Giorgio Tonini
Credo che San Francesco avesse ben chiara una sola direttrice: quella verticale, che porta a Dio, attraverso la preghiera e la rinuncia di se stessi. Una strada difficile, che ha indicato a tutti coloro che lo hanno voluto e lo vogliono imitare. Da tempo, invece, fuorviando, ne hanno voluto creare un personaggio inventato, tutto teso alla dimensione orizzontale: fraternità, sobrietà, ecologia, …More
Credo che San Francesco avesse ben chiara una sola direttrice: quella verticale, che porta a Dio, attraverso la preghiera e la rinuncia di se stessi. Una strada difficile, che ha indicato a tutti coloro che lo hanno voluto e lo vogliono imitare. Da tempo, invece, fuorviando, ne hanno voluto creare un personaggio inventato, tutto teso alla dimensione orizzontale: fraternità, sobrietà, ecologia, diversità, dialogo ecumenico, solidarietà, pace, tolleranza, ecc., cercando di imporre l’immagine di un Santo che non c’è mai stato, ma perfettamente calzante per impersonare l’ideale di Laudato sì e Fratelli Tutti, documenti servizievolmente e continuamente citati da Zuppi (che zuppa, momen omen) nella sua mielosa omelia, che verrà dimenticata da tutti al più presto. Anzi, a poche ore è già dimenticata.