Clicks1.5K
Roby_73
3

Il Discernimento

In generale, il discernimento è un giudizio sulla qualità delle cose, che porta a separare quelle buone da quelle cattive e può essere di due tipi: naturale o spirituale.

IL DISCERNIMENTO NATURALE

“Discernimento” viene dalla parola greca “diakrisis” che significa separare, scegliere, selezionare, distinguere, giudicare, valutare, comprendere con chiarezza, differenziare, percepire, distinguere tra cose diverse e contrarie, tra le cose buone e cattive, belle e brutte, vive o morte. Questo dunque è il primo discernimento che facciamo attraverso la ragione e le facoltà naturali donateci da Dio.

IL DISCERNIMENTO SPIRITUALE (o DEGLI SPIRITI)

Il Discernimento spirituale va visto come realtà distinta dal discernimento naturale (o sociologico), in modo concreto e globale in rapporto a Dio e al significato ultimo dell’esistenza e, pertanto, in ordine al fine soprannaturale per il quale di fatto siamo stati creati.

L’espressione neotestamentaria discernimento degli spiriti (diakriseis pneumaton) indica la facoltà (o carisma, dono della grazia di Dio) posseduta da una persona nel contesto della comunità cristiana, di discernere la verità dall’errore, la buona fede dalla malafede, la trasparenza dall’inganno. La volontà divina dalla volontà umana, gli spiriti maligni dall’autentico Spirito di Dio.

Il discernimento spirituale è una illuminazione che viene da Dio e che mette la persona in grado di vedere attraverso le apparenze esteriori di un’azione o di una ispirazione per poterne giudicare l’origine. E’ un dono dall’alto, un carisma, uno dei carismi di cui parla S. Paolo nella prima lettera ai Corinzi (1 Cor. 12, 10: “..a uno il potere dei miracoli; a un altro il dono della profezia, a un altro il dono di discernere gli spiriti .(= cioè il dono di determinare l’origine (Dio, la natura, il maligno) dei fenomeni carismatici”).

S.Ignazio di Loyola (nei suoi Esercizi spirituali) afferma: “Presuppongo che esistono in me tre tipi di pensieri: uno mio proprio, che deriva unicamente dalla mia libertà e dalla mia volontà, egli altri due dall’esterno, uno dallo spirito buono e l’altro dallo spirito cattivo”. Sia le ispirazioni sia le azioni possono derivare da tre fonti (o “spiriti”): Dio, la persona stessa o il diavolo. Dopo aver fatto il giusto discernimento della fonte, la persona potrà procedere con maggiore sapienza in quella situazione.

Il discernimento spirituale comporta soprattutto la ricerca, la conoscenza e la scelta della volontà di Dio da parte dell’uomo e la decisione per essa! Il discernimento è necessario perché si possano distinguere le ispirazioni che provengono da Dio, gli impulsi che provengono da elementi cattivi o dalle parti egoistiche della natura umana.

LA FONTE DEL DISCERNIMENTO

Quando parliamo di discernimento spirituale noi indichiamo la fonte del discernimento: LO SPIRITO SANTO, cioè la terza persona della SS.Trinità che presiede questa capacità che non è più soltanto umana, ma diventa spirituale. Il protagonista, il soggetto prima operante, l’attore principale è lo Spirito Santo. E’ Lui che fa discernere non solo perché è l’elemento costitutivo del nostro essere cristiani e della nostra vita spirituale in genere (Rm. 8,9-11.15), il principio dinamico (Rm 8,26: Allo stesso modo anche lo Spirito viene in aiuto alla nostra debolezza; non sappiamo infatti come pregare in modo conveniente, ma lo Spirito stesso intercede con gemiti inesprimibili” 8,2: “Perché la legge dello Spirito che dà vita in Cristo Gesù, ti ha liberato dalla legge del peccato e della morte”), la norma del nostro agire ( Rm 8,4-5: …”…noi che camminiamo non secondo la carne, ma secondo lo Spirito. Quelli che vivono secondo la carne, tendono verso ciò che è carnale; quelli invece che cicono secondo lo Spirito, tendono verso ciò che è spirituale”), ma anche perché attraverso di Lui che viene partecipato all’uomo il discernimento eterno di Dio, che ci purifica, ci spiritualizza, ci trasforma in “pneumatici”= spirituali attraverso i doni delll’amore e dei doni carismatici.

