it.news
101.4K

Predicatore papale chiacchiera di "tradizionalismo" (video)

Il cardinale Raniero Cantalamessa ha parlato il 26 marzo in un sermone di Quaresima di Jaroslav Pelikan (+2006), "grande storico" di Francesco e della Curia Romana, pastore luterano americano che poi …More
Il cardinale Raniero Cantalamessa ha parlato il 26 marzo in un sermone di Quaresima di Jaroslav Pelikan (+2006), "grande storico" di Francesco e della Curia Romana, pastore luterano americano che poi è diventato ortodosso.
Cantalamessa ha ripetuto l'approvazione dell'affermazione di Pelikan che la "tradizione è la viva fede dei morti – cioè che la fede dei padri che io continuo a vivere Il tradizionalismo è la morta fede dei viventi."
"Ripeto: la tradizione è la viva fede vivente dei morti e il tradizionalismo è la morta fede dei viventi."
Nella vita reale, le chiese che Cantalamessa vorrebbe tacciare di "tradizionalismo" sono piene di vita, bambini, famiglie e vocazioni, mentre la "tradizione vivente" di Cantalamessa è un sinonimo della deviazione dalla tradizione.
#newsOpxrwexulm
La Verità vi farà liberi
Già che c'era poteva citare anche le famose parole di Papa San Pio X, voce forse un po' più autorevole di quella di Pelikan.
I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari né novatori, ma tradizionalisti (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)More
Già che c'era poteva citare anche le famose parole di Papa San Pio X, voce forse un po' più autorevole di quella di Pelikan.

