Clicks1K
Francesco I
6

L'episcopato francese come un "dhimmi" nei confronti dello Stato

"Dhimmitudine" [*]. È difficile nominare diversamente la nuova formulazione adottata dall'episcopato nella stesura dei registri del battesimo per tenere conto delle nuove "leggi" che autorizzano il "matrimonio" per tutti.

L'informazione è stata data da padre Michel Viot su Radio Courtoisie. Questo sacerdote, ex pastore luterano ed ex dignitario massone, prima alla Grande Loggia di Francia, poi alla Grande Loggia Nazionale di Francia, si convertì al cattolicesimo nel 2001 e ricevette il sacerdozio nel 2003. Il 22 dicembre scorso, ha rivelato come l'episcopato francese raccomandi di modificare una formula per i registri del battesimo in modo del tutto sorprendente.
Un cambiamento nella paura

La modifica proposta consiste nell'eliminazione della menzione di padre e madre e nella sua sostituzione con la formula: "Nomi e cognomi dei genitori o altri detentori dell'autorità parentale". Un modo di procedere "non discriminatorio" e politicamente corretto.
La proposta proviene dal Consiglio per le questioni canoniche presieduto da Mons. Joseph de Metz-Noblat, vescovo di Langres. Questa proposta è stata presentata più di un anno fa, con lettera del 13 dicembre 2018.
I motivi addotti sono strani: la Chiesa non dovrebbe rifiutare i sacramenti a coloro che lo chiedono e "i bambini non possono essere ritenuti responsabili della situazione dei loro genitori". Questa spiegazione non presenta alcuna difficoltà in sé ed è perfettamente classica. Inoltre, nel corso della storia, la Chiesa ha tenuto conto di situazioni irregolari: bambini illegittimi o bambini nati da genitori sconosciuti, bambini adottati, ecc. Ma queste circostanze non hanno mai influenzato la menzione del padre e della madre del bambino da battezzare!
Registri della cattolicità

Per capire di cosa si tratta, bisogna sapere che per "registri di cattolicità" dobbiamo intendere gli strumenti che provino l'appartenenza a questa società che è la Chiesa. Una società è composta da membri. Per diventare un membro della Chiesa, si deve ricevere il santo battesimo, che è il sacramento dato da Gesù Cristo per la nostra salvezza e la porta verso altri sacramenti. Questo status pubblico come membro della Chiesa richiede la registrazione, che è inserita nel registro battesimale.
Essere registrati in un tale registro dimostra da un lato che il membro ha ricevuto il sacramento del battesimo, che è essenziale poiché il battesimo non può essere ripetuto. D'altra parte, manifesta lo stato di appartenenza a questa società che è la Chiesa. Questo registro sarà consultato in diverse circostanze, in particolare per ricevere i sacramenti di cresima, matrimonio o ordine.
Il registro battesimale pertanto differisce profondamente dal registro dello Stato civile, sebbene possa, a causa della natura delle informazioni ivi contenute, sostituirlo. Tale è stato il caso durante i secoli del cristianesimo, e ancora oggi si trova in alcuni paesi.
Su questo registro sono registrati da un lato il nome del padre e della madre del battezzato - quando sono conosciuti - e dall'altro quello del padrino e della madrina, che sostituiscono i genitori durante la cerimonia. La menzione dei genitori biologici è importante per prevenire i matrimoni consanguinei.

In alcuni casi, è possibile aggiungere una menzione: "padre sconosciuto", "adottato da" o qualsiasi altra informazione che consenta l'ubicazione esatta del bambino in un albero genealogico. A volte, elementi contenenti informazioni molto riservate possono essere tenuti segreti.
I registri di cattolicità non sono quindi intesi come un calco della società in cui è collocata la Chiesa, perché è essa stessa una società, perfetta nel suo ordine. Né devono inchinarsi a un sistema legale che contraddice la natura creata da Dio e restaurata da Gesù Cristo.
Le condizioni del battesimo

Un ultimo argomento di singolare importanza si oppone all'assurda modifica dei registri battesimali in questione. Dipende dalle condizioni generali richieste dalla Chiesa per tutti i battesimi.

