private, Gesù e Maria SS. avevano spiegato con dovizia di particolari la dinamica soprannaturale, la necessità e l’urgenza che tante anime abbraccino questa via dandosi una vera e propria organizzazione, una “rete d’azione orante riparatrice”. Riportiamo un significativo messaggio di Gesù a titolo di esempio alla Serva di Dio Maria Natalia Magdolna:

«”Miei sacerdoti, miei cari apostoli, annunciate la verità al mondo con fervore e dite a tutti che senza pentimento la sola cosa a cui necessariamente andranno incontro è la distruzione. Con il pentimento e l’espiazione, invece, saranno capaci di sperimentare un miracolo: io riverserò le mie grazie sul mondo e concederò la pace promessa attraverso il Cuore Immacolato di Maria”».

Mentre Gesù parlava raggi di luce promanavano dalla sua persona e una gioia ineffabile dalle sue parole. Questa luce e questa gioia illuminavano l’intera Chiesa, i sacerdoti e il mondo intero. Questa visione mi ricolmò di felicità, ma poi il volto di Gesù si intristì: “Non è per tutti!”. Compresi allora che quei raggi di luce non sarebbero stati motivo di gioia per tutti indistintamente, dal momento che non tutte le anime dei sacerdoti e dei consacrati si sarebbero pentite seguendo Gesù sulla strada della riparazione e della espiazione, specialmente nelle città e tra le classi sociali più elevate. Mi chiese di pregare per tutti coloro che stavano lavorando instancabilmente per lui. Mi indicò con una mano il suo Cuore e con l’altra l’Opera di Espiazione dicendo: "Ecco l’opera del mio amore misericordioso: è una grazia grande per la Gerusalemme terrena. Il mio Cuore vi troverà il suo riposo"» (1).

Anche la Vergine Maria non ha mancato di insistere in modo pressante definendo e chiarendo l’importanza di questa richiesta:

«Il primo ottobre 1988, primo sabato del mese, Maria mi disse: “Nella situazione critica e triste di questa generazione, se mancano preghiere espiatorie molti non ricevono la grazia della conversione a rischio di perdizione. Capite ora, figli miei, perché vi chiedo con insistenza la preghiera espiatoria e vi chiamo a una vita santificata dal sacrificio? Intenderete parlare di miracoli”.

Il giorno 8 ottobre 1988, festa di Nostra Signora dell’Ungheria, Gesù mi affidò questo messaggio: “A causa dei peccati commessi sul territorio nazionale vivete giorni tormentati. Vi chiedo per questo un’ora di preghiera espiatoria supplementare ogni settimana, per nove mesi. La guida spirituale dovrà concordare con i partecipanti il giorno e l’ora e dovrà scegliere ogni settimana l’intenzione di preghiera per espiare una delle nove situazioni che ora elencherò: per le bestemmie; per le profanazioni del Santissimo Sacramento e del Santo Nome di Gesù e di Maria; per i gravi peccati commessi sotto l’influenza dell’alcool; per il grande peccato delle madri che non permettono al loro bambino di venire al mondo; per gli scassinatori che commettono un omicidio durante il furto e per coloro che gettano per terra l’ostia santa e la calpestano; per i miei figli che si professano credenti, ma che non mettono in pratica la loro fede; per il peccato dei miei figli che non contraggono un Matrimonio sacramentale e che vivono in una forma di matrimonio illecito; per coloro che negano la mia esistenza divina e non credono alla salvezza della loro anima; per ogni altro peccato. Durante questa ora espiatoria, recitate i cinque misteri dolorosi del santo rosario. Osservate un momento di silenzio e fate la Comunione spirituale. Poi recitate questa preghiera (l’Anima Christi) (…)”.

(…) Affinché le nostre preghiere espiatorie e i nostri sacrifici siano ben accetti al nostro Padre celeste, dovremo praticarli con spirito di pietà e con una fiducia incondizionata, unendoci alla Madre Addolorata. Nell’ambito di questa ora supplementare di preghiera settimanale non ci dovranno essere più di tre varianti nella scelta dell’ordine delle preghiere, in modo che i partecipanti vi si abituino e che esse diventino come il respiro della loro anima. Includerete nell’ora una Via Crucis letta simultaneamente, ad una sola voce corale, da tutte le persone presenti. Siano anche incluse la preghiera di Leone XIII e la preghiera di Fatima: “Mio Dio, io credo, adoro, spero e ti amo e ti domando perdono per quelli che non credono, non adorano, non sperano e non ti amano”» (2).

Come si nota, è una vera e propria opera spirituale strutturata quella richiesta da Gesù e da Maria alla mistica ungherese. Ci sarebbe poi da leggere e meditare con attenzione sulle altre rivelazioni ricevute dalla Serva di Dio, di cui quelle sopra son solo delle piccole schegge, sebbene già molto luminose.

Lo schema potrebbe essere fruttuoso se applicato oggi in modo simile, modificando parzialmente le intenzioni che dovrebbero essere più esplicitamente concernenti l'apostasia che si sta consumando agli alti vertici della Chiesa cattolica ma anche preso il popolo di Dio (formulando magari intenzioni specifiche e relative a certi eventi come l'idolatria amazzonica, ecc., il falso dialogo inter-religioso e il falso ecumenismo, ecc.)

Ed ora faccio una riflessione, o meglio mi pongo una domanda a “voce alta”: quanta consonanza c’è tra queste rivelazioni e l’appello lanciato da Mons. Schneider? E’ forse a conoscenza di questi luminosi appelli? Se si o no, la cosa non fa - a dire il vero - grande differenza: lo Spirito è uno, è lo Spirito Santo che tesse la trama soprannaturale delle ispirazioni che tracciano la via da battere al piccolo resto fedele.

Noi ci domandiamo: come poter in concreto oggi attuare questo programma? La domanda è aperta, non ho al momento una risposta precisa, ma desidero che al più presto possibile ve ne possa essere una, in modo da poter metterci tutti in modo efficace, strutturato ed organizzato sulla via dell’espiazione e della riparazione perché esse, secondo la parola divina, sono potenti.

Che Dio faccia sentite forte il Suo richiamo alle anime pie e sensibili in modo che si possa fare la sua Volontà e attuare il Suo progetto di salvezza per questi tempi.

Amen.


Note:

(1) Claudia Matera, Rivelazioni profetiche di Suor Maria Natalia Magdolna mistica del XX secolo, Sugarco 2019, p. 96.
(2) Ivi, pp. 101-102.
Dell Immacolata Corredentrice and 8 more users like this.
rimmel27 likes this.
Gaetano2 likes this.
Araba-Fenice likes this.
Veritasanteomnia likes this.
nolimetangere likes this.
Luca Monforte likes this.
antos likes this.