I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari né novatori, ma tradizionalisti (San Pio X, Lettera Apostolica “Notre charge apostolique”)
Chiara 1975
Questi teologi non sono degli sprovveduti o degli ignoranti, sanno benissimo ciò che dicono e conoscono la Teologia.
Quindi, sanno di recar danno volontariamente.
Padre Raniero Cantalamessa nel 2019 : "Papa Francesco è un pastore, anzi glielo dico chiaro e tondo, è Gesù per me". 😳
marcotosatti.com/…apa-francesco-e-gesu-parola-di-padre-cantalamessa/
Joshua.
Complimenti a sua eccellenza. Nel video afferma che l'ecumenismo è il dialogo tra i cristiani. I cristiani anticamente erano i discepoli di Gesù, non gli apostoli ovviamente. Se per cristiani i pastori definiscono anche i luterani, visto che i documenti vengono approvati insieme, visto che loro negano l'Eucaristia, la S.Confessione, e della parola di Dio se ne fanno beffe, nel senso che la interpretano …More
Complimenti a sua eccellenza. Nel video afferma che l'ecumenismo è il dialogo tra i cristiani. I cristiani anticamente erano i discepoli di Gesù, non gli apostoli ovviamente. Se per cristiani i pastori definiscono anche i luterani, visto che i documenti vengono approvati insieme, visto che loro negano l'Eucaristia, la S.Confessione, e della parola di Dio se ne fanno beffe, nel senso che la interpretano come vogliono. Di loro dicono, che ci accomuna il battesimo che per i nostri pastori illuminati sarebbe anche quello professato da Lutero. Beh illustre e umile card. Camtalamessa che predichi la demolizione dei principi religiosi con semplicioneria davanti a compiacenti commentatori tv atei o agnostici, posso dire che sei l'annunciatore dell'apostasia?
Se tu volessi competere con S.Tommaso d'Aquino, non avresti problema ad essere ascoltato tu dall'auditorio, dove ti hanno scelto. Perché meglio scegliere un demolitore del Vangelo, invece di uno come S.Tommaso che ti porta ai suoi principi, e svela la sua bellezza, ma anche il dovere morale e religioso che comporta.
vincenzo angelo
Parole opportuniste di un cardinale che, in questa circostanza, parla di Fede ma non testimonia affatto Fede Speranza Carita' e nemmeno Prudenza.Piuttosto testimonia superbia e spirito di divisione reso fazioso dalla carne.Infatti nelle cose umane,e la Chiesa è umana,ci sono comunque cadute e sbandamenti.Qualche tradizionalista,di oggi ma anche ante Concilio,poteva e puo'pur cadere nel dolorismo;…More
Parole opportuniste di un cardinale che, in questa circostanza, parla di Fede ma non testimonia affatto Fede Speranza Carita' e nemmeno Prudenza.Piuttosto testimonia superbia e spirito di divisione reso fazioso dalla carne.Infatti nelle cose umane,e la Chiesa è umana,ci sono comunque cadute e sbandamenti.Qualche tradizionalista,di oggi ma anche ante Concilio,poteva e puo'pur cadere nel dolorismo;nell'ossessione di far penitenze etc.,mentre invece Dio ci accompagna,ama la vita,ama l'uomo vivente,pur mirando a prepararlo per la vita eterna, e non vuole che perdiamo il gusto della vita: ma piu' evidente, oggi,e credo piu' opportuno da sottolineare,a essere obiettivi,è che l'idea,pur giustissima, che la Chiesa sia anche gioia,è diventata sovente antropocentrismo e rilassamento. Lo pensavo ascoltando per forza,qui in sudamerica, uno di quei predicatori protestanti che fanno maratone verbali di settimane,e non parlano mai di Maria e di Sacramenti e di vera e ricca Storia cattolica.Mi chiedevo dove fosse la gioia, e i fatti concreti in enorme quantita' e straordinarieta' e i santi; i mistici che la Chiesa Cattolica vanta.Ma se quelli ,tra i cattolici,che hanno fatto un idolo del Vaticano II, credono do poter mostrare la vera gioia a questi urlatori autoreferenziali; s'illudono:a me sembra che sempre di "barriga" si tratti.
il vandea
Abbi fede in pachamama e sii felice tra le fiamme. Il Tradizionalismo vive e rende gloria eterna a Dio.
N.S.dellaGuardia
Con lui la Fede è morta...
lamprotes
Gente che quando apre la bocca è come aprire il tombino di una fogna...
Eva
Ecco
Joshua.
Basta avere un auditorium pubblico di importanti capi religiosi, ai quali piace sentire "i vuoti raggiri" della filosofia, o la dialettica dei sofisti, i quali facevano a gara per convincere e convincersi sulla verità delle loro parole. Su costoro S.Paolo ci ha messo già in guardia (Col 2,8). Purtroppo già al tempo di Gesù Cristo vi era chi per trenta denari si era convinto che valeva la pena …More
Basta avere un auditorium pubblico di importanti capi religiosi, ai quali piace sentire "i vuoti raggiri" della filosofia, o la dialettica dei sofisti, i quali facevano a gara per convincere e convincersi sulla verità delle loro parole. Su costoro S.Paolo ci ha messo già in guardia (Col 2,8). Purtroppo già al tempo di Gesù Cristo vi era chi per trenta denari si era convinto che valeva la pena tradire Gesù Cristo. Ora lo si fa in modo sapiente e sofisticato, usando un giro di parole, che messe insieme, celano la derisione di chi vuol essere fedele a Cristo, denunciando i veri cristiani come tradizionalisti, quasi che questa categoria esista nella realtà. Eppure non è mai esistita nella dottrina cattolica, perché o si era fedeli a Cristo e al Vangelo o si era membri di qualche setta protestante. Notiamo che invece da qualche decennio a questa parte, molti pastori, da quando hanno conquistato la berretta cardinalizia, escono con queste etichette dei tradizionalisti, per definirli i nemici della Chiesa e darsi loro da soli la patente di veri fedeli cattolici, quando invece, le loro parole insegnano a uscire dal Vero Vangelo di Cristo. Le loro astute parole fanno entrare nella dottrina cattolica teorie filosofiche, dottrine protestanti e hanno il coraggio di fare invettive contro i veri cristiani. Mi pare che il loro comportamento sia molto simile a quei membri della Chiesa Ufficiale Patriottica Cinese, i cui vescovi altro non sono che membri del partito comunista cinese e vengono nominati direttamente dalle gerarchie di partito. Costoro hanno un bel coraggio a far invettive contro quei cristiani perseguitati dal partito comunista, i quali per sopravvivere a livello religioso, portano avanti di nascosto le pratiche religiose. Da noi è un po' diverso, anche se molti vescovi e pastori sono sottomessi alle direttive sanitarie del partito giallo-rosso italiano e ci obbligano a prendere la Santissima Trinità in mano, quasi fossimo noi semplici fedeli, dei consacrati, dei successori degli apostoli.

"Badate che nessuno vi inganni con la sua filosofia e con vuoti raggiri ispirati alla tradizione umana, secondo gli elementi del mondo e non secondo Cristo" (S.Paolo, lettera ai Colossesi 2,8).
PanMer
🤑😰😱🤮🤢