Certamente, il battesimo non dovrebbe essere rifiutato a un bambino a causa del peccato che potrebbe circondare la sua concezione. Ma prima di dare il battesimo, è necessario assicurarsi di una condizione essenziale: che sia prevista l'educazione cristiana del futuro battezzato, come specificato dalla legge della Chiesa.

In effetti, come è stato detto, il battesimo porta in questa società che è la Chiesa, il Corpo mistico di Gesù Cristo, che conduce le anime in Paradiso attraverso la grazia e la pratica di una vera vita cristiana. Ora la vita cristiana è fondata sulla fede e prospera nella carità e nelle opere che ne derivano. Questa vita richiede quindi una preparazione, una formazione particolare che è il catechismo.
"L'educazione cristiana ha una parte positiva, l'istruzione e libera pratica religiosa, e una parte negativa, l'assenza di influenze dannose dal punto di vista della fede e della buona morale", spiega il Trattato di Diritto Canonico di Padre Raoul Naz. Sorge allora la domanda: possiamo battezzare un bambino che sappiamo con certezza che sarà sottoposto a influenze contrarie alla fede e alla morale cattolica? Porre la domanda è allo stesso tempo rispondervi.

Le proposte del vescovo Metz-Noblat e dell'episcopato francese non sono altro che una presentazione servile, un "dhimmitudine" nei confronti di disposizioni legali contrarie alla morale cattolica. Esse distruggono la nozione stessa del registro di cattolicità, e in ogni caso non potrebbero essere applicate nel contesto di un ministero veramente interessato alla salvezza delle anime.

Sfortunatamente, questo non è l'approccio adottato dai leader dell'episcopato francese. In una circolare che il vescovo de Metz-Noblat ha inviato il 28 febbraio 2019, indica i motivi che guidano le sue raccomandazioni: garantire che la formula del registro di cattolicità non sia suscettibile di essere attaccata per discriminazione da parte di omosessuali o dello Stato laico. Tempi tristi.
(Fonti: L’Homme Nouveau/Res novae/Wikipedia/Naz - FSSPX.Actualités - 06/01/202

fsspx.it

[*] "dhimmi"

Il suddito di uno stato islamico al quale è concessa libertà di culto.
N.S.dellaGuardia
La neochiesa "piace alla gente che piace"...
Pietro da Cafarnao
La discriminazione la fanno i vescovi francesi nei confronti di Gesù Cristo. Il matrimonio è solo quello istituito da Dio. Coloro che si sposano in municipio fanno un atto di convivenza secondo le leggi della stato, ma è unione tra conviventi. Se lo stato ha introdotto l'unione laica e l'ha definita matrimonio ha compiuto un abuso del termine e dell'istituzione religiosa del matrimonio. Quando …More
La discriminazione la fanno i vescovi francesi nei confronti di Gesù Cristo. Il matrimonio è solo quello istituito da Dio. Coloro che si sposano in municipio fanno un atto di convivenza secondo le leggi della stato, ma è unione tra conviventi. Se lo stato ha introdotto l'unione laica e l'ha definita matrimonio ha compiuto un abuso del termine e dell'istituzione religiosa del matrimonio. Quando avverrà il trionfo del Cuore immacolato di Maria e se io sarò ancora su questa terra farò cambiare tutte le leggi statali e perfino la stessa costituzione che ammette questa espropriazione indebita, come pure l' Istituto della Sacra Rota sarà amministrato da giudici interni alla Chiesa, rigorosamente sacerdoti od Ordinari del luogo (Vescovi) e gli avvocati torneranno ad occuparsi di questioni civili e non più religiose, ad esclusivo vantaggio della verità.
nolimetangere
👏 👏 👏 👏 👏
alda luisa corsini
🤬 🤫
Pietro da Cafarnao
💣💥🔥🌋🌪
Christoforus78
La Chiesa da maestra e guida è divenuta suddita e serva del potere politico. Ma se essa smette di ammaestrare e formare gli uomini nuovi oltre che inutile diviene dannosa.