jili22
23

Don Bosco et le « Grigio »

Jean Cagliero approfitta della calma della domenica mattina, i bambini del collegio sono fuori, per esercitare sul suo caro violino un passaggio particolarmente difficile. Questo artista quindicenne è così impegnato nella sua attività che a malapena si accorge dell'arrivo di Giuseppe Buzzetti nella stanza:
"Non potresti fermare la tua musica per un momento?" Ho qualcosa da dirvi.
—Cosa brucia? Giovanni chiede senza posare l'arco.
"Finalmente lascia il tuo crincrin e ascolta un po '! Ho appena visto entrare nella stanza di Don Bosco due uomini che non mi sembrano affatto al sicuro.
— Come?
"Non lo so, ma sento che c'è pericolo. Non posso dirvi esattamente perché, ma penso che faremmo bene ad aprire gli occhi.
"Che aspetto hanno i tuoi signori?" Jean finalmente riprende attenta.
"Certamente non buoni cattolici. Possono essere massoni, liberali o valdesi. Voi sapete bene che tutte queste persone si risentono di Don Bosco, dal momento che è entrato in una campagna contro di loro con il suo Letture cattoliche. Ma non così tante domande! Venire! Don Bosco potrebbe aver bisogno di noi.
Jean mette via il suo violino, i due amici si metteranno rapidamente davanti alla porta del Padre, con le orecchie tese.
La conversazione non è nulla di cui preoccuparsi all'inizio. I due visitatori lodano Jean Bosco:
– Il vostro oratorio è una splendida opera umanitaria che va sostenuta. Siamo subito pronti a regalarvi quattromila lire.
"Quattromila lire? ha fatto Don Bosco. Una bella somma! A quali condizioni, per favore?
"Oh, è quasi inutile parlarne. Ecco i biglietti. Prendere. Ce ne saranno di più! Ci prometterai solo di rinunciare alla distribuzione dei tuoi opuscoli.
"È quello che stavi ottenendo? No. Niente da fare! Riprenditi i tuoi soldi. Non ne ho bisogno.
I due visitatori poi abbattono la maschera della cortesia.
"Non vuoi? Questo è un insulto per noi. Tieni presente che potresti non tornare a casa vivo quando non esci.
"Mi stai minacciando?" Sembra, signori, avere un'idea del tutto falsa del prete cattolico. Nessuno mi compra o mi spaventa!
"Vedrete le conseguenze del vostro orgoglio. Saremo in grado di metterti a tacere!
"Finché sarò vivo, non starò in silenzio. E ora per favore vattene.
Don Bosco apre improvvisamente la porta:
"Giuseppe, respingi questi signori e stai attento che non inciampino giù per le scale: sono un po' arrabbiati.
I compari se ne vanno, cremisi. Don Bosco afferra Jean Cagliero per l'orecchio:
"Allora, amici, avete ascoltato?"
"Questa visita non ci ha detto nulla di buono e volevamo essere lì per una mano se necessario.
"Con questi due burattini, l'avrei fatta franca da solo.
"Per favore, signor Abate, stia attento. Possiamo aspettarci tutto da questi fanatici. Per favore, non uscite, quando è buio, senza essere accompagnati.
"Accetto di rassicurarvi.

Pochi giorni dopo, alla fine della cena, due uomini vengono a prendere Don Bosco per un morente: "Vado!"
Ma Jean Cagliero lo tiene per la manica e gli sussurra:
"Signor Abate, ricordi la sua promessa.
"Oh sì! È vero. Qualcuno di voi vuole accompagnarmi? Forse tu, Giuseppe?
— Con piacere!
Il giovane muratore prende il suo berretto:
"Vieni anche tu? chiede a Ciglinti e Gravano, due ottimi pugilisti.

