Clicks155
MESE DEL SANTISSIMO ROSARIO - Beato Alano della Rupe: - La Beata Vergine Maria rivela il senso delle 150 Ave Maria nel Rosario. - "Giubiliamo perché la Beata Vergine Maria ha rivelato che sono …More
MESE DEL SANTISSIMO ROSARIO

- Beato Alano della Rupe:

- La Beata Vergine Maria rivela il senso delle 150 Ave Maria nel Rosario.


- "Giubiliamo perché la Beata Vergine
Maria ha rivelato che sono venti le Ragioni
(delle 150 Ave).

1. Sono 150, i Salmi del Salterio di
Davide, i quali preannunciavano già
profeticamente il Pater e l’Ave, come il
frutto (già è preannunciato) nel fiore.

2. Sono 150, gli Eccelsi Gaudi, che Io
ebbi, tra il Concepimento e la Nascita del
(Mio) Figlio, fra Rapimenti Estatici, Visioni,
Rivelazioni ed Illuminazioni.

3. Sono 150, i Gaudi che Io ebbi, nel
tempo tra la Nascita e la crescita del (Mio)
Figlio.

4. Sono 150, i Gaudi che Io ebbi al
tempo della (Sua) Predicazione in Parole e
Opere.

5. Sono 150, i Dolori più Grandi, che Io
ho sofferto durante la Passione del (Mio)
Figlio.
Quanto grande era l’Amore, altrettanto
il Dolore che Io provavo.

6. Sono 150, gli Eccelsi Benefici, che
Cristo offrì al mondo, da quando vi entrò a
quando vi uscì.

7. Sono 150, i Dolori che Cristo patì in
Corpo, Anima e Divinità, per Amor Mio, dei
Santi, dei Discepoli dei Giudei, di Giuda, dei
popoli e delle anime del Purgatorio.
E 15 sono le (Sue) più Atroci
Sofferenze Corporali: cinque Interiori,
cinque Sensibili, cinque Spirituali (Intelletto,
Volontà, Passionalità, Energia Vitale).

8. Sono 150, i Gaudi che provammo Io
e (Mio) Figlio, alla Sua Risurrezione.

9. Sono 150, i Frutti della Passione del
Signore.

10. Sono 150, le Virtù fondamentali per
la salvezza, ovvero le (Virtù) Teologali, le
Cardinali, le Capitali, le Morali, le otto
Beatitudini, ecc.

11. Sono 150, i Vizi che si oppongono
alle corrispettive Virtù.

12. Sono 150, le miserie del mondo,
ovvero: fame, sete, freddo, caldo, nudità,
infamie, ingiurie, malattie, discordie,
incendi, inondazioni, belve, schiavitù,
ignoranza, ecc., e le realtà ad esse simili.

13. Sono 150, le minacce di morte,
ovvero: infermità, tristezza, terrore,
esitazione, assalto dei demoni, rimorso di
coscienza, perdita dei beni, privazione
dell’uso delle membra, avversità,
prostrazione, e cose ad esse simili.

14. Sono 150, le angosce del Giudizio,
ovvero: Timore del Giudice, tremore di quelli
che devono essere giudicati, accusa dei
demoni, manifestazione dei peccati, infamia
infinita, apprensione, angoscia del rimorso,
disperazione, vergogna, desiderio di morire,
sdegno da parte delle creature, e cose
simili ad esse.

15. Sono 150, le più grandi pene
dell’Inferno, a fronte di altrettanti vizi, e
tormenti simili dell’anima e del corpo: i
demoni, il luogo, il fuoco di Dio, la
coscienza, la gloria perduta, l’eternità della
dannazione.

16. Sono 150, i Gaudi dei Beati.

17. Sono 150, gli Eccelsi Gaudi di
Maria SS. e di Cristo, in Cielo.

18. Sono 150, i Singolari Aiuti, offerti
ai Rosarianti.

19. Sono 150, i giorni, ovvero le ore, di
premonizione della morte, concessi ai
Rosarianti devoti: durante i quali, essi
prepareranno la dimora della propria Anima.

20. Sono 150, i Singolari Gaudi,
concessi ai Rosarianti zelanti del Rosario:
essi avranno come premio, dalla Corona (del
Rosario), equivalenti Gaudi”.
Udite queste parole, (il Novello) Sposo
(disse): “O Maria, Giubilo Dolcissimo del
cuore, chi considerasse queste cose,
impiegherebbe tutto se stesso nelle Tue
Lodi del Rosario”.

E, a lui, la Sposa: “Ti dico anche che i
Beati nella Gloria, senza sosta ripetono il
Pater e l’Ave, tra meravigliosi Cantici di
Gioia, ringraziando Dio per la Gloria
ricevuta, e pregando per il mondo”.


(Beato Alano della Rupe o.p.
STORIA, RIVELAZIONI E VISIONI (DEL ROSARIO)
LIBRO SECONDO: CAPITOLO XVI )


www.beatoalano.it
ilsantorosario
"...(il Novello) Sposo (disse): “O Maria, Giubilo Dolcissimo del cuore, chi considerasse queste cose, impiegherebbe tutto se stesso nelle Tue Lodi del Rosario”.
E, a lui, la Sposa: “Ti dico anche che i Beati nella Gloria, senza sosta ripetono il Pater e l’Ave, tra meravigliosi Cantici di Gioia, ringraziando Dio per la Gloria ricevuta, e pregando per il mondo”.