Clicks56
Fatima.

Dice di Sè lo Spirito Santo

Valtorta – quaderni – 25 dicembre 1943

(…) IO SONO L’AMORE. NON HO (e non uso) VOCE MIA PROPRIA PERCHÉ LA MIA VOCE È IN TUTTO IL CREATO ED OLTRE IL CREATO. COME ETERE IO DILAGO PER TUTTO QUANTO È, COME FUOCO ACCENDO, COME SANGUE CIRCOLO. IO SONO IN OGNI PAROLA DEL CRISTO E FIORISCO SULLE LABBRA DELLA VERGINE. IO PURIFICO E FACCIO LUMINOSA LA BOCCA DEI PROFETI E DEI SANTI. IO SONO COLUI CHE LE COSE ISPIRÒ PRIMA CHE FOSSERO, PERCHÉ È IL MIO POTERE QUELLO CHE COME PALPITO DETTE MOTO AL PENSIERO CREATIVO DELL’ETERNO. PER IL CRISTO TUTTE LE COSE SONO STATE FATTE, MA TUTTE LE COSE SONO STATE FATTE DA ME-AMORE, PERCHÉ SONO IO CHE CON LA MIA SEGRETA FORZA MOSSI IL CREATORE AD OPERARE IL PRODIGIO. IO ERO QUANDO NULLA ERA ED IO SARÒ QUANDO RIMARRÀ UNICAMENTE IL CIELO. IO SONO L’ISPIRATORE DELLA CREAZIONE DELL’UOMO AL QUALE FU DONATO IL MONDO PER SUA DELIZIA, IL MONDO IN CUI, DAGLI OCEANI ALLE STELLE, DALLE VETTE ALPINE AGLI STELI, È IL MIO SIGILLO. IO SARÒ CHE PORRÒ SULLE LABBRA DELL’ULTIMO UOMO LA SUPREMA INVOCAZIONE: “VIENI SIGNORE GESÙ!”. IO SONO QUELLO CHE A PLACARE IL PADRE INFUSI L’IDEA DELL’INCARNAZIONE E SCESI, FUOCO CREATORE, A FARMI GERME NELLE VISCERE IMMACOLATE DI MARIA, E RISALII FATTO CARNE SULLA CROCE AL CIELO PER STRINGERE IN ANELLO D’AMORE LA NUOVA ALLEANZA FRA DIO E L’UOMO, COME IN AMPLESSO D’AMORE AVEVO STRETTO IL PADRE E IL FIGLIO GENERANDO LA TRINITÀ. IO SONO COLUI CHE SENZA PAROLE PARLA, OVUNQUE ED IN OGNI DOTTRINA CHE IN DIO ABBIA ORIGINE, COLUI CHE SENZA TOCCO APRE OCCHI ED ORECCHI AD UDIRE IL SOPRANNATURALE, COLUI CHE SENZA COMANDO VI TRAE DALLA MORTE DELLA VITA ALLA VITA NELLA VITA CHE NON CONOSCE LIMITE. IL PADRE È SU VOI, IL FIGLIO IN VOI, MA IO, SPIRITO, SONO NEL VOSTRO SPIRITO E VI SANTIFICO COLLA MIA PRESENZA. CERCATEMI OVUNQUE È AMORE, FEDE E SAPIENZA. DATEMI IL VOSTRO AMORE. LA FUSIONE DELL’AMORE CON L’AMORE CREA IL CRISTO IN VOI E VI RIPORTA IN SENO AL PADRE. HO PARLATO OGGI CHE È L’AVVENTO DELL’AMORE SULLA TERRA, LA PIÙ ALTA MIA MANIFESTAZIONE, QUELLA DA CUI PROVENGONO REDENZIONE E INFUSIONE PENTECOSTALE ALLA TERRA. IL MIO FUOCO DIMORI IN VOI E VI ACCENDA, RICREANDOVI A DIO, IN DIO E PER IDDIO, SIGNORE ETERNO A CUI, IN CIELO E IN TERRA, OGNI LODE VA DATA.