— Una piccola gita? Perché no? fanno sentire un'aria.
"Oh, non c'è bisogno che questi giovani ti accompagnino", osservano gli estranei a Don Bosco.
—Perché no? Farà loro bene prendere un po ' d'aria fresca. Non ci daranno fastidio.
Don Bosco si rende presto conto di essere stato attirato in una trappola. Eccolo con gli individui seduti attorno a un piatto di caldarroste:
"Ah, Don Bosco", grida uno di loro, "siediti e assaggia queste castagne!
"Penso che una persona malata mi stia aspettando...
"Oh, non è affatto pressante. Si prega di utilizzare se stessi.
"Grazie, sto uscendo dal tavolo.
— Non rifiuterai un bicchiere di vino. Bere! il miglior asti che tu abbia mai assaggiato!
"Non bevo mai tra i pasti.
L'avventura diventa sempre più ombreggiata.
"È un insulto", continua uno dei compari. Prendere! È famoso!
"Sì, sì, berrai alla nostra salute, braille l'intera truppa.
"Ti ho già detto che non berrò nulla ora.
"Allora ti costringeremo a farlo!"
Due energizzanti afferrano Don Bosco per le spalle; un terzo si avvicina a un bicchiere della sua bocca.
"No, amici, non quello! Se vuoi che beva, lasciami andare!
"Beh, perché non adesso?"
Non appena i chenapan lasciarono andare Don Bosco li spinse via con un gesto vigoroso e aprì la porta davanti alla quale i suoi compagni erano all'erta.
— Qual è il problema? Joseph Buzzetti chiede mentre salta nella stanza con i suoi compagni di classe. Non le è stato fatto nulla, signor Abate?
"Oh, solo un piccolo scherzo", ha detto uno degli aggressori, in modo imbarazzante. Volevamo che bevesse qualcosa, ma se non lo vuole, non parliamone più!
"Finalmente mi condurrai dai malati?" grida Don Bosco.
— Ai malati? Sì certo.
— Vi accompagniamo? Ciglinti chiede.
"No, aspetta al piano di sotto!
Don Bosco sale le scale. In una stanza scarsamente illuminata un uomo geme e geme sul suo letto.
"Bene, amico mio, vuoi confessarti?"
"No, non oggi... Sono un peccato... Oh, quei dolori!...
"Da quando sono qui...
Ma shhh! In un batter d'occhio don Bosco strappa le coperte del falso malato, uno dei due uomini che sono venuti a prenderlo. Mentre il sacerdote insisteva per vedere i malati, il mascalzone si infilava nel letto, tutto vestito, tutto stivale.
"Che idiozia!" grida Don Bosco, e, afferrando il suo comico, con un solo gesto lo pianta in piedi.
"Sono sicuro che questi banditi volevano avvelenarmi", ha detto ai suoi difensori mentre tornava. Ho fatto bene a portarti con me. Da solo, potrei non essere stato in grado di superare questi mascalzoni. »

Questa non è l'unica vedetta da cui fugge.
Un'altra volta, veniamo a chiederlo, molto tardi, per una persona malata. Non viene pregato. Quattro forti gaillard lo seguono e vengono a piantarsi davanti alla porta del paziente; ma intendono girare la chiave all'interno.
Appena Don Bosco entrò, la lampada si spense e i chenapani si precipitarono verso di lui con i manganelli. Don Bosco afferra una sedia per parcheggiare. I suoi accoliti non esitano a lungo. Con un colpo di spalla Jacques fa esplodere le cerniere della porta e i quattro si precipitano nella stanza. In pochissimo tempo hanno liberato Don Bosco e lo hanno riportato in salvo.
— sei ferito? Giuseppe Buzzetti chiede.
"Non è niente", risponde Don Bosco. Il pollice sinistro schiacciato. L'unghia probabilmente si staccherà.
Ora i suoi giovani non lasciano andare i suoi occhi. Ce ne sono sempre alcuni nelle vicinanze non appena arriva una visita sospetta. In diverse circostanze lo salvano da un vero pericolo. A volte, però, Don Bosco preferisce uscire da solo per non privarli del riposo; il cielo consiglia quindi alla sua protezione con mezzi sorprendenti.
Una sera, mentre torna all'oratorio, un enorme cane lupo dai capelli grigi balza verso di lui nell'ombra.
"Che cosa vuoi da me, mia bestia coraggiosa?" Don Bosco lo chiede, che non ha mai avuto paura di un cane. Si china sull'animale e accarezza la sua pelliccia. La molossa si aggira intorno a lui abbaiando, cerca di leccargli le mani e il viso e lo segue a casa.
— Cos'è questo animale? chiedi di alcuni piccoli curiosi.
"Una bestia magnifica, non è vero?" Abbiamo già fatto amicizia.
— Come si chiama?
"Mio Dio, non si è presentato. Chiamiamolo "Grigio" – "il Grigio" – se vi piace.
"Grigio! Sì, è un nome bellissimo! Dovremmo andare in cucina per vedere se c'è qualcosa per lui? »
Grigio viene presto benedetto con un magnifico osso, ma lo riserva per dopo e va in carcere con i bambini esultanti fino all'ora di cena.
"Andiamo! Grigio, vai via! Don Bosco si mette ancora una volta la mano intorno alle orecchie: "Non dimenticare il tuo osso! »
Da quel giorno Don Bosco lo trova ancora nelle strade solitarie di Valdocco. Improvvisamente Grigio emerge dall'ombra e non lo lascia fino al cancello di casa. Spesso lo salva per un pelo. Sembra fiutare tutti i pericoli che lo minacciano.
Una sera, al calar della notte, Don Bosco sta per uscire. Il cane, sdraiato davanti alla porta, salta e lo spinge indietro: "Cosa ti prende, Grigio? Lasciatemi passare. Grigio, testardo, si lancia contro di lui non appena cerca di fare un passo verso la strada.
Don Bosco si rassegna e si gira. Mezz'ora dopo, uno dei ragazzi gli dice di aver visto alcuni individui ombrosi alla ricerca, ben armati, dietro un cespuglio. Riuscì persino a sentire la loro conversazione: stavano aspettando che Don Bosco lo attaccasse.
Come svolge grigio le sue funzioni? Vedremo!
Una sera di nuovo, Don Bosco di ritorno dall'amministrazione di un malato si rende conto che un uomo lo sta seguendo con una grande mazza. Può accelerare il ritmo, ma il malandrin è sempre alle calcagna.
"Con uno, la farò franca", pensa, "quando alcuni individui sinistri escono da un vicolo vicino per bloccargli la strada. Allo stesso tempo il suo inseguitore si precipita verso di lui, buttandolo giù. Don Bosco si getta da parte e gli amministra nella fossa dello stomaco un gomito così magistrale che l'apache crolla mentre geme. Gli altri vengono in soccorso. Don Bosco si perde quando appare Grigio. Il mastino si lancia furiosamente contro i banditi e cade a terra i primi due, mentre gli altri si staccano il più rapidamente possibile.
"Ben lavorato, Grigio!" disse Don Bosco. Sarebbe ora! »
Gli apache spaventati schivano il clopin-clopant. Grigio accompagna Don Bosco a casa sua.
Un'altra volta, in una sera umida e buia di novembre, due malandrin inseguono Don Bosco attraverso un vicolo che va dalla Consolata al Valdocco. Prima che possa allontanarli, un uomo emerge dall'ombra di un portico e gli getta una coperta sopra la testa. Don Bosco cerca di liberarsi di questo cappuccio, ma un altro si precipita contro di lui con un lungo pugnale.
"Sciopero! grida prima. Noi lo teniamo! »
Grigio si avventò, lo gettò a terra e immediatamente infilò le sue zanne nel braccio del compagno pronto a colpire. Lascia cadere il suo pugnale per uscire, ma Grigio lo fa rotolare nella polvere. Il primo riesce ad alzarsi, ma il cane lo colpisce di nuovo.
"Per l'amor del cielo, salvami da questo animale! " pantaloni lo sfortunato. Potete vedere che mi divorerà!
"E tu?" Cosa volevi farmi?
"Ah, signore, le confesseremo tutto. Per i poveri buggers, mille lire è una bella somma!
"Così, per mille lire eri determinato ad uccidere un uomo. Questo è ciò che intendi, non è vero?
-Sì, sì, sì! Ma richiama il tuo cane!
"Prometti di lasciarmi in pace adesso?"
"Dalla Madonna, è promesso!
"Allora, ecco, Grigio! Avete fatto il vostro dovere. Lasciateli andare. Sii gentile. Avvicinarsi. Qui!
Un ultimo ringhio inquietante di nuovo, e il cane viene a leccare la mano del suo amico, mentre i banditi in cattive condizioni se ne vanno tremanti.

