Clicks3.7K

Donne medico, attiviste pro-vita lanciano un appello per resistere ai vaccini contaminati dall’aborto

Traduzione italiana dell’editoriale di Edward Pentin.

Un gruppo di quasi 100 donne tra medici, religiosi, politici e attivisti pro-vita di tutto il mondo ha lanciato un accorato appello a tutte le persone di buona volontà affinché cessino di giustificare moralmente l’uso dei vaccini COVID-19 contaminati dall’aborto, dicendo che il non alzarsi in piedi e resistere ad essi sta alimentando una crescente cultura di morte che comporta la sperimentazione e l’uso di parti del corpo dei bambini.

Le donne firmatarie che includono la centenaria Dr. Wanda Półtawska, un’amica del defunto Papa San Giovanni Paolo II che fu vittima di esperimenti pseudo-medici in un campo di concentramento nazista, Abby Johnson, l’attivista anti-aborto statunitense e Suor Deirdre Byrne, un ex chirurgo generale militare, sostengono che la giustificazione di tali vaccini si basa su “una valutazione incompleta della scienza della vaccinazione e dell’immunologia“.

Dichiarano che a causa della “notevole mancanza di protesta” sulla produzione e sperimentazione del COVID-19 e di altri vaccini che utilizzano linee cellulari di feti abortiti, l’uso di bambini abortiti in tale ricerca medica è diventato non solo generalmente accettato negli ultimi decenni, ma “ampliato” fino ad includere “la raccolta e il traffico di corpi di bambini non nati assassinati” per la sperimentazione che sarebbe “normalmente considerata non etica“.

La generale acquiescenza ai vaccini contaminati dall’aborto, in particolare da parte dei cristiani, ha solo contribuito alla cultura della morte“, scrivono le donne firmatarie, aggiungendo che non possono “starsene sedute” mentre l’uso di feti umani abortiti è “gradualmente normalizzato come una parte ‘sfortunata’ della medicina moderna.

È tempo che il clero e i laici affrontino coraggiosamente questo orrore e difendano il diritto alla vita per i più vulnerabili con la massima determinazione“, continuano. “Questa malefica propaggine dell’aborto deve avere fine!“.

Le firmatarie, che includono veterane pro-vita latino-americane ed ex membri della Pontificia Accademia per la Vita Mercedes Wilson de Arzu, Christine de Marcellus Vollmer e la dottoressa Pilar Calva, sostengono che anche se questi vaccini hanno utilizzato linee cellulari di feti abortiti degli anni ’60 e ’70, il loro uso oggi comporta la “continua commercializzazione del corpo del bambino” e la promozione di ulteriori sperimentazioni di “nuovo tessuto fetale abortito” in futuro.

Di conseguenza “suggeriscono umilmente” che Papa Francesco, il Vaticano e i vescovi di tutto il mondo “rivalutino” le loro dichiarazioni sui vaccini COVID-19. Dovrebbero rendersi conto, aggiungono, che le cellule fetali abortite non sono state utilizzate solo nei test, ma come “parte integrante” dello sviluppo del vaccino. Questi vaccini non sono stati rigorosamente testati per la loro efficacia, il tasso medio di sopravvivenza dall’infezione da COVID-19 è “superiore al 98,3%”, e – affermano – la loro “natura sperimentale” rende “esortare, costringere o obbligare” la gente a prenderli “una violazione” della Dichiarazione Universale sulla Bioetica e i Diritti Umani.

L’aborto è il moderno massacro degli innocenti“, dicono le firmatarie nell’incipit della dichiarazione, aggiungendo che, come donne, desiderano che il loro “grido femminile sia ascoltato in tutto il mondo“. Viene dal “profondo dei nostri cuori materni“, dicono, “che sono destinati a difendere la causa della vita e a combattere la cultura della morte“.

Esprimono il loro desiderio di non essere “complici del moderno Massacro dei Santi Innocenti” e quindi “rifiutano di accettare qualsiasi vaccino fatto con cellule derivate da feti umani abortiti“.

