Clicks159
MESE DEL SANTISSIMO ROSARIO - Beato Alano della Rupe: - Le pregevolezze dell’Ave Maria, che Gesù rivelò al (Novello) Sposo di Maria. - Il Novello Sposo di Maria ebbe l’immeritata grazia di vedere…More
MESE DEL SANTISSIMO ROSARIO

- Beato Alano della Rupe:

- Le pregevolezze dell’Ave Maria, che Gesù
rivelò al (Novello) Sposo di Maria.


- Il Novello Sposo di Maria ebbe
l’immeritata grazia di vedere e udire in
visione Gesù, che parlava alla Madre:
“Dolcissima Madre e Sposa, mi è così
gradita la Tua Lode nell’Ave Maria, che
voglio rivelare al Tuo (Novello) Sposo le
Altezze inenarrabili, che sono custodite
nelle Tue Lodi.
(Gesù) guardò verso (il Novello Sposo)
e disse: “Figlio Mio, ti sono apparso in
visione, per dirti cosa realmente offri alla
Madre di Dio, quando Le dici, molto
devotamente, Ave”.

Lo Sposo rispose: “O Amore e Gioia dei
cuori, Dolcissimo Gesù: Ti rendo grazie della
Tua Somma Grazia e Compassione: Ti sei
degnato di far visita a me, indegnissimo
peccatore, che ti restituisco non quanto
dovrei, ma quant’è il mio valore387; ti prego,
allora, assai umilmente: insegnami le cose
che non conosco”.

(E) Gesù (disse): “Figlio mio, ascolta
quali altezze possiede la Madre di Dio, per
certi versi simili alle magnificenze del
mondo.

LE SETTANTADUE PREGEVOLEZZE
DELL’AVE MARIA

PRIMO ROSARIO.

Prima Cinquantina.

1. “L’Ave Maria è il Paradiso, nel quale
i Novelli Adamo ed Eva, Cristo e Maria, sono
stati posti, per la rigenerazione degli uomini
(San Bernardo).
2. L’Ave Maria è il Cielo risplendente
delle Stelle delle Virtù, delle Grazie, delle
Scienze e dei Meriti (Sant’Agostino).
3. L’Ave Maria è il Sole che regge e
illumina il mondo, coi raggi splendenti della
sua Purezza (Sant’Anselmo).
4. L’Ave Maria è la Fonte della Vita
Ecclesiale, che purifica i peccatori, risana
gli infermi, disseta gli assetati, irriga i
giardini del sapere (Sant’Agostino).
5. L’Ave Maria è l’Albero della Vita, che
risuscita i morti, guarisce gli infermi,
soccorre i viventi. (San Girolamo)”.

Seconda cinquantina.
6. “L’Ave Maria è l’Albero della
Conoscenza del Bene e del Male, la cui
degustazione Mi insegnò a fare il Bene e a
fuggire il Male (Sant’Anselmo).
7. L’Ave Maria è il Giardino delle
Amenità, coi Fiori delle Virtù, dai quali è
possibile realizzare balsami, per la salvezza
dei vivi e dei morti (Sant’Anselmo).
8. L’Ave Maria è la Miniera d’Oro delle
Mie Ricchezze e la Città Fortificata che
impedisce l’attacco dei nemici (Sant’Alberto
Magno).
9. L’Ave Maria è la miniera delle
Gemme, cioè delle Virtù, che sono la Corona
delle anime (Sant’Agostino).
10. L’Ave Maria è la Stella del mare,
che illumina tra i flutti del mondo e le
tenebre dei peccati, e guida fino all’approdo
nel Porto (San Bernardo)”.

Terza Cinquantina.
11. “L’Ave Maria è la Corona di Gloria,
formata dalle Gemme dei Meriti, e dall’Oro
della Carità: la Madre Mia viene Coronata di
questa Corona, tutte le volte in cui viene
Salutata (Sant’Agostino).
12. L’Ave Maria è la Veste Regale di
Maria, che ricopre i peccatori, e adorna i
giusti (San Bernardo).
13. L’Ave Maria è la Fortezza Celeste
della SS. Trinità (San Bernardo).
14. L’Ave Maria è l’incantevole
Giardino dai Frutti della Grazia e delle Virtù:
ove, tra i germogli della Grazia, riposa la
Colomba dello Spirito Santo, che, a mo di
usignolo canta le consolazioni spirituali, e
spande il profumo della Buona Fama e delle
Virtù (San Bernardo).
15. L’Ave Maria è la Città costruita con
le Gemme e con l’Oro della Chiesa Militante
(San Bernardo)”.

SECONDO ROSARIO.

Prima Cinquantina.

