Clicks693
alda luisa corsini
8

IL NAOS DI EL ARISH – IL PUNTO DI VISTA EGIZIO SULL’ESODO BIBLICO

Il giornalista e scrittore Simcha Jacobovici ci guida nella sua interpretazione delle iscrizioni del Naos di El Arish

Nel 1887, in una fattoria a El Arish nel Sinai, fu trovato un monolite di granito nero dal peso di due tonnellate che misura 1,2 m. di lunghezza e 0,7 m. di larghezza. Utilizzato come trogolo per il bestiame, era adagiato su un fianco, ma fortunatamente, pressoché integro. Quando l’archeologa Frances Llewellyn Griffith vide la lastra di granito ne intuì subito il suo valore, era ricoperta di meravigliosi geroglifici.

L’opera, oggi conservata nel minuscolo e poco noto Museo di Isma’ilya, a circa 125 km a nord-est del Cairo, è quasi dimenticata. In origine doveva essere un tabernacolo posizionato all’interno del distretto templare di Saft El-Henna, l’antica Per-Sopdu, insieme ad altri tre Naoi, dedicati a Shu, a Sopdu-Shu e a Tefnut.

È stato datato al 330/ 340 a.C., le iscrizioni però sembrano riferirsi a circa 1.200 anni prima (1.500 a.C.) e raccontano la storia dell’Esodo, con la “divisione del mare”, la peste biblica delle tenebre e altro ancora, ma con una nuova prospettiva: qui la storia è raccontata dalla prospettiva del faraone, non di Mosè.

Come Mosè, questo faraone, che identifichiamo con Kamose, aveva un “bastone“, con cui tracciava un luogo sacro in un tempio di nuova costruzione.

Come Mosè dopo l’Esodo, secondo il Naos di El Arish, Kamose costruì un centro religioso per il culto dedicato a Ra Harmakhis e Shu, dèi associati al Delta, cioè al nord dell’Egitto, non al sud. Questi dèi sono associati a Eliopoli, non a Tebe, intendendo così che questi Faraoni volevano governare il Nord. I nomi dei loro dèi sono una dichiarazione di guerra contro i sovrani Hyksos del Delta, la biblica “Goshen”.

Il “Naos” di El Arish, probabilmente era destinato al “Sancta Sanctorum” del nuovo tempio, e fornisce le misure precise per la struttura sacra di Kamose: 20 cubiti di altezza, 190 cubiti di lunghezza e 110 cubiti di larghezza. Se lo confrontiamo con il recinto esterno del tabernacolo israelita, in Esodo 27: 9, che misurava 5 cubiti di altezza, 100 cubiti di lunghezza e 50 cubiti di larghezza, vediamo che la struttura è molto simile; quello egiziano è solo leggermente più grande.

Esodo Biblico secondo la Bibbia

Il racconto biblico dell’Esodo racconta la liberazione degli schiavi israeliti, guidati da Mosè, dal dominio del Faraone.

Il libro dellEsodo 1: 8-11 dice: (traduzione dall’ebraico in inglese di Simcha Jacobovici)

Allora sorse sull’Egitto un nuovo re, che non aveva conosciuto Giuseppe. E disse ai suoi servi liberi (Amo): guarda, i servi liberi israeliti (Am) stanno diventando più numerosi e più forti di noi. Siamo scaltri con loro, per evitare che si moltiplichino ulteriormente. Altrimenti, quando scoppierà la guerra, si uniranno ai nostri nemici e combatteranno contro di noi.

Cosa dice qui la Torah? Giuseppe morì e un nuovo “re”non un nuovo “Faraone” – prese il controllo del’Egitto.

Gli israeliti vivevano in “Goshen”, cioè nel Basso Egitto e, nel Libro della Genesi, il capo di Giuseppe è chiamato “Faraone, re d’Egitto” (Genesi 41:46).

Le corone dell’Antico Egitto

All’epoca, il Basso Egitto era rappresentato dalla corona rossa e l’Alto Egitto dalla corona bianca.

Solo i faraoni più potenti indossavano entrambe le corone. Solo i più potenti furono chiamati “faraone” e “re”. Giuseppe avrebbe potuto essere il “re”, secondo in comando al faraone (Genesi 41: 41-42).

Dopo la morte di Giuseppe, sorse un nuovo re. Leggendo con attenzione notiamo che il passaggio biblico si riferisce all’uomo che ha sostituito Giuseppe, non al faraone. Per essere chiari, dopo la morte di Giuseppe, nacque un Re, non un nuovo faraone.

La Bibbia afferma che, a differenza di Giuseppe, questo nuovo sovrano non “conosceva” Giuseppe, potrebbe voler intendere che questo nuovo sovrano non ha seguito le politiche di Giuseppe.

Il nuovo sovrano era un “re”, ma mentre Giuseppe era fedele al faraone, re d’Egitto, il nuovo sovrano no.

Indossò la corona rossa per se stesso e quando lo fece, si rese conto che sarebbe seguita una guerra. Sapeva che i faraoni, con sede a Tebe, nell’Alto Egitto, sarebbero venuti in cerca della loro corona e avrebbero tentato di rivendicare il loro regno perduto.

