Clicks2.7K
Francesco I
2
Il Papa parla di Giuda, del suo suicidio e del diverso comportamento di Pietro. Dopo la terribile confusione creata da Bergoglio secondo cui Giuda Iscariota è da annoverare tra i santi del paradiso …More
Il Papa parla di Giuda, del suo suicidio e del diverso comportamento di Pietro.

Dopo la terribile confusione creata da Bergoglio secondo cui Giuda Iscariota è da annoverare tra i santi del paradiso sentiamo la parola dell'unico vero papa al riguardo:
Il 18 ottobre 2006 Benedetto XVI concluse le sue catechesi dedicate alle figure degli Apostoli parlando di Giuda Iscariota, colui che tradì Gesù. Intensa e particolare la descrizione dell'Apostolo e in particolare la diversità del suo tradimento rispetto a quello di Pietro. Entrambi tradirono Gesù ed entrambi si pentirono ma il pentimento di Giuda sfociò nella disperazione del suicidio.
Il testo della catechesi si trova qui: goo.gl/zhwWes

In particolare:

"Terminando oggi di percorrere la galleria dei ritratti degli Apostoli chiamati direttamente da Gesù durante la sua vita terrena, non possiamo omettere di menzionare colui che è sempre nominato per ultimo nelle liste dei Dodici: Giuda Iscariota...
Si tratta dunque di una figura appartenente al gruppo di coloro che Gesù si era scelti come stretti compagni e collaboratori. Ciò suscita due domande nel tentativo di dare una spiegazione ai fatti accaduti. La prima consiste nel chiederci come mai Gesù abbia scelto quest’uomo e gli abbia dato fiducia...
Ancora di più si infittisce il mistero circa la sua sorte eterna, sapendo che Giuda “si pentì e riportò le trenta monete d'argento ai sommi sacerdoti e agli anziani, dicendo: «Ho peccato, perché ho tradito sangue innocente»” (Mt 27,3-4). Benché egli si sia poi allontanato per andare a impiccarsi (cfr Mt 27,5), non spetta a noi misurare il suo gesto, sostituendoci a Dio infinitamente misericordioso e giusto.
Una seconda domanda riguarda il motivo del comportamento di Giuda: perché egli tradì Gesù? La questione è oggetto di varie ipotesi. Alcuni ricorrono al fattore della sua cupidigia di danaro; altri sostengono una spiegazione di ordine messianico: Giuda sarebbe stato deluso nel vedere che Gesù non inseriva nel suo programma la liberazione politico-militare del proprio Paese. In realtà, i testi evangelici insistono su un altro aspetto: Giovanni dice espressamente che “il diavolo aveva messo in cuore a Giuda Iscariota, figlio di Simone, di tradirlo”...
In effetti, le possibilità di perversione del cuore umano sono davvero molte. L'unico modo di ovviare ad esse consiste nel non coltivare una visione delle cose soltanto individualistica, autonoma, ma al contrario nel mettersi sempre di nuovo dalla parte di Gesù, assumendo il suo punto di vista. Dobbiamo cercare, giorno per giorno, di fare piena comunione con Lui. Ricordiamoci che anche Pietro voleva opporsi a lui e a ciò che lo aspettava a Gerusalemme, ma ne ricevette un rimprovero fortissimo: “Tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini” (Mc 8,32-33)! Pietro, dopo la sua caduta, si è pentito ed ha trovato perdono e grazia. Anche Giuda si è pentito, ma il suo pentimento è degenerato in disperazione e così è divenuto autodistruzione...Il Verbo “tradire” è la versione di una parola greca che significa “consegnare”. Talvolta il suo soggetto è addirittura Dio in persona: è stato lui che per amore “consegnò” Gesù per tutti noi (cfr Rm 8,32). Nel suo misterioso progetto salvifico, Dio assume il gesto inescusabile di Giuda come occasione del dono totale del Figlio per la redenzione del mondo".

Ecco invece come tratta lo stesso argomento in modo confuso e contrario alle scritture ed alla tradizione il signor Bergoglio:

Bestemmie di Bergoglio! .........Domine, miserere nobis !
Acchiappaladri
Bravo @Francesco I ! "Anche se nella Chiesa non mancano i cristiani indegni traditori spetta a ciascuno di noi controbilanciare il male da essi compiuto con la nostra limpida testimonianza a Gesù Cristo nostro Signore e Salvatore" [Benedetto XVI]

Quando il Papa cattolico insegna ai cristiani li conferma nella Fede che consente loro di salvarsi dall'Inferno.