Le donne firmatarie, che hanno pubblicato la loro dichiarazione nella Giornata Internazionale della Donna, descrivono anche in dettaglio tutto l’orrore dell’aborto, compreso precisamente come i feti abortiti sono usati nella produzione e nei test dei vaccini.

Come cristiani siamo chiamati a rivestire la mente di Cristo e a unire i nostri cuori al Sacro Cuore di Gesù e al Cuore Immacolato di Maria“, concludono le donne. “Pertanto, non collaboreremo a questo immenso culto infanticida.

Non saremo complici. È tempo di alzarsi in piedi!“, dicono in chiusura.

Papa Francesco, che insieme al Papa Emerito Benedetto XVI ha ricevuto la sua prima dose di vaccino prodotto dalla Pfizer a gennaio, che si è basato su tessuto fetale abortito nei test di laboratorio, è stato incessantemente favorevole a tali vaccini, arrivando a definire l’inoculazione un “dovere etico” e che l’opposizione all’immunizzazione non è solo inspiegabile ma una forma di “negazione suicida“.

In una nota dottrinale pubblicata a dicembre, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha affermato che l’uso dei vaccini era “moralmente lecito” soprattutto perché la cooperazione al male nell’aborto procurato era “remota“.

Ma il documento sottolineava anche che l’uso di tali vaccini non equivaleva a un’approvazione morale dell’uso di linee cellulari provenienti da feti abortiti, e che sia le compagnie farmaceutiche che le agenzie sanitarie governative sono incoraggiate a usare “vaccini eticamente accettabili“.

L’appello completo è disponibile qui. Di seguito nella traduzione italiana.

La voce delle donne in difesa dei bambini non nati e in opposizione ai vaccini contaminati dall’aborto

L’aborto è il moderno massacro degli innocenti. Noi, come donne, desideriamo che il nostro grido femminile sia ascoltato in tutto il mondo. Questa dichiarazione viene dal profondo dei nostri cuori materni, che sono dedicati a difendere la causa della vita e a combattere la cultura della morte. Perciò affermiamo con tutto il cuore: “Non saremo complici del moderno Massacro dei Santi Innocenti e rifiutiamo quindi di accettare qualsiasi vaccino fatto con cellule derivate da feti umani abortiti“.

L’aborto: la fonte del tessuto fetale

Affrontiamo onestamente la realtà dell’aborto. Circa una gravidanza su cinque in tutto il mondo si conclude con un aborto; si stima che si tratti di 40-50 milioni di aborti all’anno [1]. Da quando il business dell’aborto è iniziato sul serio, ben 2,5 miliardi di bambini non nati sono stati uccisi nel grembo delle loro madri. Solo per un momento, riflettiamo su questa cifra e cerchiamo di scandagliare questo abisso senza fondo.

La crudeltà eccezionalmente barbara del ventesimo secolo, con le sue due micidiali guerre mondiali e ideologie ancora più micidiali, non si avvicina nemmeno all’immensa grandezza di questo massacro mondiale del più indifeso di tutti gli esseri umani. Come potremmo non tenere questo fatto saldamente in mente mentre deliberiamo ponderatamente sulla moralità dei vaccini fatti con cellule derivate da feti umani abortiti?

Questo genocidio dei nascituri è impensabile nella sua grandezza, ma è altrettanto inconcepibile nella sua brutalità atroce: il modo in cui vengono uccisi è barbaro oltre ogni immaginazione. Mettiamo davanti agli occhi della nostra mente alcuni dei metodi di aborto chirurgico più diffusi [2]. Immaginiamo un bambino non ancora nato a nove settimane dal concepimento: può fare le capriole, aggrottare le sopracciglia e deglutire. Per abortire questo nascituro, un tubo cavo con una punta tagliente viene inserito nell’utero di sua madre e collegato ad un potente aspiratore, che lo riduce in piccoli pezzi che vengono aspirati in una bottiglia e gettati via.