In previsione di questa prossima guerra, l’usurpatore decise di rendere schiavi gli israeliti. Era preoccupato che, proprio come Giuseppe era stato fedele ai faraoni, così lo sarebbero stati anche i suoi fratelli israeliti e avrebbero combattuto contro di lui a fianco dell’Alto Egitto.

Finalmente, ora possiamo capire il significato semplice del testo biblico.

Questo nuovo “re… disse ai suoi servi liberi… siamo scaltri con [gli israeliti], per timore che si moltiplichino ulteriormente [e], quando scoppierà la guerra, anche loro si uniranno ai nostri nemici e combatteranno contro di noi.

In pratica Esodo 1:22 afferma che il faraone seguì il re d’Egitto nelle sue politiche anti-israelite. Ordinò che tutti i bambini israeliti maschi fossero uccisi. Fondamentalmente, in previsione dell’imminente guerra, nessuna delle parti si fidava degli israeliti, pensando che si sarebbero uniti all’opposizione. Gli israeliti furono letteralmente catturati nel fuoco incrociato.

Esiste solo un periodo nella storia egiziana che è adatto a questo scenario biblico.

Gli studiosi lo chiamano il periodo “Hyksos”.


Gli Hyksos

Intorno al 1.700 a.C., un popolo semitico “cananeo” proveniente dalla zona di Canaan / Israele (forse ancor prima proveniente dall'Asia, n.d.r.) emigrò nel delta, Basso Egitto e si impossessò della corona rossa.

Per circa 200 anni, egiziani e Hyksos vissero uno accanto all’altro in una tregua inquieta. Quindi, i faraoni egiziani decisero di riconquistare il delta e scacciare gli Hyksos.

Sotto Seqenenre Tao II, gli egiziani del sud, attaccarono a nord nel delta. Ma le cose non risultarono facili, almeno inizialmente.

Gli Hyksos sono stati riconosciuti dagli studiosi come coloro che introdussero la tecnologia del “carro da guerra trainato da cavalli” in Egitto. Per un po’, gli egiziani del sud rimasero spiazzati davanti a questo nuovo metodo di combattimento per loro molto veloce e insolito.

La pietra El-Arish descrive come il faraone Seqenenre Tao II,“ il coraggioso”, fu sconfitto in battaglia e ucciso.

La mummia di Seqenenre Tao II . La testa è chiaramente rotta dagli assi dei carri Hyksos.

Archeologicamente, la mummia di Seqenenre Tao II è stata trovata. È in mostra al Museo del Cairo. Sembra essere caduto da un carro, subendo lesioni fisiche, la sua testa è chiaramente rotta dagli assi dei carri Hyksos.

Questa battaglia di liberazione egiziana dal dominio di Hyksos pose le basi per l’esodo biblico.

Lo scenario sopra è esattamente ciò che è descritto sia nella Torah che sulla Pietra di El Arish.

Il contesto è una guerra civile tra nord e sud in Egitto. I faraoni indigeni del sud attaccarono i sovrani asiatici / cananei del nord e furono profondamente sconfitti. Il faraone che iniziò il conflitto morì in battaglia. Suo figlio salì al trono. Il nuovo Faraone fece immediatamente due cose: ritirò il suo esercito e lo riorganizzò, e rivendicò così per se stesso e le sue truppe il territorio del delta a nord.

Abbiamo due diversi punti di vista:

La Torah
afferma che, in previsione della guerra, gli israeliti furono ridotti in schiavitù dal re Hyksos perché temeva che gli israeliti si sarebbero uniti agli egiziani.

D’altra parte la pietra di El Arish riferisce che il faraone, noto con il suo nome di dio “Shu”, figlio del “Coraggioso”, dovette improvvisamente assumere il trono di suo padre. Riorganizzò quindi il suo esercito, lo fece allontanare dal campo di battaglia, incontrò i suoi 9 consiglieri “divini” in un posto chiamato At-Nebes e tramò la vendetta.

Fondamentalmente, quando si confronta la Torah – l’inizio del Libro dell’Esodo – con le prime 5 linee della pietra di El Arish, si può dare uno sguardo alla politica che sta dietro la narrazione dell’Esodo. Si percepiscono letteralmente i venti di guerra che avanzano.

Con questa decodifica, per la prima volta, otteniamo la prospettiva egiziana sugli eventi biblici. Dal loro punto di vista:

-iniziarono una guerra di liberazione contro gli Hyksos,
-persero il loro capo divino e la battaglia, ma al primo scontro il faraone morì
-il figlio del faraone morto, il nuovo faraone, subentrò al padre e riorganizzò l’esercito egiziano del sud e si preparò per un contrattacco.

Dal punto di vista ebraico, il faraone Kamose si preparò per un contrattacco e fece precipitare gli eventi che avrebbero portato a Mosè e all’esodo.

Vediamo quali segreti sono celati tra le righe di questo incredibile documento su pietra.

