N.S.dellaGuardia
Ammettere il miracolo sarebbe come dire che la Santa Messa è dono di Dio attraverso il Figlio e per mezzo dello Spirito Santo, e che quindi nessuno la può cambiare.
Sarebbe come dire che l'Eucarestia è pane di vita in quanto corpo di Cristo, mediante la Sua morte e resurrezione, e che quindi ecumenismo, ideologia e politica possono pure tornare oltreoceano dal suo mentore peron.
Per questo insist…More
Ammettere il miracolo sarebbe come dire che la Santa Messa è dono di Dio attraverso il Figlio e per mezzo dello Spirito Santo, e che quindi nessuno la può cambiare.
Sarebbe come dire che l'Eucarestia è pane di vita in quanto corpo di Cristo, mediante la Sua morte e resurrezione, e che quindi ecumenismo, ideologia e politica possono pure tornare oltreoceano dal suo mentore peron.
Per questo insiste con dialogo e condivisione (accoglionenza??) pur di arrendersi all'evidenza.
E c'è ancora chi va a sentirlo...
DiscepoloGAU
Sono i miracoli che comprovano la dignità messianica di NSGC. Negarli e spacciarsi per Cristiani, è pura impostura.
gianlub2
Nega la Divinità di Gesù Cristo questa "feccia immonda", tutto il resto ne consegue
Francesco I
Tutti i modernisti negano i miracoli di Gesù! Per loro la "moltiplicazione dei pani e dei pesci" non è null'altro che un mero problema di "condivisione", cosa che è politicamente corretta in quanto mutuata dal "Capitale" di Karl Marx.
Per Bergoglio, poi, solo i suoi idoli pagani sono in grado di compiere miracoli!
Ecco qui l'atto di dolore secondo il "Grande Passero Bergoglio"
fidelis eternis
Mister Bergoglio. alias mister Imbroglio, come giustamente è definito da varie parti dell'orbe cattolico.
lamprotes
Il vangelo fatto a stracci dal Pampero in barba alle interpretazioni della Tradizione e dei Padri. Bisogna cacciarlo dalla Chiesa: offre l'idea di comportarsi come un cinghiale in una vigna, come un suino che calpesta delle perle, come un asino che stordisce i fedeli con ragli sonori ...