Clicks5.8K
Francesco I
6

“Una profezia di San Francesco parla apertamente di un Papa non eletto canonicamente e descritto come uno ‘sterminatore’ ” Di Finan Di Lindisfarne

“Una profezia di San Francesco parla apertamente di un Papa non eletto canonicamente e descritto come uno ‘sterminatore’ ” Di Finan Di Lindisfarne
Oggi ho vivo desiderio di riproporre un testo particolarmente interessante.
Si tratta di una profezia di San Francesco sugli ultimi tempi, che sembra descrivere davvero la situazione attuale.
Tale testo è già stato pubblicato da Chiesa e PostConcilio in precedenza (chiesaepostconcilio.blogspot.com/…ezia-di-s-francesco-sulla.html), ma trovo utile rispolverarlo di nuovo.
Al seguente link, si può trovare il file della scansione in pdf del testo pubblicato nel 1880 dall’Ordine Francescano.
archive.org/stream/MN5094ucmf_2
La copertina del libro del 1880 reca questa scritta:
OPUSCOLI
DEL SERAFICO PATRIARCA
FRANCESCO D’ASSISI
VOLGARIZZATI COL TESTO A FRONTE
DA UN RELIGIOSO CAPPUCCINO
A SPIRITUALE PROFITTO DE’ FEDELI
e in modo speciale dei figli d’esso Serafico Padre
FIRENZE
TIPOGRAFIA DELLA ss. CONCEZlONE
di Raffaello Ricci
1880

CON APPROVAZIONE ECCLESIASTICA E DELL’ORDINE

A pagina 421 (del testo – invece è la 434 del pdf), ecco la profezia, come scritta e tradotta dal latino in volgare:

Profezia XIV – “Che avverrebbe un grande scisma, e una grave tribolazione nella Chiesa”
Poco innanzi la morte convocati i Frati, gli ammonì delle future tribolazioni, dicendo: « Diportatevi virilmente , o fratelli, fatevi animo , e aspettate pazientemente il Signore. S’affrettano a venire i tempi di una grande tribolazione ed afflizione, ne’ quali le perplessità e i pericoli temporalmente e spiritualmente inonderanno, si raffredderà la carità di molti, e soprabbonderà l’iniquità de’ malvagi. Il potere dei demonii sarà disciolto più dell’usato, e la purezza immacolata della Religione nostra e delle altre sarà disformata in tal guisa, che pochissimi de’ cristiani con cuor sincero è carità perfetta obbediranno al vero Sommo Pontefice e alla Chiesa Romana. Taluno non eletto, canonicamente, nel momento di quella tribolazione assunto al Papato, coll’astuzia del suo errore macchinerà di porger la morte a molti. Allora si moltiplicheranno, gli scandali; la nostra Religione verrà divisa, e parecchie delle altre saranno affatto abbattute, perchè non si opporranno all’errore, ma gli presteranno l’assenso. Vi saranno tante e sì gravi opinioni e scismi nel popolo, e nei Religiosi e nel Clero, che se non fossero accorciati quei giorni, secondo la parola evangelica, (se fosse possibile) sarebbero ingannati gli stessi eletti, se in sì grande tempesta sostenuti non fossero dall’ immensa misericordia di Dio.

Allora la nostra Regola e vita sarà da certuni fierissimamente combattuta. Sopravverranno tentazioni immense: quelli che allora saranno stati provati, riceveranno la corona di vita: ma guai a coloro, i quali affidati alla sola speranza della Religione s’intiepidiranno, e non resisteranno costantemente alle tentazioni permesse per prova degli eletti. Coloro poi che fervorosi di spirito per la carità e per lo zelo della verità coltiveranno là pietà’, come disobbedienti e scismatici soffriranno persecuzioni ed ingiurie. Perocché i loro persecutori, agitati dagli spiriti maligni, diranno che si rende un grande onore a Dio coll’uccidere e cancellar dalla terra uomini cosi pestilenti.
Il Signore però sarà allora il rifugio degli afflitti,e gli salverà, perchè posero la speranza in lui. E per rendersi conformi al loro capo agiranno con fiduicia, e colla morte comprandosi la vita eterna, eleggeranno di ubbidire piuttosto a Dio, che agli uomini; e ricusando acconsentire alla falsità e alla perfidia, non paventeranno punto il morire. Allora la verità da alcuni predicatori verrà taciuta, da altri sarà conculcata e negata. La santità della vita da quelli che la professano, sarà posta in derisione: per lo che il Signor Gesù Cristo manderà loro un degno, non pastore, ma sterminatore.


