Clicks147
MESE MARIANO - APOLOGIA DEL SS. ROSARIO: del Beato Maestro Alano della Rupe per il Vescovo Ferrico di Cluny, Vescovo di Tournai - Quale dei due è più eccellente in dignità e valore: il Salterio …More
MESE MARIANO

- APOLOGIA DEL SS. ROSARIO: del Beato Maestro Alano della Rupe per il Vescovo Ferrico di Cluny, Vescovo di Tournai

- Quale dei due è più eccellente in dignità e valore:
il Salterio di Davide, o (il SS. Rosario) della Madre di Dio?


"Venerabilissima Guida delle anime, la SS. Trinità ci fa dono della Verità, mediante il SS. Rosario della Vergine, che è Madre della Verità.
Su ciò, la futilità di alcuni, più curiosa che desiderosa di imparare, domanda:
Quale dei due è più illustre: il Salterio di Davide o il SS. Rosario di Maria?

Rispondo a questa irriverente comparazione, con (alcune) distinzioni.

I. A favore del Salterio Davidico, (affermo):

1. dove vi è maggiore devozione e carità nel pregare, ivi anche il merito è maggiore: infatti, il merito di essa discende dalla carità. Mediante la (carità), una minuscola opera buona ha un merito più alto, rispetto ad (un’opera) assai grande, senza la (carità);

2. (il Salterio) di Davide eccelle quanto alla causalità: esso, infatti, fu la causa che dispose e prefigurò il SS. Rosario;

3. (il Salterio di Davide eccelle) quanto al contenuto: il Salterio di Davide, infatti, è più espressivo, rispetto al SS. Rosario;

4. (il Salterio di Davide eccelle) per l’antichità;

5. (il Salterio di Davide eccelle) per lo sforzo maggiorato nel pregare: infatti, (il Salterio) Davidico è più lungo e più faticoso a recitarsi, rispetto al SS. Rosario di Maria; tuttavia, ha anche un maggior merito, in una carità pari (a chi recita il SS. Rosario);

6. (il Salterio di Davide eccelle) per una più semplice comprensione: in esso, infatti, si insegnano a moltissimi, tantissime cose, anche in modo chiaro;

7. (il Salterio di Davide eccelle) per autorità: dal momento che, è dall’Antica Legge che si è originata la Nuova, e non viceversa;

8. (il Salterio di Davide eccelle) per l’uso devoto e consolidato nella Chiesa: dal momento che esso ha, in gran parte, originato il Culto Divino nella Chiesa, (a livello) comunitario, ecclesiale e quotidiano;

9. (il Salterio di Davide eccelle) per l’estensione, dal momento che si estende a moltissime cose, quanto a tradizioni e a personaggi;

10. (il Salterio di Davide eccelle) per l’imponente lunghezza dei contenuti.

II. A favore del SS. Rosario: Esso, dall’altra parte, eccelle:

1. (il SS. Rosario eccelle) per il fine: (il SS. Rosario), infatti, era la ragione conclusiva (del Salterio Davidico): un risultato, infatti, è assai perfetto, quando arriva a termine;

2. (il SS. Rosario eccelle) per la perfezione del risultato raggiunto, che è il Verbo fatto Carne;

3. (il SS. Rosario eccelle) per la Grazia del Tempo: corrisponde, infatti, all’inizio del Nuovo Testamento, che, rispetto all’Antico (Testamento) è immenso, quanto un uomo vivo è superiore ad un (uomo) dipinto: pertanto, l’Antico Testamento è raffigurazione e immagine del Nuovo Testamento;

4. (il SS. Rosario eccelle) quanto alla Causa Efficiente: infatti, fu la SS. Trinità a comporre l’Ave Maria (per il SS. Rosario), l’Arcangelo Gabriele la riferì a Maria, (Sant’)Elisabetta la impreziosì, la Chiesa la completò; il Salterio di Davide, (invece), fu fatto da un peccatore, e affidato alla Sinagoga;

5. (il SS. Rosario eccelle) quanto alla Verità (ivi contenuta): (il SS. Rosario), infatti, parla al presente, il Salterio di Davide, (invece, si rivolge) al futuro;

6. (il SS. Rosario eccelle perchè) è la Luce della (Nuova) Alleanza, che era nell’ombra (nel Salterio Davidico);

7. (il SS. Rosario eccelle) quanto al risultato: infatti (il SS. Rosario) è il compimento e il perfezionamento del Salterio Davidico, che sarebbe rimasto sterile, se (non avesse originato il SS. Rosario);

8. (il SS. Rosario eccelle) quanto all’esito (finale): (il SS. Rosario), infatti, conduce al Cielo; il Salterio di Davide, invece, conduceva all’Inferno o al Limbo;

9. (il SS. Rosario eccelle) quanto all'efficacia: poichè mediante l’Ave Maria avvenne la Pace Universale;

10. (il SS. Rosario eccelle) quanto alla buona riuscita: perché Gesù e Maria sono stati fregiati (dei Titoli) più insigni nel SS. Rosario, anzichè nel (Salterio di Davide): (nel SS. Rosario viene ricordato), infatti, Cristo Dio, (che) si fece Uomo; (e) Maria Vergine, poi, (che) divenne la Madre di Dio: Dio non poteva dire più di questi (due Titoli, nel SS. Rosario).

Queste (dieci) ragioni, dunque, possiedono anche efficacia presso Gesù e Maria, poichè le preghiere della Corona (del SS. Rosario) giungono a Loro assai gradite, ed hanno un valore maggiore nel persuaderLi (a dare Grazie), in quanto il valore (del SS. Rosario) è fortemente celestiale.

III. Tu dirai che nell’Annunciazione, non furono le Parole dell’Angelo, ma furono quelle del Consenso della Vergine: “Ecco l’Ancella del Signore, si faccia di Me secondo la Tua Parola” (Lc. 1,38), a compiere l’Evento, dopo cui seguì l’effettivo Compimento.

Rispondo che, nell’Ave Maria sono due le cose da considerare:

1. (se si considerano) le Parole e il loro significato: e allora furono le (Parole) di Maria efficaci (al perfezionamento dell’evento), e non (le Parole) dell’Angelo;

2. (ma se si considera) l’Intenzione espressa da Dio (Padre) e da tutto il Cielo, e contenuta nelle Parole dell’Annunciazione, ossia, che il Verbo si sarebbe fatto Carne, e che sarebbe diventata gravida la Madre di Dio: allora fu questa Intenzione (di Dio Padre e del Cielo) a produrre l’effetto (del perfezionamento dell’evento).

In quella stessa (Intenzione) valorosa, tuttavia, stava racchiusa la Parola della Vergine, giacchè Ella, in nulla avrebbe mai contrariato l'Intenzione di Dio, infatti all’Annunciazione seguì subito l'effetto dell’Incarnazione.

Con questo sentimento e in questa forme, la Chiesa ha sempre considerato l’Annunciazione, quando celebra la Sua Festa annuale, meditando più sull’Intenzione (di Dio Padre) e sull’Evento, che sulle sole Parole, le quali furono solo mezzo e strumento (di perfezionamento) dell’Evento."

(APOLOGIA DEL SS. ROSARIO:
del Beato Maestro Alano della Rupe
per il Vescovo Ferrico di Cluny,
Vescovo di Tournai.
LIBRO PRIMO: CAPITOLO XI )


www.beatoalano.it
Baliven
😇
ilsantorosario
"Venerabilissima Guida delle anime, la SS. Trinità ci fa dono della Verità, mediante il SS. Rosario della Vergine, che è Madre della Verità."