16. “L’Ave Maria è il Tempio di
Salomone, ove vengono offerti a Dio Vittime,
Voti, Sacramenti, ove sono cancellati i
peccati, ove sono allontanate le tribolazioni,
ove si ottiene il Soccorso dei Santi, ove
sono ascoltate le melodie degli Spiriti
Celesti, ove si e fatto Carne il Figlio di Dio.
(Sant’Agostino).
17. L’Ave Maria è la Vite di Engaddi,
che produce il Balsamo per il mondo, con il
quale sono guariti i malati, sono illuminati i
ciechi, vengono soccorsi i vivi e unti i
moribondi (Sant’Agostino).
18. L’Ave Maria è la Scala e la Stella di
Giacobbe, con la quale si sale e si guarda al
Cielo (San Girolamo).
19. L’Ave Maria è l’Arca dell’(Antico)
Testamento, nella quale vi erano le Tavole
della Legge della Sapienza di Dio e la Manna
della Consolazione (San Bernardo).
20. L’Ave Maria è l’Arca di Noè, per
mezzo della quale il mondo viene liberato
dal diluvio dei peccati ed è riparato
dall’inondazione delle sofferenze
(Sant’Anselmo)”.

Seconda cinquantina.
21. “L’Ave Maria è l’Arcobaleno della
Clemenza, che portò il Perdono dopo la
Superbia, l’avarizia delle ricchezze e
l’infedeltà, ecc. (Sant’Agostino).
22. L’Ave Maria è il Monte di Dio, che ci
fa sovrastare le cose terrene, ove il cuore
ritorna a vivere, ove si sfugge all’incendio di
Sodoma. (San Girolamo).
23. L’Ave Maria è il Campo di semi
delle Virtù (San Basilio).
24. L’Ave Maria è l’Organo che allieta i
Cieli, è la Cetra che entusiasma di gioia la
Chiesa; è la Melodia che mette in fuga i
peccati (Sant’Ambrogio; San Beda).
25. L’Ave Maria è la Selva della
preghiera solitaria, dove sotto le stelle si
sta in penitenza, e con rapido passo si fugge
il mondo (San Giovanni Damasceno)”.

Terza cinquantina.
26. “L’Ave Maria è il Prato delle delizie,
nel quale pascolano le greggi di Cristo
(Sant’Anselmo).
27. L’Ave Maria è il Fiume Incantevole
e Fecondo, che nutre e irriga la Terra della
Chiesa (San Basilio).
28. L’Ave Maria è il Placido Mare,
senza tempeste, attraverso il quale si arriva
con sicurezza al Cielo (Sant’Alberto Magno).
29. L’Ave Maria è la Casa della SS.
Trinità, che dà alloggio e rifocilla (San
Riccardo di San Vittore).
30. L’Ave Maria è la Bilancia delle
opere umane (San Giovanni Damasceno)

TERZO ROSARIO.

Prima Cinquantina.

31. “L’Ave Maria è la Biblioteca delle
conoscenze divine ed umane
(Sant’Ambrogio).
32. L’Ave Maria è la Stanza dei Tesori
di Dio, dalla quale discendono ai bisognosi i
Beni del Cielo, di Cristo, ecc. (San Giovanni
Damasceno).
33. L’Ave Maria è il Cantiere per
restaurare il mondo (Sant’Agostino).
34. L’Ave Maria è la Valle, nella quale
si ottiene l’umiltà (Hayimo).
35. L’Ave Maria è il Granaio della
Misericordia, dal quale vengono nutrite le
Anime”.

Seconda cinquantina.
36 “L’Ave Maria è l’Altare del Dio
Vivente, il nostro Approdo (Origene).
37. L’Ave Maria è il Profumo di
gradevole flagranza, che eleva con Sé le
nostre opere di soave odore (San Beda).
38. L’Ave Maria è il Libro della Vita per
i Giusti (San Giovanni Damasceno).
39. L’Ave Maria è la Via al Cielo, per la
quale si giunge alla Patria e alla
Ricompensa (Sant’Anselmo).
40. L’Ave Maria è lo Scudo, col quale si
spengono i dardi infuocati d’ogni male e si
vincono le avversità (San Bernardo)”.

Terza Cinquantina.
41. “L’Ave Maria è l’Arco, che schiocca
le frecce sui nemici, affinchè l’Imperatore
giunga al Trionfo (San Basilio).
42. L’Ave Maria è il Cilizio della
Castità, il Velo dell’Onorabilità, la Cintura
del Decoro, l’Anello dello Sposalizio Celeste.
43. L’Ave Maria è la Corona di Fiori con
cui sono Incoronati i Beati (Sant’Agostino).
44. L’Ave Maria è la Porta del Cielo, per
la quale (entrano) salve le anime
(Sant’Alberto Magno).
45. L’Ave Maria è il Forno per
preparare il Pane degli Angeli, che dà la
Vita al mondo (San Bernardo)”.

QUARTO ROSARIO.

Prima Cinquantina.