(Traduzione in italiano corrente: Poco prima della sua morte, radunati i confratelli, li avvertì delle future tribolazioni dicendo: Andate avanti con coraggio e trovare conforto e sostegno nel Signore. Si affretteranno a venire incontro gravi tempi di tribolazione e di afflizione nei quali dilagheranno oscurità e pericoli sia materialmente che spiritualmente, la carità di molti si raffredderà, e sovrabbonderà l’iniquità dei malvagi. Sarà slegata più dell’ordinario la potenza dei demoni, sarà deturpata la purezza immacolata del nostro culto e di quello di altri, fino al punto che pochissimi fra i cristiani obbediranno al vero Sommo Pontefice e alla Chiesa romana: un tale, non eletto canonicamente, elevato al Papato nel momento della sua tribolazione, macchinerà di consegnare a molti la morte del suo delirio. Allora si moltiplicheranno gli scandali, la nostra Religione si dividerà, molti saranno da altri del tutto fiaccati tanto che non si opporranno ma si accorderanno con lo sviamento. Saranno le opinioni e gli scismi tanti e tanti nel popolo e nei religiosi e fra gli ecclesiastici che se non fossero abbreviati quei giorni secondo la parola del Vangelo indurrebbero in errore (se fosse possibile) anche gli eletti, se non che essi saranno guidati in così terribile tempesta dall’immensa misericordia di Dio. La nostra Regola e la nostra vita allora saranno da certuni violentissimamente attaccate. Piomberanno addosso tentazioni potenti. Coloro che allora resisteranno nella prova riceveranno la corona della vita. Guai invece a coloro che diventeranno tiepidi sentendosi sicuri nella sola speranza della religione, non resisteranno con costanza alle tentazioni permesse per provare gli eletti. Quelli che ferventi di carità con vero spirito e zelo per la verità staranno attaccati all’amor di Dio, subiranno persecuzioni e punizioni come fossero disobbedienti e scismatici.
Infatti coloro che li perseguitano mossi da spiriti maligni diranno essere un grande omaggio a Dio annientare e togliere dalla terra uomini tanto nocivi. Allora tuttavia sarà il Signore sarà rifugio per gli afflitti e salverà coloro che spereranno in Lui. E per conformarsi al loro capo si comporteranno con fede e sceglieranno di obbedire a Dio piuttosto che agli uomini, e non volendo accordarsi con la falsità e la perfidia non temeranno in nessun modo la morte. La verità allora sarà da alcuni predicatori seppellita nel silenzio, da altri si negherà col disprezzo. La santità di vita sarà derisa da coloro che la professano e per questa ragione il Signore Gesù Cristo lascerà a loro non un degno pastore ma uno sterminatore.


Personalmente sono sempre alquanto prudente -e anche diffidente- verso le numerosissime rivelazioni private che circolano in rete. Tuttavia, quando si tratta di un Santo, prendo i testi con la dovuta serietà.
Sottopongo, quindi, per amore alla verità, questo testo, senza commentare ulteriormente. Le parti che ho evidenziato in neretto sono, a mio parere, preoccupanti coincidenze.
Finan Di Lindisfarne

