Clicks1.7K
it.news
5

Non c'è nessun complotto. Di Gianni Toffali

Sono migliaia i medici, gli avvocati, gli scienziati, i politici, i giornalisti e gli uomini di cultura che in Italia si sono schierati apertamente contro il vaccino e contro la tessera di nazista memoria, ipocritamente chiama green pass.

Eppure, a riprova che l'informazione non è libera, sulle TV pubbliche, sino a poche settimane fa, a dare voce ai 15 milioni di italiani che hanno rifiutato il siero sperimentale (il 25% della popolazione), non veniva invitata alcuna rappresentanza.

Neppure uno degli 800 medici italiani che per poca trasparenza sulla composizione del vaccino (i brevetti ne impediscono l'analisi) e la loro mancata sperimentazione, si sono giustamente rifiutati di farsi vaccinare e soprattutto, per deontologia professionale, di vaccinare i pazienti ammaliati dalla propaganda mainstream.

A rompere la passerella dei soliti quattro gatti in camice bianco, più innamorati dei riflettori che delle corsie d'ospedale, ha iniziato Mario Giordano, Massimo Cacciari e Carlo Freccero.

Tutti con modalità proprie, dopo essersi scrollati di dosso gli schizzi di fango, o meglio la nomea di novax&complottisti inventata di sana pianta da chi al popolino squattrinato preferisce le più "vantaggiose" big pharma (vale a dire le aziende "filantrope" che nel giro di due anni hanno centuplicato le quotazioni in borsa), hanno accennato al grande reset.

Le accuse di complottismo sono state respinte spiegando che non c’è nessun complotto e nessun bisogno di "prova inconfutabile" dato che il "Grande Reset" è il progetto ufficiale del Wef (World Economic Forum) ed è descritto minuziosamente dal suo stesso autore in due libri: "La quarta rivoluzione", con prefazione di John Elkann e "Covid-19: The Great Reset" uscito agli albori della pandemia.

Hanno inoltre specificato che questo autore non è un complottista qualunque, ma una personalità di spicco mondiale come Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo di quel World Economic Forum che raccoglie ogni anno le persone più importanti del mondo nel forum di Davos.

Pochi segnali controcorrente, che però potrebbero costituire l'inizio della fine del più grande inganno mediatico della storia dell'informazione.
Raffaele Vargetto
Bisogna che gli avvocati contrari alle ultime norme restrittive - mi riferisco soprattutto alla sospensione dello stipendio - agiscano all'unisono e concordino insieme di difendere i cittadini e lavoratori italiani che gemono sotto il peso di tali ingiustizie. Mi limito a dire soltanto che sono norme incostituzionali.
N.S.dellaGuardia
Nutro poche speranze a riguardo, ma non si può mai dire.
La nostra Speranza è nella loro folle corsa al potere, unico che può metterli uno contro l'altro e farli morire (in senso metaforico...) in una guerra tutti contro tutti.
warrengrubert
t.me/MatBrandi/948

Condivido qui un pensiero di Matteo Brandi che ho letto su telegram perché troppo bello.

"Burioni è il classico collaborazionista di regime.
Ogni dittatura che si rispetti può contare su parecchi di questi individui. Si tratta di persone senza arte né parte, anonimi in tutto e con l'unico pregio di saper cogliere il momento giusto per ritagliarsi un ruolo con l'arrivo del …More
t.me/MatBrandi/948

Condivido qui un pensiero di Matteo Brandi che ho letto su telegram perché troppo bello.

"Burioni è il classico collaborazionista di regime.
Ogni dittatura che si rispetti può contare su parecchi di questi individui. Si tratta di persone senza arte né parte, anonimi in tutto e con l'unico pregio di saper cogliere il momento giusto per ritagliarsi un ruolo con l'arrivo del despota di turno.
Non pongono domande, eseguono. E lo fanno con il più alto zelo, quello dei servi, e con la più grande ferocia, quella dei mediocri.
Così, in poco tempo, si ritrovano il petto colmo di medaglie da sfoggiare in faccia agli altri, con quella tronfia arroganza che li rende ridicoli. Un encomio vivente allo squallore, con licenza di commettere qualsiasi nefandezza.
Solitamente, questi bipedi ripugnanti sono i primi a cercare una via di fuga quando il regime inizia a vacillare. Alcuni di loro riescono persino a riciclarsi una volta calmate le acque. È per questo che le loro azioni e le loro parole vanno ricordate, sempre."
Veritasanteomnia
Diciamo che il Burioni è in buona compagnia: esiste uno stuolo di accademici di provincia che provano ad affiancarlo senza ritegno
Veritasanteomnia
Spero che questi, tutti, liberino i nostri atenei dalla loro squallida e insipiente didattica dato che nessuna voce si è alzata né per denunciare il protocollo dei tamponi molecolari pensato per dare il più alto numero di positivi, né per obiettare sullo scandalo delle autopsie praticamente negate. Oggi poi nessun biologo molecolare, nessuno studioso di evoluzionismo, nessun genetista ha il …More
Spero che questi, tutti, liberino i nostri atenei dalla loro squallida e insipiente didattica dato che nessuna voce si è alzata né per denunciare il protocollo dei tamponi molecolari pensato per dare il più alto numero di positivi, né per obiettare sullo scandalo delle autopsie praticamente negate. Oggi poi nessun biologo molecolare, nessuno studioso di evoluzionismo, nessun genetista ha il coraggio di dire che non si può affatto escludere che non ci saranno interazioni tra l'mRNA del siero e il DNA dei vaccinati. Nemmeno questi accademici da strapazzo che popolano le nostre Università sono senza colpa: chi tace acconsente. Il bello della Verità è che comunque alla fine si impone, malgrado loro. Loro passeranno, la Verità resterà.