Lo Spirito Santo svolge un ruolo decisivo nel processo del discernimento sia nel creare l’ambiente e le dovute disposizioni interiori del soggetto, sia nell’atto stesso del discernimento.
Lo Spirito Santo deve essere il maestro interiore nel discernimento perché è Lui che ci apre il dialogo col Padre, senza di esso non potremmo dire neanche “Abbà, padre!”, questo ce lo dice la parola di Dio.

E’ lo Spirito che permette che i nostri cuori cambino, è lo Spirito Santo che ci rende capaci di stabilire, di valutare, di discernere; è Lui che ci dà le risposte Senza lo Spirito Santo noi possiamo usare la nostra testa in quanto siamo delle persone razionali, ed è giusto farlo, ma allora non siamo più in un discernimento spirituale, possiamo inquinare il tutto con il nostro punto di vista molto umano e, se non abbiamo una coscienza retta, forse il nostro punto di vista può farsi prendere la mano dalla superbia, dall’orgoglio, dall’attivismo, oppure dal nostro fine egoistico: quello che è utile a me non quello che è utile a Dio.

Se invece lo Spirito Santo è dentro di noi e noi lasciamo che sia veramente la nostra guida, il nostro Maestro interiore, allora noi entriamo alla sua scuola e Lui un po’ alla volta ci guiderà verso il vero discernimento e ci aiuterà a non fare errori, ci toglierà paure, preconcetti, modi di decidere, di fare e anche di dire che sono sbagliati e ci darà modo di conoscere, di penetrare nei misteri di Dio Padre, ci focalizzerà sui veri problemi; cioè sarà quella luce che illumina interamente la nostra vita. Lo Spirito Santo è la legge scritta dei nostri cuori, è la via da seguire, è quella che fa sì che le nostre scelte siano dalla parte di Dio e non dalla nostra parte o dalla parte del maligno.

CRITERI DI DISCERNIMENTO

Innanzi tutto docilità all’azione dello Spirito Santo per essere strumento circa l’attuazione di ciò che è gradito a Dio. Le varie operazioni nel processo del discernimento della volontà di Dio si posso raggruppare in tre verbi SENTIRE – GIUDICARE – SCEGLIERE che corrispondono a 3 facoltà: MEMORIA-INTELLETTO-VOLONTA:

A) SENTIRE: il momento della memoria: “Esaminate ogni cosa”.(1Ts.5,21) E’ percepire le mozioni e le ispirazioni interiori, identificarle; mozioni = movimenti interiori del cuore. Sono realtà dell’affettività più profonda. Nella vita spirituale anche l’affettività va valorizzata. Alcuni autori (Maurizio Costa –università gregoriana) parlano di tre tipi di affettività o livelli di sentire:

♦ UN SENTIRE, una mozione sensibile: il primo sentire l’abbiamo in comune con gli animali: una puntura di spillo o una carezza, c’è subito una reazione di consonanza o dissonanza (simile al gatto se fosse punto o avesse una carezza).

♦ UN SENTIRE o mozione intelligibile: che ha solo l’uomo e non l’animale: di fronte a un quadro d’arte o a uno sgorbio, di fronte a un notturno di Chopin o aun fracasso di tamburi ho nel mio spirito una reazione di consonanza-consolazione o di dissonanza-desolazione che è legata alla struttura spirituale dell’uomo. C’è una affettività della memoria, dell’intelletto che non va affatto confusa con l’emotività più superficiale che abbiamo con gli animali.

