Clicks1.2K

La meravigliosa "Chiesa degli Italiani" in Vienna acquistata dalla Fraternità San Pio X

Ecco la lettera del superiore del distretto, don Stefan Frey, che ha presentato la notizia ai fedeli in Austria.

Il Cielo ci ha fatto un regalo a Vienna che ha superato le nostre più rosee aspettative. Per anni abbiamo cercato una chiesa adatta, perché la sistemazione temporanea della nostra ex cappella di San Giuseppe nella Bernardgasse, con il suo affitto molto costoso, non poteva essere una soluzione permanente.

Dal 2008, i nostri fedeli viennesi pregano intensamente per questa intenzione. San Giuseppe ci ha fatto aspettare e ha messo alla prova la nostra pazienza e perseveranza fino all'anno a lui dedicato.

Ma oggi ha risposto alle molte preghiere in abbondanza e ci ha dato non una chiesa qualsiasi, ma la chiesa dei Minimi di Maria Schnee - Maria delle Nevi - dedicata alla sua santissima moglie.

È una delle chiese più rinomate, belle e antiche della città di Vienna, situata in una posizione privilegiata, e la sua importanza storica e culturale non può essere apprezzata a sufficienza! La nostra gratitudine al buon San Giuseppe è senza limiti! Quanto meravigliosamente ascolta coloro che lo pregano con fiducia e perseveranza.

Ma siamo anche consapevoli che questo dono sublime è accompagnato da una grande missione e da una pesante responsabilità. La Chiesa dei Minimi offre ora vaste possibilità di apostolato e quindi opportunità uniche per rafforzare la tradizione cattolica a Vienna.

Che la Beata Vergine Maria delle Nevi e il suo Santo Sposo ci aiutino con la loro potente assistenza a compiere questa responsabilità, per la maggior gloria di Dio e la salvezza di quante più anime possibile!
I miracoli della divina Provvidenza

Come ha fatto la Fraternità Sacerdotale di San Pio X a mantenere una chiesa così magnifica a Vienna? Con Dio, niente è impossibile, e ovviamente Dio ha voluto rendere possibile l'impossibile, umanamente parlando.

In effetti, le circostanze di questa meravigliosa storia di successo possono essere descritte solo come miracolose. Citiamo le pietre miliari più importanti che suggeriscono che Dio era coinvolto fin dall'inizio:

- 18 novembre 2020: nella festa della consacrazione delle chiese di San Pietro e Paolo, siamo stati chiamati dalla signora Daniela Panella, prefetto della "Congregazione italiana Madonna della Neve", alla quale la chiesa fu donata nel 1784 dall'imperatore Giuseppe II come chiesa nazionale italiana a Vienna (il convento dei Minimi fu poi trasferito nell'ex monastero dei Trinitari, vicino alla chiesa della Trinità). Abbiamo ricevuto un'offerta sorprendente per rilevare la chiesa!

- 20 maggio 2021: Festa di San Bernardino da Siena. Abbiamo affidato l'Assemblea Generale della Congregazione Italiana che si svolge in questo giorno a questo grande missionario popolare italiano. Come giovane sacerdote, San Bernardino aveva ricevuto il dono dei poteri miracolosi dalla Madre, e noi non gli chiedevamo altro che un miracolo. La missione del prefetto è stata quella di radunare i membri della Congregazione al nostro progetto e quindi ad una futura pastorale degli italiani nel quadro tradizionale. Il santo accolse la nostra richiesta, perché tutti i membri furono d'accordo all'unanimità di donare la più importante chiesa mariana della città di Vienna alla FSSPX!

- 25 maggio 2021: nel giorno della commemorazione di due papi italiani - San Gregorio VII e Sant'Urbano I - alla vigilia della festa di San Filippo Neri, il grande apostolo di Roma, la firma notarile dei contratti di donazione ha avuto luogo alle 18.30. Con questo, ci è stato chiaro che Dio ha evidentemente dato alla SSPX la missione di continuare fedelmente l'eredità secolare della comunità italiana a Vienna.

- 29 giugno 2021: I Santi Apostoli Pietro e Paolo hanno sponsorizzato l'inizio della nostra impresa: provvidenzialmente erano presenti all'incoronazione. Il giorno della loro solennità, la nuova proprietà fu iscritta nel registro fondiario della città di Vienna e divenne così ufficialmente definitiva.

