Clicks364
Francesco I
2

Non ci resta che sperare nel riscaldamento globale-

La Germania sospende le certificazioni per il Nord Stream-2 AG, rapida impennata dei prezzi gas

Martedì, l'organismo che regola il settore energetico tedesco, Bundesnetzagentur, ha sospeso la certificazione del Nord Stream-2 AG come operatore indipendente del gasdotto Nord Stream-2.

"La Bundesnetzagentur ha sospeso oggi la procedura per certificare Nord Stream-2 AG come operatore di trasmissione indipendente. A seguito di un esame approfondito della documentazione, la Bundesnetzagentur ha concluso che sarebbe stato possibile certificare l'operatore del gasdotto Nord Stream-2 solo se tale operatore fosse stato organizzato in forma giuridica secondo la legge tedesca", ha affermato il regolatore.
Il regolatore ha aggiunto che il processo di certificazione riprenderà quando la società madre trasferirà capitale e personale a una controllata tedesca.
Suddetta controllata "diventerà proprietaria e gestore della sezione tedesca del gasdotto. La controllata deve quindi soddisfare i requisiti per un operatore indipendente ai sensi della legge tedesca sull'industria energetica", ha affermato l'agenzia in un comunicato.
"La procedura di certificazione rimarrà sospesa fino a quando i principali beni e risorse umane non saranno stati trasferiti alla controllata e la Bundesnetzagentur non sarà in grado di verificare se la documentazione ripresentata dalla controllata, in quanto nuovo richiedente, è completa. Quando questi requisiti saranno stati soddisfatti, la Bundesnetzagentur potrà riprendere il proprio esame nel restante quadrimestre in accordo con la legislazione vigente, produrre un progetto di decisione e consegnarlo alla Commissione Europea per parere, come previsto dalla normativa UE sul mercato interno", ha aggiunto il regolatore.
La Bundesnetzagentur ha anche affermato che il ministero dell'Energia tedesco e la Commissione europea "erano stati informati in anticipo" della sospensione.
Nel frattempo, i prezzi dei futures sul gas in Europa sono aumentati dell'11% martedì, dopo che il regolatore energetico tedesco ha sospeso il processo di certificazione del Nord Stream-2 AG.
La negoziazione dei futures sul gas di dicembre sull'indice olandese TTF, il principale hub europeo di scambio di energia, ha raggiunto 1.042,6 dollari per 1.000 metri cubi di gas alle 09:45.
Nord Stream-2 AG ha dichiarato a Sputnik che sta creando una filiale in Germania per garantire la conformità alle norme e ai regolamenti applicabili.
Il Nord Stream-2 si estende dalla costa russa attraverso il Mar Baltico fino alla Germania ed è costituito da due linee con una capacità totale di 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno. La sua costruzione è stata completata all'inizio di settembre.

In precedenza, il ministero dell'Economia tedesco aveva affermato di aver completato l'analisi della sicurezza degli approvvigionamenti nell'ambito della procedura di certificazione Nord Stream-2 e di averla presentata all'Agenzia federale per le reti elettriche. L'analisi sosteneva che l'emissione del certificato non avrebbe messo a rischio la sicurezza delle forniture di gas alla Germania e all'Unione Europea.

Rimane irrisolto il contenzioso sulla Direttiva Gas UE aggiornata, entrata in vigore il 23 maggio 2019. I suoi regolamenti stabiliscono che il tubo posato dopo la data specificata debba essere parzialmente riempito da un fornitore alternativo, oppure la sua sezione nell'UE debba essere di proprietà di una società terza.

La situazione preoccupa la Russia in primis, e i cittadini europei poi, che vedono con sgomento l'ennesimo balzo in avanti dei prezzi di gas, e conseguentemente, di luce.

it.sputniknews.com
N.S.dellaGuardia
Si sono fatti costruire il gasdotto a spese altrui ed ora vorrebbero nazionalizzarlo, anzi NAZIonalizzarlo: non cambiano mai.
Ci vorrebbe una mini glaciazione solo sulla germania, vedi che passa la voglia di fare i dittatorucoli
Lugatartuga Rossi
raiplay.it/…15112021-4fb500f4-9718-4ffe-aa44-e0d8dc94ab8b.html

Report
Incapacity Market - 15/11/2021

Di Lucina Paternesi da Report del 15/11/2021. Nonostante gli impegni previsti dal PNRR per favorire lo sviluppo di energie rinnovabili, l'Italia si appresta a entrare nel vivo del Capacity market: per evitare il rischio di nuovi blackout e per cercare di mantenere costante il prezzo dell'…
More
raiplay.it/…15112021-4fb500f4-9718-4ffe-aa44-e0d8dc94ab8b.html

Report
Incapacity Market - 15/11/2021

Di Lucina Paternesi da Report del 15/11/2021. Nonostante gli impegni previsti dal PNRR per favorire lo sviluppo di energie rinnovabili, l'Italia si appresta a entrare nel vivo del Capacity market: per evitare il rischio di nuovi blackout e per cercare di mantenere costante il prezzo dell'energia, finanzieremo nuove centrali a gas che resteranno in funzione per i prossimi 30 anni. Per attuare questo piano spenderemo 1,3 miliardi di euro nel 2022 e 1,5 nel 2023.