Traditionis Custodes: arcivescovo Roche implica che il Vaticano II era eretico

La celebrazione della Messa Romana "come" più santa o di preghiera del Novus Ordo [a quanto pare] non è "un problema liturgico, è un problema ecclesiastico", ha detto l'arcivescovo Arthur Roche, Prefetto della Congregazione per il Culto Divino, all'anticattolico NcrOnline.org (21 gennaio).

Le parole di Roche implicano che la "ecclesiologia del Vaticano II" è eretica, perché è in opposizione alla Liturgia Romana che si è celebrata ogni giorno durante il Vaticano II.

Nonostante ciò che lui chiama "un sacco di millanterie sui blog", Roche millanta che la maggioranza dei vescovi di rito latino [sic!] comprende "l'importanza di pregare e celebrare l'Eucarestia con la stessa Messa" – anche se il Novus Ordo non ha mai sviluppato una forma unitaria e pertanto è fonte di conflitto permanente anche tra le stesse parrocchie e comunità di Novus Ordo.

Facendo riferimento a "contatti regolari con vescovi e conferenze episcopali", Roche afferma che "moltissimi" vescovi avrebbero "accolto volentieri a braccia aperte" il Traditionis Custodes di Francesco.

Ecco un'altra bugia, infatti il sondaggio che Francesco ha svolto nel 2020 tra i vescovi ha dimostrato che la maggioranza dei vescovi era soddisfatta del Summorum Pontificum.

#newsJvmktmodmx

Mascotte Signor shares this
19
N.S.dellaGuardia
Presto il sorrisetto ti cadrà dalla faccia come foglie secche d'inverno...
Joshua.
Sì ma nonostante per es. Il referendum tra i vescovi sul ricevere la Ss.ma Eucaristia in bocca o sulla mano, indetto dal card Bugnini, risultò a favore del mantenere la Ss.ma Eucaristia in bocca, il card. Bugnini ammise lo stesso l'eccezione di prenderla in mano, nel documento che stilo' in seguito. Queste concessioni offerte a cardinali, vescovi di mettere ai voti i principi, i valori portanti …More
Sì ma nonostante per es. Il referendum tra i vescovi sul ricevere la Ss.ma Eucaristia in bocca o sulla mano, indetto dal card Bugnini, risultò a favore del mantenere la Ss.ma Eucaristia in bocca, il card. Bugnini ammise lo stesso l'eccezione di prenderla in mano, nel documento che stilo' in seguito. Queste concessioni offerte a cardinali, vescovi di mettere ai voti i principi, i valori portanti del vivere ecclesiale, rinnovano la passione di Cristo stesso, deriso, offeso, calpestato, nella Ss.ma Eucaristia offerta ai credenti che vi partecipano, nei cui frammenti come afferma il Concilio di Trento Cristo è presente. Grazie ai molti pastori neoprotestanti Egli viene disperso per terra, nei frammenti eucaristici. Perché il Papa di quel periodo permise che fosse data questa concessione? Quanti sacrilegi, quanti abusi liturgici anche con l'istituzione dei ministri straordinari, i quali portano la Ss.ma Eucaristia ai malati, ma non possono confessarli e se il comunicato avesse commesso qualche peccato mortale, nessuno parla più in Chiesa sul fatto che ci si deve confessare prima di ricevere la Ss.ma Eucaristia. Misericordia a tutto spiano senza che sia preceduta da quella vera, che presuppone la giustizia. Anche nel amore è così. Non puoi dire di amare se non fai prima giustizia e riparazione ai fratelli dei torti subiti da te. Non puoi affermare di esercitare la carità e abolire le leggi divine, come qualche papa ammise. Vedi in fondo a l'articolo il video
Bergoglio revoca il decalogo !
il vandea
L' unica soluzione e' la fuoriuscita della Chiesa Cattolica, dalla falsa e eretica chiesa conciliare neoprotestante.
Cristeros 33
Meglio ancora la fuoriuscita della falsa chiesa conciliare dalla vera Chiesa Cattolica. Gli usurpatori sono gli eretici modernisti e i massoni infiltrati, sono loro a doversene andare!
il vandea
Si , ma chiaramente non vogliono andarsene, hanno tutto il potere nelle loro empie mani. Allora usciamo noi.
Verrà Il Giorno
@il vandea è quello che vogliono, lo scisma. Bisogna lottare dall'interno e non fuggire! Inoltre la Chiesa appartiene a Cristo e come da Egli promesso, sarà salvata. Il problema sarà di chi ha deciso di seguire altri...