La FSSPX è diventata ufficialmente proprietaria della Chiesa dei Minimi. Cosa ci dice questa sponsorizzazione? È certo che con la Chiesa dei Minimi non abbiamo ricevuto altro mandato che quello di continuare fedelmente a Vienna la tradizione apostolica che San Pietro e San Paolo hanno stabilito nella Chiesa di Roma, Madre e Maestra di tutte le Chiese, nel nome di Cristo, e di difenderla fermamente contro tutte le aberrazioni di oggi.

Non siamo un Tradi Club all'antica, ma semplicemente cattolici romani, e abbiamo l'ardente desiderio di servire la Chiesa cattolica con tutte le nostre forze e di aiutarla a recuperare la sua tradizione apostolica di 2000 anni, dalla quale solo scaturisce tutta la vitalità soprannaturale,

Chiesa dei Minimi (Vienna)
La Minoritenkirche (chiesa conventuale dei frati minori, legata all'ordine monastico dei monaci dei frati minori), chiamata ufficialmente Italienische Nationalkirche Maria Schnee (Chiesa Nazionale Italiana di Maria delle Nevi, legata alla Congregazione Italiana
Congregazione, l'ex proprietario di questa chiesa), è stato costruito in stile gotico francese nell'Altstadt o primo distretto di Vienna, Austria.
Il sito su cui è costruita la chiesa fu dato ai seguaci di San Francesco d'Assisi nel 1224. La prima pietra fu posta dal re Ottocaro II di Boemia nel 1276. Il duca Albrecht II ha poi sostenuto il processo di costruzione, in particolare il portale principale.
Il coro gotico di Ludwig fu costruito tra il 1316 e il 1328 e utilizzato come mausoleo
nei secoli XIV e XV. La costruzione della chiesa fu completata nel 1350.
La parte superiore del campanile fu danneggiata durante la prima guerra austro-turca, ricostruita, e distrutto di nuovo durante la seconda guerra austro-turca; il tetto fu poi sostituito da un tetto piatto.
Quando Giuseppe II diede la chiesa agli italiani, essi trasferirono il nome Maria Schnee (Maria delle Nevi) dalla loro cappella vicina, che fu poi distrutta.

Storia
La chiesa si trova nell'Innere Stadt di Vienna, a nord-ovest della Hofburg, su
Minoritenplatz. I Minimi erano frati francescani (frati minori). Si stabilirono a Vienna nel 1224.
Dopo l'incendio della città del 1275, la prima pietra della nuova chiesa fu posta da Ottokar Přemysl. È una delle prime chiese gotiche della regione dell'Austria orientale.
Dopo la morte di Ottokar nella battaglia di Marchfeld, fu sepolto qui per trenta
settimane. Una rottura cruciale avvenne nel 1782,
quando la chiesa dei Minimi fu chiusa durante il
"Giuseppinismo"

La chiesa fu poi rinominata Chiesa Nazionale Italiana di Maria delle Nevi
(Santa Maria Maggiore) - un nome che viene usato ancora oggi. Durante il
evacuazione della loro chiesa, i frati minori francescani portarono via la croce con un immagine di Cristo appesa sopra l'altare maggiore della loro chiesa di Wimpassing, in modo che quando
Quando tornò a Vienna qualche secolo dopo, fu chiamata "Croce di Wimpassing".
"La croce di Wimpassing". Una copia è oggi appesa nella Cattedrale di Santo Stefano.

Esterno
L'intero edificio è modellato sull'architettura delle cattedrali francesi. Il
sconosciuto; tuttavia, l'opera è comunemente attribuita a Jacobus
Parisiensis, Fra Giacomo de Paris, che fu il confessore del duca Albrecht II.

