Clicks41

Siate una cosa sola.

Christoforus78
Nel piano di Dio per l'umanità, l'uomo e la donna devono essere una sola cosa, ovvero due esseri separati ma in una sintonia così profonda da essere una unità, da far dire alle Scritture non osi …More
Nel piano di Dio per l'umanità, l'uomo e la donna devono essere una sola cosa, ovvero due esseri separati ma in una sintonia così profonda da essere una unità, da far dire alle Scritture non osi uomo separare ciò che Dio ha unito, non tanto nel rito ma quello che il Creatore ha pensato unito fin dal principio. Satana ha portato la divisione ha aizzato la donna contro l'uomo e l'uomo contro la donna. Ella è attratta da lui e lui cerca di dominarla. Questo è nella natura dell'uomo vecchio, quello che prende moglie e marito, che sceglie tra le figlie degli uomini quella che più lo attrae, l'uomo vecchio è il trionfo dei sensi e sceglie in base ad essi. L'uomo nuovo riprende i comandi di Dio ed è perfetto in essi, non prende ma accoglie, non guarda con sguardo di senso ma come Giuseppe accoglie in casa sua la sposa che il Signore ha scelto per lui e sposa più perfetta non c'era come sposo più perfetto non vi era. Ora noi, dimentichi di essere uomini nuovi, siamo tornati alle abitudini dell'uomo vecchio e ci sposiamo secondo i nostri sensi. Viviamo tutto in funzione di essi ed a causa loro patiamo e ci agitiamo. La sposa e lo sposo non sono uniti a noi in comunione di intenti ma sono un orpello al nostro orgoglio, servi dei nostri capricci, ostaggi dei nostri volubili sensi. Ci si meraviglia poi come in questo vortice la violenza esploda senza ritegno, ma dove dominano passioni disordinate non può essere altro che sopraffazione e umiliazione. Se almeno il patire divenisse offerta spontanea per la propria redenzione. No il patire diviene rabbia, bestemmia, adulterio, odio verso Dio e verso se stessi. Abbiamo solo il nostro io come culto e ci lagnamo con Dio e con la Chiesa perchè non si adeguano al nostro volere. Sapessimo essere umili e riconoscere di errare potremo fare utile della nostra vita ma no ci ostiniamo e per fam le di sensi passiamo da un talamo all'altro spargendo sofferenza a larghe mani.