♦UN SENTIRE o mozione spirituale: quando l’agente è soprannaturale, viene messa in moto la mia affettività più profonda, quella spirituale-soprannaturale, quella della consolazione o desolazione di cui parla S.Ignazio negli Esercizi Spirituali. Si richiede un processo di interiorizzazione, un clima di silenzio, raccoglimento, preghiera, unione con Dio, docilità allo Spirito Santo; sono mozioni interiori, movimenti interiori. Bisogna distinguere quello che “in me” ma non è “da me”, perché viene dall’esterno,da quello che è “in me” e procede “da me”, dalla mia volontà e libertà. Constatare quello che è “in me”: sia le buone ispirazioni che provengono dallo Spirito buono, e da Dio, sia le tentazioni e le inclinazioni al male che provengono dallo spirito cattivo e non mi rendono né migliore, né peggiore.

B) GIUDICARE: il momento dell’intelletto.
Si tratta: 1. Analizzare, verificare, controllare il valore di questi segni o di queste mozioni (per non confondere le mozioni dello spirito con le manifestazioni sensibili di una psicologia umana o peggio disordinata. 2. Confrontare questi dati col valore della Parola di Dio. Qual è la direzione giusta per dove passa l’azione dello Spirito?
Criterio fondamentale è la persona di Gesù: parola vivente del Padre. Attenzione: ogni discernimento spirituale (cioè secondo lo Spirito e nello Spirito) avviene all’interno di una relazione personale con Lui e nella sequela di LUI! Non si può ipotizzare nella nostra esistenza lo Spirito Santo senza Cristo e al di fuori di Cristo. Per questo il discernimento comporta, nel soggetto che opera, intensa familiarità con Gesù, senso del primato della sua persona, adesione alla sua missione. Fil.2,5-11: “..rivestirsi degli stessi sentimenti di Cristo”. Cioè assimilare la sua mentalità, il suo modo di sentire e di percepire la realtà, il suo pensiero, le sue preferenze, i suoi gesti. Riferimento al mistero pasquale.
Ora secondo S.Ignazio le regole sia per il discernimento delle mozioni (per interpretarle rettamente) sia il discernimento operativo (momento della volontà e deliberazione) hanno come chiave di volta la distinzione tra consolazione e desolazione. Da quali “spiriti” provengono? Ecco la percezione:

- Quando è sotto l’azione dello Spirito buono, l’uomo si trova come investito da uno spirito di positività, di pienezza, di autenticità, spirito di carità e amore verso gli altri. Donde un senso di pace, tranquillità, di luce. Si coglie la CONSOLAZIONE, cioè sotto l’azione del Consolatore, del Paraclito, dello Spirito Santo.

- Quando è sotto l’azione dello spirito cattivo (il diavolo è il divisore, il nemico della natura umana) l’uomo si sente immesso in una dinamica di chiusura, di egoismo, di divisione, una spirale che si chiude e prova un senso di vuoto, di schiavitù, di confusione, di insicurezza, di paura o di forza (solo per criticare) nel puntare il dito contro gli altri e contro tutto, nell’accusare. Si coglie in DESOLAZIONE.
NB. Chi nella propria via spirituale sta camminando dal bene al meglio e verso il fine per cui è stato creato, la consolazione viene da Dio (Creatore e creatura sono in consonanza). Chi procede di male in peggio e sempre più si allontana dal fine, la desolazione viene da satana. Satana, falso e bugiardo, è capace di trasfigurarsi in angelo di luce.

C) SCEGLIERE, il momento della libertà, della decisione, della volontà; è il discernimento operativo:
è la tappa finale di tutto il processo di discernimento; è l’uomo che scegli ciò che è gradito a Dio con un atto libero e soprannaturale. Decisione presa sotto l’azione dello Spirito. E’ la scelta del CHE COSA fare in concreto per Cristo e il suo regno? Cosa è gradito a Dio, è la scelta concreta esistenziale. Cosa fare qui, oggi E’ la scelta del COME vivere? Come condurre evangelicamente la propria esistenza? E’ la scelta del CHI, della persona su cui giocare la propria vita, scelta della sequela di Cristo.