Come se temesse di arrivare troppo tardi, Grigio ora si aggira ogni sera davanti alla porta dell'oratorio, accompagna Don Bosco nelle sue uscite e lo riporta indietro.
Un giorno, dopo averlo atteso inutilmente per molto tempo davanti alla porta del marchese Dominique Fassati, Grigio ritorna, con l'orecchio basso, all'oratorio. I ragazzi, giocando nella neve, lo salutano con gli schiamazzi, ma cercano inutilmente di licenziarlo all'ora di cena.
"Da dove viene Grigio?" don Bosco chiede a tavola.
"Non siamo riusciti a convincerlo ad andarsene. Non vuole andarsene.
Grigio, intanto, si intrufola tra i tavoli verso Don Bosco, si mette la museruola sulle ginocchia e lo guarda con uno sguardo strano.
"Vuoi mangiare qualcosa, Grigio?" »
Grigio non annusa nemmeno il pezzo di pane che gli viene presentato.
"Oh, piccolo ghoul fine, ti piacerebbe la carne?"
Voi sapete che Don Bosco non ne ha. Se non lo vuoi, devi solo andartene.
Poi, all'improvviso, Don Bosco si rallegra: "Ah, io ci sono! Sei triste perché non mi hai incontrato oggi! Non è colpa mia: il marchese mi ha riportato in macchina! »
Grigio allora comincia ad abbaiare felice come se avesse capito perfettamente e se ne va felice.
"È davvero curioso", dice Don Bosco. Ho cercato spesso di sapere da dove viene Grigio, a chi appartiene. Impossibile raggiungere questo obiettivo. È stato il buon Dio che me l'ha mandata, credo, per proteggermi e custodirmi. »
Per più di un anno, Grigio continuò i suoi buoni uffici. Poi cessati gli attacchi contro Don Bosco, scomparve. Non fu più visto a Torino.

(Don Bosco, l'apostolo della gioventù, G. Hünermann)

le-petit-sacristain.blogspot.com/2022/01/don-bosco-et-le-grigio.html