46. “L’Ave Maria è il Muro di cinta della
Città e la Siepe di difesa dai nemici
(Sant’Anselmo).
47. L’Ave Maria è la Nube rorida, dalla
quale il mondo viene irrorato, affinchè
fiorisca e fruttifichi (Sant’Agostino).
48. L’Ave Maria è la Dispensa dei
Carismi, che risana dai mali (San Bernardo).
49. L’Ave Maria è lo Specchio
tersissimo, nel quale contempliamo le realtà
del Cielo (Sant’Anselmo).
50. L’Ave Maria è il Mondo Nuovo, che
ha rinnovato il vecchio mondo”.

Seconda cinquantina.
51.” L’Ave Maria è il Vaso della
Potenza del Padre, della Sapienza del Figlio,
della Bontà dello Spirito Santo (San
Bernardo).
52. L’Ave Maria è la Città Celestiale dei
Beati (Sant’Agostino).
53. L’Ave Maria è il Tribunale Supremo
di Giustizia per i Santi, ai piedi del quale ha
avuto luogo la Pace; l’Ave Maria è la
Sovranità su tutti i Regni (San Basilio).
54. L’Ave Maria è il massimo Dominio
sul potere delle tenebre (San Pier Damiani).
55. L’Ave Maria è il Lasciapassare per
tutti i Regni, con il quale si va al Cielo
(Blesense)”.

Terza cinquantina.
56. “L’Ave Maria è il massimo
splendore di una Città che gode di grandi
risorse (Sant’Agostino).
57. L’Ave Maria è l’Inno Angelico di
Lode dell’Umanità di Cristo, contro la
superbia di Lucifero (San Bernardo).
58. L’Ave Maria è stata la più antica
Speranza dei Patriarchi, che preannunciava
l’Incarnazione401 (Sant’Agostino).
59. L’Ave Maria è la Regina delle
Profezie: ad Essa, infatti, tutte le Profezie
erano indirizzate (San Gerolamo).
60. L’Ave Maria è la Fede degli
Apostoli, mediante la quale furono operate
cose meravigliose (Sant’Ambrogio)”.

QUINTO ROSARIO.

Prima Cinquantina.

61. “L’Ave Maria è la Fortezza dei
Martiri, mediante la quale trionfarono su
tutti i supplizi (Sant’Alberto Magno).
62. L’Ave Maria è la Scienza dei
Dottori, mediante la quale fanno
discernimento e giudicano (San Dionigi).
63. L’Ave Maria è la Potestà dei
Pontefici, che essi ricevettero per
mantenere viva l’Incarnazione, mediante i
Sacramenti della Chiesa (Sant’Alberto
Magno).
64. L’Ave Maria è la perseveranza dei
Confessori nei Patimenti, mentre
conseguono il Regno (San Rabano Mauro).
65. L’Ave Maria è la Vita dei Religiosi,
che ascendono a Dio e muoiono al mondo
(Cassiodoro)”.

Seconda cinquantina.
66. “L’Ave Maria è la Gloria dei
Sacerdoti: aver ricevuto un’autentica e
mistica Potestà sul Corpo del Signore (San
Beda).
67. L’Ave Maria è la Purezza delle
Vergini, con la quale si sono sposate a Dio,
e rifiutano gli altri amori, conservandosi
angeliche (San Gerolamo).
68. L’Ave Maria è la Prima Direttiva al
Mondo, imparare a discernere i Poveri, i
Ricchi e i Nobili (San Bernardo).
69. L’Ave Maria è la Pazienza dei
Penitenti nel sopportare innumerevoli
penitenze per essere salvati
(Sant’Agostino).
70. L’Ave Maria è la Soccorritrice di chi
sta agli inizi.
71. L’Ave Maria è la Forza di chi avanza
nel cammino.
72. L’Ave Maria è la Contemplazione di
chi giunge alla perfezione”.

Il (Novello) Sposo, dopo che Gesù ebbe
terminato, gli rese umilmente grazie per
tutte quelle parole, e attestò di aver visto
Gesù così Maestoso, che per lui era un
continuo martirio non poterlo incontrare,
fino al giorno del Giudizio.

Ringraziò vivamente Gesù per le sue
parole, che anche San Domenico aveva
avute in rivelazione da San Giacomo il
Maggiore, in Spagna: egli era quasi vicino
alla morte, tuttavia, dopo quella Rivelazione
fu tanto rinvigorito nello spirito e nel corpo,
che subito guarì.


(Beato Alano della Rupe o.p.
STORIA, RIVELAZIONI E VISIONI (DEL ROSARIO)
LIBRO SECONDO: CAPITOLO X )


www.beatoalano.it
ilsantorosario
“L’Ave Maria è l’Albero della Conoscenza del Bene e del Male, la cui degustazione Mi insegnò a fare il Bene e a fuggire il Male (Sant’Anselmo). L’Ave Maria è il massimo Dominio sul potere delle tenebre (San Pier Damiani). L’Ave Maria è il Lasciapassare per tutti i Regni, con il quale si va al Cielo (Blesense)”.