Ora immaginiamo una bambina non ancora nata alla fine del terzo mese nell’utero di sua madre: può piangere silenziosamente, e talvolta lo fa, e può sentire dolore. Per abortire questa bambina non ancora nata, un paio di pinze vengono inserite nell’utero di sua madre per afferrare e torcere le sue ossa, fino a quando il suo corpo è totalmente smembrato, la sua spina dorsale molto probabilmente spezzata, e il suo cranio schiacciato mentre viene strappato dal corpo di sua madre.

Infine, immaginiamo un bambino non ancora nato a 20 settimane: può riconoscere la voce di sua madre. Per abortirlo, il medico inserisce un lungo ago nell’addome della madre e inietta una forte soluzione salina che lui inghiotte; il veleno corrosivo lo brucia dentro e fuori. Entro un giorno, la madre darà effettivamente alla luce il suo bambino morto o morente. Molti di questi bambini sono nati vivi, poi lasciati incustoditi a morire. Questa è una morte più crudele di quella dei bambini sacrificati nella Gehenna, la valle vicino a Gerusalemme dove gli antichi israeliti un tempo sacrificavano i propri figli, bruciandoli vivi nelle mani dell’idolo cananeo Moloch. Le fiamme dell’infanticidio li consumavano più rapidamente delle piccole vittime di oggi. Nelle mani di Moloch oggi fa un freddo glaciale: il bambino rabbrividisce fino a diventare silenzioso e immobile, steso in una pozza di sangue che si raffredda rapidamente. Una volta avvolto al caldo nel grembo materno, ora giace senza vita in una stanza sterile, nudo dalla testa ai piedi, senza nessuno che lo pianga [3].

Il “frutto” della ricerca sui tessuti fetali

Come se il numero e la brutalità di questi aborti non fossero sufficienti, le parti del corpo dei bambini abortiti vengono ora raccolte [4] a scopo di ricerca medica in una sorta di storia dell’orrore feticida dei giorni nostri. Gli abortisti hanno ammesso di modificare le procedure chirurgiche [5] in modo da assicurare che alcune parti del corpo siano lasciate intatte e utilizzabili dai ricercatori. Immaginate lo stesso bambino, non bruciato dalla soluzione salina, ma consegnato vivo ad un orrore alla pari con i sacrifici umani degli Aztechi, che strappavano il cuore dei vinti mentre giacevano ansimanti sugli altari sacrificali. Dopo essere stato partorito, forse con un taglio cesareo, [6] il bambino prova un dolore atroce quando l’abortista molto rapidamente gli taglia il rene – senza anestesia – in modo che il suo organo possa essere spedito durante la notte per tenerlo fresco per il ricercatore complice. [7] Sapendo questo, come possiamo volentieri beneficiare del loro sacrificio usando un vaccino che ha usato i corpi di questi bambini abortiti in qualsiasi punto del processo di produzione, non importa quanto tempo fa?

Eppure, alcuni sosterranno che questo male è alle nostre spalle, nei decenni passati, mentre altri sostengono che usare un vaccino contaminato dall’aborto è moralmente lecito perché la cooperazione nel male è “remota” [8]. Ma queste posizioni riflettono la vera ampiezza e gravità della situazione? Il male di usare linee di cellule fetali abortite coinvolge non solo l’omicidio originale, ma la continua commercializzazione del corpo del bambino, così come il rifiuto finale di seppellire i suoi resti profanati.

Inoltre, l’uso di tessuto fetale abortito nello sviluppo di interventi medici alimenta e alimenterà sempre la ricerca di nuovo tessuto fetale abortito. [9] Le linee cellulari fetali semplicemente non durano all’infinito, [10] e i produttori di vaccini hanno un forte incentivo a creare nuove linee per abbinare quelle vecchie – scegliendo di sperimentare con bambini abortiti dello stesso sesso e più o meno della stessa età. [11] Questo si è verificato più volte nei decenni passati, con la più recente linea di cellule fetali abortite sviluppata nel 2015. [12] Inoltre, a causa della notevole mancanza di protesta per le linee cellulari, la ricerca biomedica con bambini abortiti si è ampliata negli ultimi decenni fino ad includere la raccolta e il traffico dei corpi di bambini non nati uccisi, [13] per l’uso in ricerche che normalmente sarebbero considerate non etiche da eseguire su un essere umano. [14] Moloch non è mai soddisfatto.