Il portale segue un modello francese, cosa rara per l'Austria.
Il timpano è diviso da impatti circolari in tre campi, dove nel campo centrale appare Cristo su una croce di rami,a sinistra ci sono Maria con Maria Maddalena e altre figure femminili; a destra San Giovanni Evangelista, San Longino il soldato e altre figure maschili.
Le figure maschili e femminili più esterne potrebbero rappresentare il duca Albrecht II e sua moglie Johanna.
Albrecht II e sua moglie Johanna di Pfirt, soprattutto perché la figura maschile sembra indossare un cappello da duca.
Le figure rappresentate sono molto eleganti e finemente connesse:
probabilmente un'influenza francese, e allo stesso tempo uno stile importante caratteristica dello stile dei Minimi, che risale al 1360 circa.
Nel corso della nuova dedica, molti cambiamenti sono stati fatti da Johann
Ferdinand Hetzendorf von Hohenberg, che includeva la rimozione del barocco l'interno. Ciononostante, il risultato finale non è stato una "rigattizzazione", poiché è stata più "regolarizzazione", come era più comunemente chiamata, dato che molte parti dello stile gotico della chiesa erano rimaste il coro in particolare.
Nel 1529, la guglia fu distrutta una prima volta ma ricostruita nel 1633. Durante il secondo assedio turco nel 1683, fu distrutt di nuovo. La guglia distrutta fu sostituita da un tetto piatto.
Nei secoli successivi, la chiesa rimase in gran parte invariata, a parte
i danni alla torre durante le varie guerre. Intorno al 1900 avvennero gli ultimi grandi cambiamenti tra cui la costruzione della sacrestia a forma di coro. Il
La costruzione di ferrovie sotterranee alla fine degli anni '80 ha permesso di recuperare i muri di fondazione del coro.

Interno
Ci furono grandi cambiamenti sotto i primi Asburgo.
Bianca di Francia, duchessa d'Austria, moglie di Rodolfo III, ha lasciato una cappella in onore di suo nonno, San Luigi Re di Francia.
Sul lato nord della chiesa, completato nel 1328. Ha avuto un
un ingresso separato non collegato alla navata. Verso il 1340, la cappella di San Luigi fu unita alle due navate della chiesa, formando una sala parrocchiale con due cori e tre navate.
Nella chiesa furono aggiunte nuove colonne e fu costruito un nuovo portale sul lato ovest.

l'ovest.
La cappella di Sant'Antonio di Padova ha un altare barocco in marmo policromo e un'opera del XVII secolo ed una vetrata del XVII secolo.

Le pareti della chiesa sono affrescate con gli stemmi dell'aristocrazia austriaca e delle famiglie che hanno contribuito alla costruzione della chiesa o sono sepolte lì.

Altare maggiore
L'altare maggiore neogotico fu progettato da Ferdinand Hohenberg. La pala d'altare mostra la Madonna della Neve, venerata nella chiesa di S. Maria Maggiore in Roma (copia di Ignaz Unterberger). È circondata a sinistra dalle statue di Santo Stefano d'Ungheria e San Giovanni Battista, e sulla destra dalle statue di San Giovanni Evangelista e di San Leopoldo.

Mosaico dell'Ultima Cena
Il muro nord della chiesa porta una copia a grandezza naturale dell'Ultima Cena di Leonardo da Vinci.
Si tratta di un mosaico del mosaicista romano Giacomo Raffaelli,
commissionato da Napoleone I nel 1809, ma non fu completato prima della sua abdicazione.
Francesco II d'Austria lo comprò, volendolo installare nel Belvedere di Vienna. Troppo grande per l'edificio, fu offerto dall'imperatore Ferdinando I d'Austria alla Congregazione Italiana e installato sulla parete nord della chiesa, dove si trova ancora oggi. Il mosaico misura 9,18 x 4,47 m e pesa circa 20 tonnellate.

Monumento a Pietro Metastasio
Questo monumento, opera di Lucardi, fu eretto in memoria del "Poeta Laureato" Metastasio nel 1855. Nel rilievo centrale, Papa Pio VI è raffigurato mentre benedice il poeta morente
Dietro di lui, il compositore Salieri seguito da WA Mozart, mentre J. Haydn
guarda il Papa.

Madonna di Rossellino
Questa Madonna fu eseguita dall'artista italiano Antonio Gamberelli, soprannominato Antonio Rossellino, in marmo di Carrara (XV secolo).
Dipinti
- La glorificazione di San Giovanni Nepomuceno, di Bartolomeo Altomonte
- La fondazione dell'abbazia di Klosteneuburg, di Martino Altomonte
- La Sacra Famiglia di Hautzinger
- La tragedia della peste, di Steiner
- San Benedetto e il miracolo di San Nicola, di Daniel Gran
- Delicata figura di San Francesco d'Assisi, dipinta da un maestro sconosciuto del XV secolo

Francesco I and one more user link to this post
Francesco I
Pare che la Divina Provvidenza stia aiutando la Fraternità a crescere:
1) L'albero buono si giudica dai frutti: Utrecht (Olanda) la chiesa di Sa…
2) Seminario Internacional Nuestra Señora Corredentora FSSPX. En sus orac…
Evidentemente anche a Nostro Signore piace il Bello ed il Sacro
in singolare contrasto con :
"L'idea di "arte" di Bergoglio !"