Clicks557
it.news
1

Spaghetti con burro, salvia e mandorle (di Santa Ildegarda)

Gli spaghetti con burro, salvia e mandorle di Santa Ildegarda sono un piatto che potete preparare anche come ricetta di magro per la Quaresima appena cominciata. Sono facili e veloci da realizzare ed io li ho trovati davvero deliziosi.

Per Santa Ildegarda “la salvia è di natura calda e secca e cresce più in virtù del calore del sole che in virtù dell’umidità della terra. Data la sua secchezza, è utile per combattere i fluidi malati. Se la si consuma cruda o cotta è salutare per coloro che sono tormentati dai fluidi dannosi, perché ne contrasta gli effetti”.

Santa Ildegarda dice anche: “chi deve sopportare il puzzo di qualcosa di sporco, si infili della salvia nel naso e questa lo aiuterà”.

La ricetta è tratta dal libro “Hildegard von Bingen. Ricette per il Corpo e per l’Anima” di Eve Landis.

DOSI: 4 persone

DIFFICOLTA’: Bassa

PREPARAZIONE: 15 minuti

COTTURA: 20 minuti

COSTO: Basso

INGREDIENTI:

280 g di spaghetti

20 foglie di salvia di media grandezza

50 g di mandorle (pesate prima di essere sgusciate)

100 g di burro

4 cucchiai di parmigiano appena grattugiato

Sale q.b.

Pepe nero macinato q.b.

Noce moscata q.b.

PREPARAZIONE:

Per preparare gli spaghetti con burro, salvia e mandorle, per prima cosa lavate, asciugate e tagliate a striscioline le foglie di salvia. Quindi, sgusciate le mandorle e tritatele grossolanamente.

A questo punto, fate sciogliere il burro in una padella, dopodiché fatevi rosolare la salvia e le mandorle per 3 o 4 minuti. Ora insaporite con il sale, il pepe appena macinato e abbondante noce moscata, meglio se appena grattugiata.

Poi fate cuocere al dente gli spaghetti in una pentola con abbondante acqua bollente salata, dopodiché scolateli e versateli nella padella con il condimento.

Infine, mescolate per far amalgamare gli ingredienti e cospargeteli di parmigiano grattugiato.

NOTE:

La ricetta originale consiglia gli spaghetti di spelta ma io ho usato quelli normali.

Inoltre, specifica che le dosi indicate sono calcolate per un antipasto e consiglia, nel caso vogliate preparare questo piatto come primo, di raddoppiare le dosi. A me, però, sembra che sia la quantità giusta anche da essere consumata come primo piatto.

Alla prossima ricetta,

alda luisa corsini
Ho imparato un'altra cosa. Li preparo da sempre, a volte anche con le melanzane trifolate, ma non ne conoscevo l' attribuzione. 😇