Tutti questi mali sono solo perpetuati e promossi dall’accettazione passiva di un vaccino moralmente contaminato su una “base temporanea“. Riflettiamo sul fatto che il vaccino MMR, che è stato sviluppato nel 1971 ed è commercializzato dalla Merck, è stato sollecitato come un dovere morale [15] a causa del suo potenziale di ridurre la sindrome della rosolia congenita (cosa che non riesce a fare [16]). L’MMR contiene una componente della rosolia moralmente compromessa che ha richiesto quasi 100 aborti separati [17] per essere sviluppata, e nonostante le dichiarazioni dei nostri prelati che i cattolici che usano il vaccino devono opporsi al suo uso in altri modi, [18] è ancora in uso dopo 50 anni. Né le voci dei pastori né quelle dei fedeli hanno soffocato la tacita approvazione data dalle loro azioni. Infatti, l’acquiescenza generale ai vaccini contaminati dall’aborto, in particolare da parte dei cristiani, ha solo contribuito alla cultura della morte [19]. Non possiamo stare a guardare mentre l’uso di feti umani abortiti nella ricerca medica viene gradualmente normalizzato come una parte “sfortunata” della medicina moderna. È tempo che il clero e i laici affrontino coraggiosamente questo orrore e difendano il diritto alla vita per i più vulnerabili con “massima determinazione” [20].

I vaccini Covid-19 e il tessuto fetale

Consideriamo ora il caso attuale dei vaccini COVID-19, molti dei quali utilizzano linee cellulari di feti abortiti, [21] sia direttamente durante il processo di produzione che indirettamente attraverso i test. C’è chi sostiene che tale uso non è solo morale ma è un vero e proprio atto di carità verso il prossimo [22] alla luce della gravità della pandemia. Suggeriamo umilmente che tali dichiarazioni, comprese alcune dichiarazioni ufficiali rilasciate da vescovi [23] e persino dal Vaticano [24], sono basate su una valutazione incompleta della scienza della vaccinazione e dell’immunologia, e preghiamo tali sostenitori di rivalutare le loro dichiarazioni alla luce dei seguenti fatti:

I candidati al vaccino che si dice usino cellule fetali abortite “solo durante i test” hanno fatto uso delle cellule HEK-293 [rene embrionale umano-293] come parte integrante dello sviluppo [25] del loro candidato mRNA e le hanno usate di nuovo per confermare l’efficacia dell’mRNA, talvolta attraverso più di un tipo [26] di test di conferma.

I candidati vaccini in questione non sono stati rigorosamente testati per la loro efficacia nel prevenire l’infezione o la trasmissione della SARS-CoV-2, [27] ma valutati invece per la riduzione della gravità dei sintomi in coloro che sviluppano “casi confermati” di COVID-19. Anche questa valutazione di un modesto effetto protettivo può essere seriamente gonfiata. [28]

Il tasso medio di sopravvivenza dall’infezione da SARS-CoV-2 è superiore al 98,3%, [29] e non è probabile che questo sia significativamente influenzato da vaccini con un’efficacia così scarsa.

Il vaccino ha una probabilità 5-10 volte maggiore di produrre reazioni avverse rispetto ai vaccini antinfluenzali, e causa 15-26 volte più mal di testa, stanchezza e vertigini (secondo i dati VAERS [30] ). Il vaccino ha anche causato molte più reazioni gravi e numerosi decessi. [31] I dati sulla sicurezza che sono stati raccolti sono insufficienti per determinare possibili effetti a lungo termine. [32]

La natura sperimentale del vaccino [33] fa sì che sollecitare, costringere o obbligare le persone a prenderlo sia una violazione diretta della Dichiarazione Universale sulla Bioetica e i Diritti Umani. [34]

Se presi insieme, tutti questi fattori dimostrano che le dichiarazioni che giustificano l’uso dei candidati vaccini COVID contaminati dall’aborto non solo ignorano la gravità e l’immediatezza dei crimini commessi contro il nascituro, ma ignorano le prove scientifiche sulla malattia e l’inadeguatezza degli attuali candidati vaccinali e i loro rischi noti e sconosciuti.

