Clicks10.3K

La notte più oscura: una riflessione sul momento presente | Massimo Viglione

Diretta di Massimo Viglione del 5 gennaio 2021 (VIDEO SOTTO)

Queste importantissime e gravissime considerazioni sono aggiornate da un post su FB del prof. alla luce degli eventi occorsi nelle scorse ore e che riposto qui ad integrazione del video


* * *

Come avevamo previsto, a tradire Trump sono stati gli "amici": la Corte Suprema (4 su 6), Pence, i repubblicani. Il Deep State è molto forte e fa paura. Paura fisica. E anche la CIA fa paura.

Ma gli americani, come abbiamo detto tante volte, non sono gli USA. E non sono italiani o tedeschi.

Forse Biden giurerà il 20 gennaio con l'appoggio dei traditori e dei vigliacchi. Ma niente sarà più come prima. Quanto avvenuto oggi, e quanto potrebbe ancora avvenire nei prossimi giorni, resterà per sempre una ferita non rimarginabile nel popolo convinto di essere l'eletto di Dio.

Per decine di milioni di americani Biden sarà sempre un ladro di voti. Qualsiasi decisione prenderà, soprattutto se radicale, divisiva, non avrà il consenso "democratico" del senso dello Stato, del "Right or wrong, my Country".

Forse il 20 gennaio Biden giurerà, ma forse questo sarà l'inizio dei suoi guai.

Trump non ha ancora perso. Fino alle 12 del 20 gennaio, ha il potere legittimo di prendere provvedimenti drastici in difesa della libertà del popolo americano e del mondo intero.

Lo farà?

Io non penso, ma la speranza è l'ultima a morire.

Ma in ogni caso, come detto, Biden non sarà mai il Presidente di tutti gli Americani. Né in futuro gli americani confideranno più nella validità e onestà delle elezioni. Il che significa che è ufficialmente iniziata la decadenza degli Stati Uniti d'America.

Solo lo scontro definitivo e mortale potrebbe evitare questa decadenza: al contrario di quanto tutti dicono, se Trump non farà nulla, gli USA sono destinati al declino politico, oltre che a quello economico.

Chi sta vincendo, per ora, è il Deep State, le forze più oscure della Rivoluzione e della Superfinanza internazionale. E la Cina, ovviamente.

Nei prossimi giorni, tutto il destino degli USA e del mondo è nelle mani di Trump. Ma è chiaro che se è isolato, può fare poco. Gli conviene portare la guerra avanti nei prossimi anni: in breve tempo, potrebbe avere un seguito immenso nel popolo americano.

Se non lo fanno fuori. Ma la storia è imprevedibile.

Noi possiamo solo continuare a sperare e pregare.

Soprattutto, a non dare retta a nessun giornalista e politico italiano e a pensare a come salvarci.


MoSa75
Trump non ha perso la situazione è in mano ai militari ormai il male ha perso, vedrete . Il 21 non ci sarà un Biden presidente.
MoSa75
Fra Pietro dove posso contattarti?
MERY MARI ROSSI
Bellissimo video grazie di 💓
stefania conticini
Audio troppo basso
Sandrolanteri
Esatta analisi un giorno l'America sarà invasa dalla Cina e unione sovietica le profezie non sbagliano mai
il vandea
Lo sanno benissimo anche gli anticristi. Potranno avere ancora grandi vittorie, ma la loro fine e' gia' decisa e molto vicina.
Adele Magnanini
Nn credo così" vicina.
Christoforus78
Nulla è come sembra ed il grande avanzare del male non è che il preludio alla sua sconfitta, esso può solo distruggere ed è quello che fa, tutto distrugge e tutto corrompe ma a Dio basta un piccolo resto, una scintilla di bene, Noè Abramo, Davide per ricostruire un mondo nuovo l.
Palma Iannetta
Il male avanza a tutta velocità il pensiero unico è quello che trovano e osannano i pennivendoli che un tempo si chiamavano giornalisti Biden ladro autore di brogli elettorali sul podio del vincitore tramp la vittima condannato Dio protegga Tramp e lo sostenga nella sua battaglia xpsulla verità
N.S.dellaGuardia
In questi tempi cosi apparentemente indecifrabili, ci viene in soccorso l'opera dei grandi scrittori e pensatori cattolici, che credendo in Dio e nella sua opera, conoscevano anche il cuore dell'uomo e fin dove può portare la sua corruzione.
Un'opera su tutte, il già citato "Il Signore degli anelli", di J.R.R. Tolkien.
Siamo dunque affacciati alla finestra della Cittadella di Minas Tirith, insiem…More
In questi tempi cosi apparentemente indecifrabili, ci viene in soccorso l'opera dei grandi scrittori e pensatori cattolici, che credendo in Dio e nella sua opera, conoscevano anche il cuore dell'uomo e fin dove può portare la sua corruzione.
Un'opera su tutte, il già citato "Il Signore degli anelli", di J.R.R. Tolkien.
Siamo dunque affacciati alla finestra della Cittadella di Minas Tirith, insieme a Gandalf e a Peregrino Tuc, detto Pipino, e stiamo osservando con ansia ed apprensione il cielo diventare sempre più oscuro e ricoprire ogni cosa, con la paura e l'odio che vengono da Mordor.
E con Gandalf e Pipino stiamo guardando e vivendo questi momenti sospesi, nello spazio e nel tempo, prima che tutto accada. E come loro due, ed il resto del mondo più o meno consapevole, ci teniamo pronti a fare la nostra parte nella battaglia, qualunque essa sia.
"Il respiro che precede il grande balzo, ma non è la fine."
Dio è con noi, Dio abbia pietà di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna.
Non è la fine.
SoniaDm
Condivido in pieno
MoSa75
Non è cosi
fidelis eternis
Il mondo nel quale ci troviamo a vivere è, per usare un’espressione evangelica, «in se divisum» (Mt 12, 25). Questa spaccatura, a mio parere, consiste nella realtà e nella finzione: la realtà oggettiva da una parte, la finzione mediatica dall’altra. ( Mons.Viganò, 8 Novembre 2020)