anonimidellacroce.wordpress.com/…atore-di-finan-di-lindisfarne/
Marziale
Dana22
Pietro da Cafarnao
Vorrei commentare queste parti della profezia di S.Francesco. In questa profezia di cui porto 2 parti sotto, notiamo nella prima che si parla di obbedienza al vero Sommo pontefice. Perciò se c'è un vero c'è anche un falso pontefice che opera. La risposta a questa situazione di due pontefici sta nel punto seguente, per il fatto da una parte che la Verità ossia la Parola di Dio verrà nel suo …More
Vorrei commentare queste parti della profezia di S.Francesco. In questa profezia di cui porto 2 parti sotto, notiamo nella prima che si parla di obbedienza al vero Sommo pontefice. Perciò se c'è un vero c'è anche un falso pontefice che opera. La risposta a questa situazione di due pontefici sta nel punto seguente, per il fatto da una parte che la Verità ossia la Parola di Dio verrà nel suo contenuto messa da parte e si predichera' al suo posto un falso Valgelo e dall'altra la vita spirituale viene derisa da coloro che dovrebbero professarla. Ecco che Dio permetterà la venuta non un degno papa ma uno sterminatore, colui che conduce le anime alla morte eterna. Perché nella profezia si parla di un papa che procura una morte che non può essere del corpo, ma dell'anima perché, un papa ha solo una missione spirituale. Non può muovere guerra a uno stato o nazione, visto che il suo compito é prettamente spirituale. Continuando con la profezia... E se vogliono una Chiesa fatta di pastori e credenti che assecondano il mondo e il suo principe, Dio lo concede, salvo poi separare alla fine il buon grano dalla zizzania. Un terzo delle stelle cielo periranno come richiama l'apocalisse di S.Giovanni trascinate dal dragone rosso dell'ateismo. Nella Valtorta sono tre quarti i pastori infedeli che verranno meno a una prova importante che nel profeta Daniele al cap. 12 si riferisce all'abominio della desolazione nel luogo santo che culminerà con una falso sacrificio, un rito falso che sostituirà quello vero. Questa è la grande prova a cui saranno sottoposti fedeli e pastori, ma già da ora siamo chiamati a combattere per difendere la S.Eucaristia e la S.Parola di Dio.

"Il potere dei demonii sarà disciolto più dell’usato, e la purezza immacolata della Religione nostra e delle altre sarà disformata in tal guisa, che pochissimi de’ cristiani con cuor sincero è carità perfetta obbediranno al vero Sommo Pontefice e alla Chiesa Romana. Taluno non eletto, canonicamente, nel momento di quella tribolazione assunto al Papato, coll’astuzia del suo errore macchinerà di porger la morte a molti"..."La verità allora sarà da alcuni predicatori seppellita nel silenzio, da altri si negherà col disprezzo. La santità di vita sarà derisa da coloro che la professano e per questa ragione il Signore Gesù Cristo lascerà a loro non un degno pastore ma uno sterminatore".
Francesco I
Noncirestachepiangere
Apocalisse cap. 13: "E vidisalire dal mare una bestia che aveva 10 corna e 7 teste, sulle corna 10 diademi e su ciascuna testa un titolo blasfemo.(..) Il drago le diede la sua forza, il suo trono ed il suo grande potere.(..) Alla bestia fu data una bocca per proferire parole d'orgoglio e bestemmie. (..) Essa aprì la bocca per proferire bestemmie contro Dio, per bestemmiare il suo nome e la sua …More
Apocalisse cap. 13: "E vidisalire dal mare una bestia che aveva 10 corna e 7 teste, sulle corna 10 diademi e su ciascuna testa un titolo blasfemo.(..) Il drago le diede la sua forza, il suo trono ed il suo grande potere.(..) Alla bestia fu data una bocca per proferire parole d'orgoglio e bestemmie. (..) Essa aprì la bocca per proferire bestemmie contro Dio, per bestemmiare il suo nome e la sua dimora, contro tutti quelli che abitano in cielo. (ricorda qualcuno?...)La prima bestia fa molto probabilmente riferimento al profeta dell'anticristo in quando non dispone né di forza né di potere che gli vengono dati dal drago, cioè il male, Satana.
Il capitolo continua dicendo:"E vidi salire dalla terra un'altra bestia", riferendosi quai sicuramente all' anticristo.
Con le sue parole e con i suoi atti Bergoglio dimostra di essere un distruttore della Santa Chiesa (purtroppo non il solo, considerando anche i predecessori e il famigerato CV II), un falso profeta e precursore dell' anticristo.
Dice il Signore:" Guardatevi dai falsi profeti che verranno a voi in vesti di agnello....."
Noncirestachepiangere
Bergoglio è stato insediato dalla massoneria tramite alcuni cardinali massoni (mafia di S. Gallo) perché portasse alla completa distruzione della Chiesa Cattolica, cosa che la massoneria e in particolare i sionisti perseguono da sempre.