Fatima.
105

*NOVENA IN ONORE DELL' IMMACOLATA CONCEZIONE DELLA BEATISSIMA VERGINE MARIA.*

_Da cantarsi per nove giorni: dal 29 Novembre al 7 Dicembre._

*ANTICO CANTO DELLO STELLARIO.*

Con il primo Padre nostro ringraziamo l'Eterno Padre per i privilegi concessi alla Santissima Vergine Immacolata, come sua dilettissima Figlia.

_Padre nostro._

O Concetta Immacolata,
fosti eletta dal gran Padre
del suo Figlio degna Madre,
fra le amate la più amata,
o Concetta Immacolata, Immacolata.

_Ave Maria._

Tu, sebben di Adamo Figlia,
dal suo fallo fosti esente,
e la testa del serpente
dal tuo pie' fu conculcata,
o Concetta Immacolata, Immacolata.

_Ave Maria._

Tutta pura, tutta bella,
dal peccato originale,
dal mortale e dal veniale,
fosti sempre preservata,
o Concetta Immacolata, Immacolata.

_Ave Maria._

_Gloria._

Con il secondo Padre nostro ringraziamo l'Eterno Divin Figlio per i privilegi concessi alla Santissima Vergine Immacolata, come sua degnissima Madre.

_Padre nostro._

Non fu mai verginitade
della tua più bella e chiara,
del Dio Figlio Madre cara
tutt'a lui sempre sacrata,
o Concetta Immacolata, Immacolata.

_Ave Maria._

Fu la tua feconditade
per virtù del Santo Amore,
sempre illeso il tuo candore,
Vergin sei sempre e illibata,
o Concetta Immacolata, Immacolata.

_Ave Maria._

La tua santa gravidanza
al tuo seno non fu grave:
ma dolcissima e soave,
che ti rese ognor Beata,
o Concetta Immacolata, Immacolata.

_Ave Maria._

Quando giunse poi il momento,
in cui nacque il Salvatore,
fosti invece di dolore
di letizia ricolmata,
o Concetta Immacolata, Immacolata.

_Ave Maria._

_Gloria._

Con il terzo Padre nostro ringraziamo lo Spirito Santo per i privilegi concessi alla Santissima Vergine Immacolata, come sua purissima e amatissima Sposa.

_Padre nostro._

Per suo tempio e per sua sposa
ti accettò l'Eterno Amore;
di sue fiamme accese il core,
d'ogni ben ti rese ornata,
o Concetta Immacolata, Immacolata.

_Ave Maria._

D'ogni grazia sei ripiena;
o degli Angeli Regina;
l'opra sei tutta divina
dall'Altissimo cerata,
o Concetta Immacolata, Immacolata.

_Ave Maria._

Colma sei di santitade,
ma colmata in tal misura,
da non esser creatura
sotto Dio più ricolmata,
o Concetta Immacolata, Immacolata.

_Ave Maria._

Finalmente sei Rifugio,
o Maria dei peccatori;
non sprezzar dunque i clamori
di chi sei Madre e Avvocata,
o Concetta Immacolata, Immacolata.

_Ave Maria._

_Gloria._

O Purissima ed Immacolatissima Signora Maria, bella Figlia del Padre, dolce Madre del Figlio e cara Sposa dello Spirito Santo, già dolente e pentito di vero cuore io mi prostro ai piedi del tuo SS. Figlio Gesù, chiedendo pietà, perdono e misericordia delle mie colpe.
Oh! Che potesse spezzarmisi il cuore e stemperarlo in vive lacrime di sangue per piangere e detestare il mio errore!
Non guardare i miei demeriti, o Madre pietosa, o Rifugio dei peccatori, mentre ti prometto di non offendere più, con il divino aiuto, la Maestà del mio Redentore; e fa', o potentissima Signora, che dopo le miserie di questa vita possa conseguire una santa morte assicurata dalla tua assistenza: e se qui in terra ti lodo coronata di stelle, concedimi di vederti in Paradiso coronata di gloria.
Mentre ora ti ringrazio e ti esalto col dire: Sia lodato il SS. Sacramento e viva la gran Madre di Dio, Maria Santissima concepita senza macchia di peccato originale.