Clicks481
Tina 13
1
Chi è veggente? Riflessione e testimonianza di Mario. "Veggente è una parola che deriva dal greco, significa profeta. Profeta significa colui che vede oltre. Oggi questa parola è molto usata ed …More
Chi è veggente?

Riflessione e testimonianza di Mario.

"Veggente è una parola che deriva dal greco, significa profeta. Profeta significa colui che vede oltre. Oggi questa parola è molto usata ed abusata. Noi veggenti vediamo ciò che comunemente nessuno vede: Angeli, Santi, la Madonna e la Trinita' ed anche l'Avversario. Vediamo con occhi fisici e spesso spirituali realtà non terrene e lottiamo contro "creature non fatte di sangue e carne". Il veggente non è un sensitivo pero', non è un mago che ti da la pozione magica. Al massimo ti dà una medaglietta, un messaggio o un immaginetta. Ci tengo a precisare cio perche' molti vogliono sapere se troveranno l'amore, il lavoro o se guariranno. Il mio compito è pregare e far pregare, educare ad amare ed essere cristocentrici e trinitari, indirizzando a Dio e non a me, la persona, poiché sarebbe peccato di idoloatria. Questo è fondamentale nella vera veggenza cristiana. Il vero veggente trasmette messaggi, evangelizza, annuncia la Parola di Dio e spesso si deve contrapporre alle autorità del tempo, contrarie o persecutorie, mantenendo la propria identità personale. La nostra vita non è facile. Nulla è come prima o come sembra. C'e' molto dolore, pene, emarginazione sociali, poiché si è diversi e chi è diverso sa che significa. Siamo tutti diversi, direte, ma la diversità in certi casi e lampante e discriminante. È innegabile cio'. Servo Dio e la Madonna da 12 anni, e posso dirvi che non è stato facile accettare tutto ciò e ancora non lo è. Ringrazio la Corte Celeste per essersi rivelata e di aiutarmi sempre nelle prove. Chi viene da anni sa cosa abbiamo passato, subito e cosa si subisce. Dico ciò perché vedo che più di qualcuno vuole fare il veggente o si improvvisa tale anche qui. A mio avviso la Madonna sceglie una persona dall' inizio e quella resta sino alla fine inoltre molti hanno dei poteri medianici che scambiano per "grazie" divine quando invece sono dei poteri demoniaci. L'Apparizione è un dono del Cielo legata ad una persona in particolare. Non si sceglie di fare il "veggente", non lo si chiede, lo si diventa per Decisione Divina e Chiamata. Per me è tutto molto bello, perché Li vedo, li ascolto, mi aiutano ma c'e' anche il rovescio della medaglia. Un si, comporta tanti no. Essere veggente significa seguire Cristo e la Santa Madre, andare avanti anche nella persecuzione e ostilità, significa essere spesso mal visti ed emarginati da chi non accetta il Cielo. Significa cadere e rialzarsi, essere tentati e maltrattati. Dico tutto ciò perché desidero esprimere il mio parere alla luce del mio lungo percorso che mi porta a fare scelte sagge e mature in comunione con Loro direttive, linee guida ferree. La Roccia è Dio. Noi siamo creature umane e imperfette. Mi scuso se in qualche modo ho offeso qualcuno ma devo dire la verità a gloria Sua e non mia. Mi attengo alla Parola di Dio, al Magistero e alla Tradizione, anche se oggi c'e' molto modernismo, sincretismo religioso e occultismo. Non importa. L'importante è restare in Dio, purificarsi e servirLo nonostante tutto. Prego per tutti, vi sono vicino, ma l'unico che può aiutarci davvero è solo Dio Trinita' e la Signora. Io sono solo un tramite, vi trasmetto i loro Messaggi, cerco di curare il luogo per accogliervi adeguatamente, stimolando un clima di raccoglimento. Ricordate i veggenti sono persone umane, uomini o donne, con un loro vissuto, una loro identità e spesso il Cielo sceglie persone con un bagaglio esistenziale non facile e con ferite che nessuno vede se non Dio. È vero che abbiamo dei doni mistici o che possiamo fare profezie ed intercedere ma siamo sempre creature e non il Creatore. Molti saranno rimasti delusi nel non avere ciò che cercavano ma Dio sa a chi dare e a chi togliere, perché dare a certi ed altri no. È un Mistero. Dio stesso è Mistero. La Fede è Mistero. La vita stessa è un Mistero incomprensibile. Veggente è colui che vede Oltre ed annuncia l'invisibile per grazia non per scelta. Di mio ho sempre amato il silenzio, il nascondimento, ma devo espormi per l'Opera e lo faccio nonostante ogni contrarietà. Ho scelto Dio, la Madonna e sto bene con Loro. Cerco di trasmettervi ciò che vedo, sento e vivo da 12 anni ma senza illudere. Dio è Amore, Misericordia e Giustizia. Egli è Vivente tra noi, e Vincente e ci ama sempre. Obbediamo solo a Dio tramite Sua Madre, non facendoci piegare dalla falsa chiesa eretica attuale. Io obbedisco solo a Dio e alla Mamma, e a distanza di anni ne sono fiero, poiché i Grandi della Santa Casa camminano col mondo, amano il lusso e non seguono il Crocifisso Gesu'. Se avessi ascoltato loro non si sarebbero realizzate tante cose. La cosa più contradditoria che mi apri gli occhi anni fa fu cio che mi disse il primo monsignore: "prega e fai pregare ma non diffondere i messaggi. Dalli solo a me". I doppi giochi con me non funzonano, taglio subito a corto. "Una persona che va ad un apparizione va per l'Apparizione e i Messaggi non solo per pregare, se no andrebbe in chiesa -risposi-". Da li e ascoltando altre fesserie, ho capito che il Cielo opera come vuole e dove vuole e che molti uomini di chiesa non hanno spirito di docilità ed umiltà per accogliere il soprannaturale, visto da loro come stravagante e strano, come un pericolo o qualcosa di non gestibile. Sono contento di servire il Ciell e vedo che i Messaggi non sbagliavano ad annunciare molte verità e profezie. A lui lode, onore e magnificenza nei secoli eterni. Per intercessione della Vergine Immacolata, dei Santi e degli Angeli scenda la Benedizione Trinitaria sul Piccolo Resto che segue la Via di Fatima, col Suo Segreto ancora non realizzato".
N.S.dellaGuardia
Definire profeta "colui che vede oltre" può essere fuorviante.
Profeta deriva dal greco pro-faino, che letteralmente vuol dire "parlare avanti, prima, o parlare per conto di qualcuno".
Il profeta è solo una voce, non vede e non sa?, è la sua voce è credibile solo ed esclusivamente quando riporta fedelmente ciò che ha udito o visto, in quanto tramite di un messaggio preciso.
Perciò dire che vede…More
Definire profeta "colui che vede oltre" può essere fuorviante.
Profeta deriva dal greco pro-faino, che letteralmente vuol dire "parlare avanti, prima, o parlare per conto di qualcuno".
Il profeta è solo una voce, non vede e non sa?, è la sua voce è credibile solo ed esclusivamente quando riporta fedelmente ciò che ha udito o visto, in quanto tramite di un messaggio preciso.
Perciò dire che vede oltre sarebbe alludere a capacità e scopi che esulano dalla sua missione, affidatagli da Colui che lo chiama (vocazione) a quel delicato ed importante compito.