Clicks594
Francesco Federico
2
Benedetto XVI: L’uomo è l’unica creatura libera di dire di sì o di no all’eternità, cioè a Dio. Il 1° dicembre 2007 Benedetto XVI tenne una splendida omelia nel corso della celebrazione dei Primi …More
Benedetto XVI: L’uomo è l’unica creatura libera di dire di sì o di no all’eternità, cioè a Dio.

Il 1° dicembre 2007 Benedetto XVI tenne una splendida omelia nel corso della celebrazione dei Primi Vespri di Avvento. Il testo integrale è consultabile qui: www.vatican.va/…/hf_ben-xvi_hom_….
Colse anche l'occasione per presentare la sua seconda enciclica, "Spe Salvi", tutta incentrata sulla speranza cristiana.
In particolare:

"Al tema della speranza ho voluto dedicare la mia seconda Enciclica, che è stata pubblicata ieri. Sono lieto di offrirla idealmente a tutta la Chiesa in questa prima Domenica di Avvento, affinché, durante la preparazione al Santo Natale, le comunità e i singoli fedeli possano leggerla e meditarla, per riscoprire la bellezza e la profondità della speranza cristiana. Questa, in effetti, è inseparabilmente legata alla conoscenza del volto di Dio, quel volto che Gesù, il Figlio Unigenito, ci ha rivelato con la sua incarnazione, con la sua vita terrena e la sua predicazione, e soprattutto con la sua morte e risurrezione. La vera e sicura speranza è fondata sulla fede in Dio Amore, Padre misericordioso, che "ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito" (Gv 3,16), affinché gli uomini e con loro tutte le creature possano avere la vita in abbondanza (cfr Gv 10,10). L’Avvento, pertanto, è tempo favorevole alla riscoperta di una speranza non vaga e illusoria, ma certa e affidabile, perché "ancorata" in Cristo, Dio fatto uomo, roccia della nostra salvezza".

"In realtà, se manca Dio, viene meno la speranza. Tutto perde di "spessore". E’ come se venisse a mancare la dimensione della profondità ed ogni cosa si appiattisse, privata del suo rilievo simbolico, della sua "sporgenza" rispetto alla mera materialità. E’ in gioco il rapporto tra l’esistenza qui ed ora e ciò che chiamiamo "aldilà": esso non è un luogo dove finiremo dopo la morte, è invece la realtà di Dio, la pienezza della vita a cui ogni essere umano è, per così dire, proteso. A questa attesa dell’uomo Dio ha risposto in Cristo con il dono della speranza.
L’uomo è l’unica creatura libera di dire di sì o di no all’eternità, cioè a Dio. L’essere umano può spegnere in se stesso la speranza eliminando Dio dalla propria vita. Come può avvenire questo? Come può succedere che la creatura "fatta per Dio", intimamente orientata a Lui, la più vicina all’Eterno, possa privarsi di questa ricchezza? Dio conosce il cuore dell’uomo. Sa che chi lo rifiuta non ha conosciuto il suo vero volto, e per questo non cessa di bussare alla nostra porta, come umile pellegrino in cerca di accoglienza. Ecco perché il Signore concede nuovo tempo all’umanità: affinché tutti possano arrivare a conoscerlo!".

"Ecco allora la sorprendente scoperta: la mia, la nostra speranza è preceduta dall’attesa che Dio coltiva nei nostri confronti! Sì, Dio ci ama e proprio per questo attende che noi torniamo a Lui, che apriamo il cuore al suo amore, che mettiamo la nostra mano nella sua e ci ricordiamo di essere suoi figli. Questa attesa di Dio precede sempre la nostra speranza, esattamente come il suo amore ci raggiunge sempre per primo (cfr 1 Gv 4,10). In questo senso la speranza cristiana è detta "teologale": Dio ne è la fonte, il sostegno e il termine. Che grande consolazione in questo mistero! Il mio Creatore ha posto nel mio spirito un riflesso del suo desiderio di vita per tutti. Ogni uomo è chiamato a sperare corrispondendo all’attesa che Dio ha su di lui. Del resto, l’esperienza ci dimostra che è proprio così. Che cosa manda avanti il mondo, se non la fiducia che Dio ha nell’uomo? E’ una fiducia che ha il suo riflesso nei cuori dei piccoli, degli umili, quando attraverso le difficoltà e le fatiche si impegnano ogni giorno a fare del loro meglio, a compiere quel poco di bene che però agli occhi di Dio è tanto: in famiglia, nel posto di lavoro, a scuola, nei diversi ambiti della società. Nel cuore dell’uomo è indelebilmente scritta la speranza, perché Dio nostro Padre è vita, e per la vita eterna e beata siamo fatti".
Gloria Dio Padre
stupendo, quasi nessuno ne parla, ma PAPA BENEDETTO CONOSCE MOLTO BENE LA DIVINA VOLONTA' E LUISA PICCARETA, quindi il libero arbitrio il Fiat che il Cattolico e' chiamato LIBERAMENTE A DIRE E DARE LA SUA VOLONTA' A DIO. E' da fare un quadro su tale cosa IL LIBERO ARBITRIO, che sfacciatamente omissis ha negato (ERESIA PLATEALE E PLANETARIA ANZI UNIVERSALE) con il suo amico canonizzato lutero che …More
stupendo, quasi nessuno ne parla, ma PAPA BENEDETTO CONOSCE MOLTO BENE LA DIVINA VOLONTA' E LUISA PICCARETA, quindi il libero arbitrio il Fiat che il Cattolico e' chiamato LIBERAMENTE A DIRE E DARE LA SUA VOLONTA' A DIO. E' da fare un quadro su tale cosa IL LIBERO ARBITRIO, che sfacciatamente omissis ha negato (ERESIA PLATEALE E PLANETARIA ANZI UNIVERSALE) con il suo amico canonizzato lutero che nega il libero arbitrio, la salvezza secondo l'eretico scomunicato blasfermo lutero e' per tutti anzi PECCA QUANTO VUOI E CONFIDA IN DIO. FACCIAMO PEGGIO DI SODOMA E GOMORRA MA MOLTO PEGGIO bergoglio proselitismo MANIPOLATORIO DELLA VERITA' E DI DIO, tutto e' permesso tutto sdoganiamo tutto magari piano piano andiamo contro tutti i comandamenti e la SACRA SCRITTURA facciamo un UMANESIMO MONDIALE (COME HA DETTO DA RADIO VATICANA) e al posto di Dio facciamo l'uomo il dio di se stesso, praticamente una trasformazione diabolica per diventare diavoli viventi dannati. E ancora ci sono tantissimi che gli fanno applausi lo seguono e non si fanno domande. SCUSATE bergogliani ma come AMATE IL SIGNORE? MEDITATE GENTE MEDITATE COME DICEVA ARBORE