it.news
1773

Abate di Solesmes difende confusione liturgica e attacca Fraternità Sacerdotale di San Pietro

Don Geoffroy Kemlin, 43, nuovo abate del famoso monastero di Solesmes, in Francia, non "capisce" il «Traditionis custodes» (TC) (FamilleChretienne.fr, 30 maggio).

Solesmes segue il Novus Ordo, ma si trova in forte competizione con i monasteri di Rito Romano. Secondo Kemlin, con il TC Francesco vuole ricordare "l'unità della liturgia nella Chiesa". Kemlin non può non sapere che è proprio il Novus Ordo a distruggere tale "unità".

Kemlin concorda con Francesco che, "col pretesto di poter scegliere la forma liturgica, potremmo scegliere nel Magisterium e mettere da parte il Concilio Vaticano II", ma scegliere e manipolare la forma liturgica è proprio l'essenza del Novus Ordo.

Di conseguenza, Kemlin attacca Francesco ("Lo capisco meno") per aver "permesso" alla Fraternità Sacerdotale di San Pietro di continuare a usare il Rito Romano: "Questa decisione sembra significare che ci sono due Chiese separate: una che celebra nella forma rinnovata, l'altra con gruppi che usano la forma antica".

È interessante che lo stesso Kemlin sia entrato dapprima in un monastero di Rito Romano a Fontgombault, monastero appartenente alla congregazione di Solesmes che riconosce Kemlin come Abate Generale.

Gli abati di Rito Romano della congregazione di Solesmes co-presiedono quando sono a Solesmes e Kemlin parla di "unità indissolubile" tra i monasteri in Eucarestia e i monasteri in Messa della congregazione.

Foto: Geoffroy Kemlin © LePetitPlacide.org, #newsAtskzbkoag

lamprotes
Solesmes deve far dimenticare che il loro abate, nel periodo del concilio vaticano II, apparteneva al Coetus internationalis patrum animato da mons. Lefebvre! In questa notizia si leggono le classiche reazioni psicologiche di chi ha paura di sentirsi dire che potrebbe avere la coda di paglia! Tipica reazione da conservatore che ci tiene a distinguersi!
D'altra parte è una reazione da stupidi: …More
Solesmes deve far dimenticare che il loro abate, nel periodo del concilio vaticano II, apparteneva al Coetus internationalis patrum animato da mons. Lefebvre! In questa notizia si leggono le classiche reazioni psicologiche di chi ha paura di sentirsi dire che potrebbe avere la coda di paglia! Tipica reazione da conservatore che ci tiene a distinguersi!
D'altra parte è una reazione da stupidi: essi credono, in questo modo, di acquistare prestigio presso i modernisti che, in realtà, li vedono come anticaglie poiché usano il latino e il gregoriano! Forse sono un po' meno anticaglie, rispetto a chi ha il "rito tridentino" ma pur sempre anticaglie!!!