Join Gloria’s Christmas Campaign. Donate now!
Clicks2.2K

Pecore senza ovile (Gv 10,11-16)

Per più di quindici secoli la dottrina della chiesa cattolica si è basata sulla Vulgata, la traduzione latina del Nuovo Testamento voluta da papa Damaso. Quest’opera, per quanto ammirevole e straordinaria, non fu però esente da errori. Le imprecisioni e gli sbagli nella traduzione e nell’interpretazione del testo originale greco determinarono, a volte tragicamente, la storia della chiesa.

Uno degli errori di traduzione che influì negativamente nella teologia della chiesa, riguarda il discorso di Gesù sul “Buon Pastore” (Gv 10,11-16). Il traduttore confuse il termine ovile della prima parte del versetto 16 (“E ho altre pecore che non provengono da questo ovile [aulês]” con il termine gregge della seconda parte (“E saranno un solo gregge [poimnê], un solo pastore”), e anziché tradurre il termine greco poimnê (gregge) con il latino grex, lo rese con ovile: “E saranno un solo ovile, un solo pastore". Mentre il testo di Giovanni indicava che per Gesù era finita l’epoca dei recinti, per quanto sacri potessero essere, e per questo liberava le pecore dall’ovile per formare un unico gregge, secondo la traduzione latina Gesù liberava sì le pecore dall’ovile del giudaismo, ma per poi rinchiuderle nuovamente nell’unico e definitivo ovile, quello della chiesa cattolica.

Forte dell’insegnamento del suo Signore, per secoli la chiesa pretese di essere l’unico ovile voluto dal Cristo e formulò l’efficace slogan “Extra Ecclesiam nulla salus”, sancendo che “fuori della chiesa non esiste salvezza”. la chiesa cattolica pertanto considerò dannati per sempre tutti i cristiani delle chiese ortodosse e protestanti, insieme agli ebrei, ai musulmani e ai credenti delle altre religioni: in pratica tre quarti dell’umanità. Curioso pensare che l'origine dell'espressione Extra Ecclesiam nulla salus risale a Origene che, commentando l'episodio di Raab la prostituta (Gs 2,6), si chiedeva se questa fosse parte della Chiesa e il significato dell'espressione non solo non era alienante ma era addirittura inclusivo. Un errore di traduzione che è servito a terrorizzare e quindi dominare le coscienze delle persone, invece di attirarle con la bontà della verità insita nel messaggio evangelico.

ISTRUZIONE CATTOLICA

Antonietta Capone likes this.
TommasoG
DanielaGiarla and one more user like this.
DanielaGiarla likes this.
Istruzione Cattolica likes this.
La invito a leggere i miei commenti a Istruzione Cattolica.
Mishel Xoxi likes this.
@TommasoG le denominazioni sono frutto di convenzioni umane; la salvezza non viene raggiunta attraverso un’appartenenza o un’etichetta bensì attraverso la pratica di un amore simile a quello di Gesù. I protestanti non sono Lutero, i cattolici non sono San Francesco. Ognuno viene giudicato in base alle proprie opere indipendentemente dalla categoria in cui ha vissuto. I cattolici hanno …More
@TommasoG le denominazioni sono frutto di convenzioni umane; la salvezza non viene raggiunta attraverso un’appartenenza o un’etichetta bensì attraverso la pratica di un amore simile a quello di Gesù. I protestanti non sono Lutero, i cattolici non sono San Francesco. Ognuno viene giudicato in base alle proprie opere indipendentemente dalla categoria in cui ha vissuto. I cattolici hanno maggiori luci e mezzi per giungere alla salvezza ma se persino loro falliscono in gran parte questo obiettivo si deduce che al di fuori della fede cattolica sia estremamente difficile ma un conto è dire estremamente difficile un conto dire impossibile. Soprattutto perché lo diciamo noi, ma non il Signore.
TommasoG likes this.
Certo, il significato della vita è Amare in verticale e in orizzontale, ma questo non è esaustivo ai fini della salvezza. Certo, verremo giudicati in base alle opere, ma non solo, anche in base alla Fede. E che ne è dei Sacramenti? Sarebbero forse superflui? indifferenti? inutili?
Alla fine del Vangelo di Matteo il Signore Gesù invia i discepoli in tutte le nazioni: ad annunciare il Vangelo e a …More
Certo, il significato della vita è Amare in verticale e in orizzontale, ma questo non è esaustivo ai fini della salvezza. Certo, verremo giudicati in base alle opere, ma non solo, anche in base alla Fede. E che ne è dei Sacramenti? Sarebbero forse superflui? indifferenti? inutili?
Alla fine del Vangelo di Matteo il Signore Gesù invia i discepoli in tutte le nazioni: ad annunciare il Vangelo e a Battezzare nel nome del Padre del Figlio e dello S. S.
Se un buddista o induista che ama e compie opere buone ha in lui la vita eterna e si salva, a che pro Gesù ha inviato i discepoli in tutte le nazioni?
La Salvezza al di fuori della Fede cattolica NON è impossibile proprio perché NOI in quanto dotati di "maggiori luci e mezzi" abbiamo l'onere di portare tutti i nostri fratelli alla conoscenza e all'Amore totale di Colui che solo è la Via, la Verità e la Vita.
Mishel Xoxi likes this.
TommasoG
Quindi i protestanti sono tutti salvi?
D’altra parte al tempo di Origene non esistevano luterani nè ortodossi nè mussulmani, solo gli ebrei, che avevano rifiutato il Messia.
Gv, 3,36: Chi crede nel Figliuolo ha vita eterna; ma chi rifiuta di credere nel Figliuolo non vedrà la vita, ma l’ira di Dio resta sopra di lui.
Mishel Xoxi and one more user like this.
Mishel Xoxi likes this.
Christoforus78 likes this.