Le iscrizioni sul Naos di El Arish

(Traduzione basata su Griffith e Goyon di Simcha Jacobovici)

Righe 1-5

In sintesi, le prime cinque righe sembrano riferirsi alla guerra condotta dagli egiziani, intorno al 1.500 a.C., sotto il comando del faraone Seqenenre Tao IIchiamato sulla pietra di El Arish con il suo divino nome “Ra Harmakhis”.

La battaglia fu combattuta contro un popolo “asiatico”, cioè dalla zona di Canaan / Israele, chiamato “Amu” dagli egiziani sul granito del Naos, e “Hyksos” dagli studiosi moderni.

“1. Il maestoso Shu era il perfetto re del cielo, della terra, degli inferi, dell’acqua, dei venti, delle acque primordiali, delle colline e del mare 2. [Ha preso il comando] Ra Harmakhis, il coraggioso. Ora, il maestoso Shu andò nella sua residenza reale … 3. a Memphis. Lì, sua maestà parlò al grande consiglio di [nove] dei che lo accompagnarono; ‘Vieni ora, marciamo verso … 4. dall’est, verso la mia residenza reale di At-Nebes. Lì vedremo nostro padre Ra-Harmakhis nella luminosa regione di Bakhit. Possiamo andare avanti prendendo il fiume … 5. organizziamoci alla corte di At-Nebes. “Poi fecero tutto secondo quanto decretato da sua maestà”.

Righe 6-18

Questa sezione termina con una descrizione del “Santo dei Santi” egiziano, dove nessuno, tranne il divino Faraone, potrebbe entrare per apprenderne i segreti o i “misteri

“6. Sua maestà, Shu [Kamose] … [proseguì] nel suo palazzo / residenza a Pi-Yarit. Qui si trovavano i luoghi di sepoltura reali di At-Nebes … 7. … Come il Paradiso appoggiato sui suoi quattro pilastri, è qui che Pi-Soped fu ricostruito per sua maestà, Shu [cioè Kamose]. Questo era il tempio a cui Shu era maggiormente dedicato. 8. Fu volutamente posizionato su un asse sud-nord, ovest-est. Il tempio era dedicato … 9. … tutta l’esistenza. C’erano otto cappelle a destra, otto a sinistra e otto nel cortile del dio Akhit Jabtit. Questo tempio… .10. Era dedicato a Shu nel suo divino nome di Sepd, signore dell’Est. Le cappelle si fronteggiarono. Le residenze [appartenevano?] Al … 11. Gran consiglio degli dei [Enneade], al piccolo consiglio degli dei, agli dei che si occupano di Ra e degli dei … 12. Chi frequenta Shu. Rispetto a tutti questi, i santuari furono costruiti a [At-Nebes?] E circondarono il tempio di Shu. Questo tempio era rivolto a est, di fronte al sol levante e agli abitanti … 13.… Templi – dove ogni nome [distretto] era rappresentato. Nel caso in cui uno dei nomi venisse messo nei guai, questo piano verrebbe messo in atto per… .14. … Nebes era a nord ma era rivolto a sud. I templi degli dei che erano nel territorio [di At-Nebes?]… .15. Di fronte a est. Sul lato nord c’era una piscina, una grande arteria correva di fronte al tempio e arrivava fino a Pi-Yarit…. 16. Pi-Yarit rappresentava il volto di Ra. Con il suo staff, Shu [aka Faraone Kamose] … 17. … toccato il [terreno?] … e divenne un luogo sacro ad At-Nebes. La sua faccia meridionale rappresentava la faccia di Pi-Yarit. Né dei, né dee, né uomini, né animali sono entrati nel recinto sacro per imparare … 18. i suoi misteri. “

Le righe successive parlano della riorganizzazione degli eserciti e della creazione delle condizioni politiche e militari che porteranno all’esodo israelita.

Fonti:
– The time of lsrael – Simcha Jacobovici
blogs.timesofisrael.com/…e-el-arish-stone-blog-entry-1/
blogs.timesofisrael.com/…e-el-arish-stone-blog-entry-2/
– Sabina Marineo, Prima di Cheope

Simcha Jacobovici è professore a contratto presso il Dipartimento di Religione della Huntington University, in Ontario.

larazzodeltempo.it/2019/naos-el-arish/
Kiakiar
Scoperta veramente affascinante!
alda luisa corsini
Buonasera, Chiara!!
Kiakiar
Buonasera Alda Luisa! Gli articoli che lei riporta sono una miniera di informazioni preziose , che ci istruiscono e ci fanno venir voglia di approfondire certe tematiche. Ci fanno apprezzare sempre piu i testi biblici e gettano nuova luce sulla loro interpretazione. Grazie di cuore per tutto questo!
alda luisa corsini
Grazie a Lei e agli amici che sono sempre molto generosi con l'Archeologia...
Mauro Livoni Livoni
Per una lettura più fedele ai testi originali cliccate qui investigatorebiblico.wordpress.com/…ttecento-di-investigatore-bib/
alda luisa corsini
Lei mi perseguita e non a tema...
Mauro Livoni Livoni
Mi scusi.
alda luisa corsini
😉