Clicks271
Fatima.

L’idrossiclorochina “non funziona” già dai tempi della spagnola

Categoria: Medicina & Salute

- Pubblicato: 14 Giugno 2021


La famosa “idrossiclorochina che non funziona” venne già usata con successo, in forma rudimentale, dai medici americani durante l’epidemia di spagnola del 1918. Si trattava in realtà del chinino, lo storico precursone della clorochina e dell’idrossiclorochina, che a sua volta era un derivato della pianta di quinoa, usata dagli Incas contro la malaria già dal 16° secolo.

Nel novembre del 1918, la rivista scientifica JAMA pubblicava un articolo a firma del dottor H.A.Klein, intitolato “La cura dell’influenza spagnola”.

Klein scriveva: “In diversi casi di influenza e polmonite influenzali, visti sia nella mia pratica privata sia all’ospedale Alexian Brothers, ho usato una cura che mi ha dato risultati estremamente soddisfacenti. […] Il paziente riceve per endovenosa, non appena possibile, una dose da 10 a 20 c.c. di soluzione satura di chinino idroclorito. Il paziente riceve anche quattro unità di chinino bisolfito ogni 3 ore. È importante che le due medicine vengano somministrate insieme. […] Continuo il trattamento per circa tre giorni, finché la temperatura non scende a livelli normali. Grazie a questo trattamento, tutti i pazienti che ho curato hanno raggiunto la completa guarigione. Nessuno di loro è entrato nel secondo stadio della malattia, nè ha mostrato complicanze di alcun tipo. I pazienti che sono arrivati da me già nel secondo stadio della malattia (con sintomatologia respiratoria) sono comunque guariti entro otto giorni. Abbiamo anche registrato una mortalità molto bassa nei pazienti che avevano già raggiunto il terzo stadio.

È un vero peccato che i medici abbiano smesso di fare i medici, e siano diventati dei semplici sicari al soldo delle case farmaceutiche.

Massimo Mazzucco

Questo l’articolo di Scienza in Rete che ha rivelato l’esistenza della pubblicazione del 1918. Dallo stesso sito, "Storia della clorochina e dei suoi antenati"