________________________

Analizziamo altri elementi normativi del discernimento:

1. L’ACCORDO CON LA FEDE DELLA CHIESA IN GESU’ CRISTO:
Criterio giovanneo: un dono dello Spirito Santo non può essere contrario alla fede che lo Spirito Santo ispira a tutta la Chiesa. 1 Gv 4,2 : Da questo potete conoscere lo Spirito di Dio: ogni spirito che riconosce che Gesù Cristo è venuto nella carne, è da Dio; ogni spirito che non riconosce Gesù, non è da Dio. Questo è lo spirito dell’anticristo, che, come avete udito, viene, è già nel mondo”.
2. LA PRESENZA DEL “FRUTTO DELLO SPIRITO”: AMORE, GIOIA, PACE. Criterio paolino: ogni dono dello Spirito favorisce il progresso dell’amore, sia nella persona stessa, sia nella comunità, e produce il frutto della gioia, pace. Se un carisma produce turbamento, confusione, significa che non è autentico. Gal. 5,22: “Il frutto dello Spirito invece è amore, gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé”.
3. L’ARMONIA CON L’AUTORITA’ DELLA CHIESA E l’ACCETTAZIONE DEI SUOI PROVVEDIMENTI
San Paolo, dopo aver fissato regole molto strette circa l’uso dei carismi nella chiesa di Corinto, dice: 1 Cor.14,37: “Chi ritiene di essere profeta, o dotato di doni dello spirito, deve riconoscere che quanto scrivo è comando del Signore”. Docilità verso i pastori. Un carisma non può suscitare la ribellione, né provocare la rottura dell’unità!
4. L’EDIFICAZIONE E L’ESPANSIONE DEL REGNO DI DIO
L’uso dei carismi nella comunità ecclesiale è sottoposto a una regola semplice: 1 Cor. 14,26c: “Tutto si faccia per l’edificazione”. Cioè i carismi vengono accolti nella misura in cui recano un contributo costruttivo alla vita della comunità: a) Vita di comunione con Dio; b) Vita di comunione fraterna. San Paolo insiste molto su questo 1 Cor. 14,12 : “Quindi anche voi, poiché desiderate i doni dello Spirito, cercate di averne in abbondanza, per l’edificazione della comunità”. Con la carità, l’unità e la pace, così : 6 Ef. 4,1-7: “Vi esorto io, prigioniero del Signore, a comportarvi in maniera degna della vocazione che avete ricevuto, con ogni umiltà, mansuetudine e pazienza, sopportandovi a vicenda con amore, cercando di conservare l’unità dello Spirito per mezzo del vincolo della pace”. 1 Cor. 14,3-4: “Chi profetizza, invece, parla agli uomini per loro edificazione, esortazione e conforto. Chi parla con il dono delle lingue edifica se stesso, chi profetizza edifica la Chiesa”.

CONCLUSIONE
La condizione più favorevole per un buon discernimento è un’abituale disposizione di fondo di fare, in ogni caso, la volontà di Dio con la consapevolezza che l’agente primario di ogni discernimento è lo Spirito Santo. Dobbiamo abbandonarci allo Spirito come le corde dell’arpa alle dita di chi le muove. Di un vescovo del II secolo, Melitone di Sardi, si legge questo bell’elogio : “Nella sua vita fece ogni cosa mosso dallo Spirito Santo”.

E termino con le parole conclusive che S.Ignazio di Loyola scrisse a Suor Teresa Rajadell il 18 giugno 1536. “Termino pregando la SS.Trinità che per la sua infinita e somma bontà ci dia la grazia abbondante perché sentiamo la sua santissima volontà e la compiamo interamente”

(Narciso don Matteo)
N.S.dellaGuardia
Fondamentale il Discernimento per orientarsi secondo la volontà di Dio tra due cammini entrambi apparentemente buoni, secondo la grande spiritualità ignaziana.
Povero Sant' Ignazio al vedere l'ordine per cui ha dato la vita ridotto in questo stato.
Micheleblu
Bel post!