Francesco I
4764

“Mafia” di San Gallo, Dimissioni di Benedetto. Un Accordo in Conclave?

26 Ottobre 2021 Marco Tosatti Carissimi StilumCuriali, l’amica e collega Maike Hickson ha scritto una recensione molto interessante di quello che probabilmente è un libro estremamente interessante nel suo …More
26 Ottobre 2021
Marco Tosatti
Carissimi StilumCuriali, l’amica e collega Maike Hickson ha scritto una recensione molto interessante di quello che probabilmente è un libro estremamente interessante nel suo blog su Life Site News. Ve ne offriamo qui la nostra traduzione. Buona lettura…

§§§
Vedi: New book suggests St. Gallen Mafia agreement may have led to Pope Bene…
Un nuovo libro suggerisce che un accordo della mafia di San Gallo potrebbe aver condotto alle dimissioni di papa Benedetto XVI
– La studiosa ed editorialista americana Julia Meloni ha appena pubblicato la sua tanto attesa, eccellente e profondamente studiata storia della Mafia di San Gallo, un gruppo di vescovi progressisti che si riunivano regolarmente in Svizzera e complottavano per rivoluzionare ulteriormente la Chiesa Cattolica. The Sankt Gallen Mafia: Exposing the Secret Reformist Group Within the Church ci dice molto sulle macchinazioni di questi vescovi e cardinali di sinistra, la loro agenda, e anche la loro idea che …More
N.S.dellaGuardia
Peccato che papa Benedetto abbia quasi nessuna possibilità di replicare a questi tentativi di manipolazione della realtà, spesso chiamati erroneamente "notizie ufficiali"...
alda luisa corsini
Quanta confusione...
alda luisa corsini
...e disse "Pregate perchè io non fugga per paura davanti ai lupi"...quindi, non aveva escluso sin dall'inizio la possibilità che un Papa potesse fuggire, cioè dimettersi.. 🤔
Diodoro
Il mio commento: i Cardinali Martini e Ratzinger non fecero alcun accordo sulla gestione (ed eventuale cambio al vertice) del Papato, per il semplice fatto che papa Ratzinger (già indicato come Male Assoluto da Cardinale, per aver scritto la Dominus Jesus nel 2000: "SOLO Cristo salva") fu infamato e braccato ogni giorno del Pontificato, in quanto fossile e restauratore.
Egli amava e ama la Chiesa …More
Il mio commento: i Cardinali Martini e Ratzinger non fecero alcun accordo sulla gestione (ed eventuale cambio al vertice) del Papato, per il semplice fatto che papa Ratzinger (già indicato come Male Assoluto da Cardinale, per aver scritto la Dominus Jesus nel 2000: "SOLO Cristo salva") fu infamato e braccato ogni giorno del Pontificato, in quanto fossile e restauratore.
Egli amava e ama la Chiesa, in particolare la Chiesa dei semplici. Parlò della Fede non colta, ma autentica e limpida, di tante persone del popolo. Fu ed è legato alla Fede del padre, della madre (di origine altoatesina cioè meridionale), e della sorella, che sembra abbia offerto la vita al Signore per lui.
Combattè ogni giorno contro la Grande Minaccia, da Lui individuata e denunciata: la Dittatura del Relativismo. Alla Messa di Inizio del Pontificato parlà contro l'Evoluzionismo, amato dai Gesuiti "illuminati".
Detto questo, è vero che non vi fu mai una cesura fra i Papi recenti (dagli Anni Sessanta) e il Clero progressista. Numerose nomine importanti, a cominciare da quella di Martini, Rettore del Pontificio Istituto Biblico, ad Arcivescovo di Milano, furono fatte nel "campo avverso".
Certamente i Papi recenti aderirono sostanzialmente a una visione ottimistica: "Chi ha seguito una Vocazione, vive nello stato clericale, conosce Dio, non può essere realmente anticristico, salvo casi estremi e limitatissimi".
Oggi vediamo quanto questa visione fosse errata. Non esiste "ala di sinistra" e "ala di destra" della Chiesa: esistono Eretici e Cattolici