Clicks441
Francesco I
1

Il Papa Bergoglio ha rischiato di non nascere.

C’è una storia che vede protagonisti i nonni e il padre di Papa Francesco. Ed è accaduta prima che lui nascesse. EbbeC’è una storia che vede protagonisti i nonni e il padre di Papa Francesco. Ed è accaduta prima che lui nascesse. Ebbene si: Jorge Bergoglio ha rischiato di non venire al mondo. E non per un aborto. Ma per una tragedia.
Tornando indietro nel tempo, come molti sanno, il futuro Papa aveva origini piemontesi: i suoi nonni erano della provincia di Torino e hanno vissuto una parte della loro vita nel capoluogo piemontese. Eppure nonna Rosa e nonno Mario, e il loro unico figlio, Francesco Bergoglio, padre di Jorge, decisero di cercare fortuna oltre oceano. Per loro, però, ci fu un grave imprevisto, come riporta il libro “Gli Anni oscuri di Bergoglio” (Ancora editrice), a cura di Javier Cámara e Sebastián Pfaffen.
Gennaio 1929

La famiglia Bergoglio, infatti, si imbarcò su una nave mai giunta a destinazione perchè subì un naufragio che lasciò scampo a pochi sopravvissuti. Tra questi c’erano proprio Rosa, Mario e Francesco.

“La lussuosa nave Principessa Mafalda è naufragata sulle coste di Bahía, in Brasile, ieri alle 19:15. Sono stati salvati 400 passeggeri su un totale di 1.600”, si leggeva in un bollettino dell’agenzia di stampa Associated Press (AP).

La nave italiana era il Titanic del suo tempo, l’unica capace di unire l’Italia all’Argentina in soli quattordici giorni e, per questo, la preferita di tutti gli immigrati che approdavano su queste coste portando con sé il sogno Americano. Avevano pensato di viaggiare con questa nave che naufragò, Rosa Margarita Vassallo, suo marito Giovanni Bergoglio e il loro unico figlio, Mario. Se avessero intrapreso quel viaggio, questa storia non sarebbe mai stata raccontata e questo libro non sarebbe mai stato scritto.
Rosa è l’amata “Nonna Rosa” di papa Francesco; Giovanni è il nonno, e Mario Giuseppe (José) Francesco, che allora aveva 21 anni, il giovane che sarà il progenitore del 266° pontefice della Chiesa Cattolica.

Una foto della nave Principessa Mafalda che sta affondando.
Public Domain | Wikimedia

La “Giulio Cesare”
“Arrivarono con la Giulio Cesare (l’altra nave italiana che rimpiazzò quella affondata), però avrebbero dovuto fare la traversata precedente con la nave che poi naufragò. Voi non vi immaginate quante volte ho ringraziato la Divina Provvidenza per questo”, confidò Jorge Mario Bergoglio al sacerdote salesiano e storico cordovese Cayetano Bruno, in una lettera scritta a Córdoba nel 1990.
Il 25 gennaio 1929, in una soffocante mattina porteña, approdò nel porto della città di Buenos Aires un’elegante signora con un soprabito con collo di pelliccia di volpe. Era un abito inadeguato per la calda temperatura, però la donna preferiva svenire dal caldo piuttosto che mettere a rischio quello che il soprabito nascondeva nel fodero interno: tutti i risparmi di famiglia. Il denaro che portava con sé Rosa era il frutto dello sforzo di molti anni di lavoro in Piemonte e la speranza di una nuova vita in Argentina.

Bergoglio in compagnia della amata nonna Rosa.

La fortuna di ritardare il viaggio!
I nonni del futuro Papa Francesco avevano venduto tutto ciò che avevano a Torino, inclusa una elegante caffetteria che permetteva loro di vivere. Furono proprio i ritardi che incontrarono per la vendita a ritardare il viaggio.
Rosa Margarita aveva conosciuto il nonno del futuro Papa a Torino. Prima di allora, ognuno per conto proprio, erano giunti dalla campagna a questa grande città, in cerca del progresso che prometteva lo sviluppo industriale. Però non cercavano solo il progresso, cercavano anche Dio. Rosa era una militante attiva della nascente Azione Cattolica, al punto di indire conferenze pubbliche sulla responsabilità del cristiano.

Una di queste conferenze – ricorda Bergoglio nella lettera a padre Bruno – è stata pubblicata con il titolo “San Giuseppe nella vita della donna nubile, della vedova e della donna sposata”. Sembra che mia nonna dicesse cose che non andavano bene alla politica di allora – aggiunge Bergoglio in un altro paragrafo –. Una volta le chiusero la sala dove doveva parlare, e allora ha fatto la conferenza per strada, salendo su un tavolo”.
Giovanni cominciò a lavorare in un bar, ma appena sposati aprirono una loro attività ristorativa. Nel 1908, nacque Mario Giuseppe Francesco, padre dell’attuale Papa, che ebbe un privilegio poco frequente per i figli di contadini di quei tempi: studiare per diventare ragioniere.
it.aleteia.org

-------------------------------------------------------------------

Francesco I
La nave affondata si chiamava "Mafalda" in onore della serva di Dio Mafalda di Savoia, prima Regina del Portogallo, morta in odore di santità

vedi. Fatima e Casa Savoia di Cristina Siccardi