In conclusione, come cristiani siamo chiamati a rivestire la mente di Cristo e a unire i nostri cuori al Sacro Cuore di Gesù e al Cuore Immacolato di Maria. Pertanto, non collaboreremo a questo immenso culto infanticida. Non possiamo più offrire questo grano d’incenso a Moloch. È giunta l’ora di imitare i primi cristiani nella loro volontà di dare la vita per la Verità.

Non saremo complici. È il momento di alzarsi!

+ 8 marzo 2021

Festa di San Giovanni di Dio, patrono degli ospedali e dei malati

Giornata internazionale della donna


[1] Thomas D. Williams, PhD, “Global Abortions Surpass 1.1 Million in First Ten Days of New Year”, Breitbart, Jan 10, 2021.

[2]All the Facts You Ever Need to Know about Abortion Methods”, LifeSiteNews.com.

[3] With gratitude to Karen Darantière, “Devons-nous refuser les vaccins fabriqués à partir de cellules dérivées de fœtus humains avortés?”, Le Blog de Jeanne Smits, January 26, 2021.

[4] Meredeth Wadman, “The Truth about Fetal Tissue Research”, Nature Magazine, December 9, 2015.

[5] Debra Vinnedge, “Forsaking God for the Sake of Science”, Children of God for Life, June 13, 2012.

[6] Ibid.

[7] Debra Vinnedge, “Aborted Fetal Cell Line Vaccines and the Catholic Family: A Moral and Historical Perspective”, Children of God for Life, October 2005.

[8] Society of Saint Pius X, “Is it Morally Permissible to Receive the Covid-19 Vaccine?”, Society of Saint Pius X, December 4, 2020.

[9] Dr. Theresa Deisher, “Recently Aborted Baby DNA in Vaccines”, Sound Choice Pharmaceutical Institute, November 1, 2019.

[10] Debra Vinnedge, “Aborted Fetal Cell Line Vaccines and the Catholic Family: A Moral and Historical Perspective”, Children of God for Life, October 2005.

[11] Christine Beiswanger PhD, “A Brief History of IMR-90”, Coriell Institute for Medical Research, 2004

[12] Carol Szczepaniak, “The Ethics of the Walvax-2 Cell Strain”, Nebraska Coalition for Ethical Research, March 14, 2016.

[13]Coalition Fetal Tissue Research Letter,” Endocrine Society, September 16, 2019.

[14] Stacy Trasancos, “How Aborted Children are Used in Medical Research in 2020,” National Catholic Register, December 15, 2020.

[15]Moral reflections on vaccines prepared from cells derived from aborted human fetuses”, Pontifical Academy for Life, June 9, 2005

[16] Catherine J.M. Diodati, “Immunization: history, ethics, law and health”, Integral Aspects, 1999.

[17] Debra Vinnedge, “Vaccines from Abortion: Time to Report the Truth”, Children of God for Life, May 20, 2019.

[18]Instruction Dignitas Personae on Certain Bioethical Questions”, Congregation for the Doctrine of the Faith, September 8, 2008.

[19] Pope John Paul II, “Encyclical Evangelium Vitae”, March 25, 1995.

[20] Pope John Paul II, “Post-Synodal Apostolic Exhortation Christifidelis Laici”, December 30, 1988.

[21]Covid-19 Vaccines and Treatments in Development”, Children of God for Life, January 12, 2021.

[22]Pope Francis to have Covid-19 vaccine, says it is the ethical choice for all”, Reuters, January 9, 2021.

[23] Chairmen of the Committee on Doctrine and the Committee on Pro-Life Activities, “Moral Considerations Regarding the New Covid-19 Vaccines”, United States Conference of Catholic Bishops.

[24]Note on the morality of using some anti-Covid-19 vaccines”, Congregation for the Doctrine of the Faith, December 21, 2020.

[25] Daniel Wrapp, et al. “Cryo-EM structure of the 2019-nCoV spike in the prefusion conformation”, Science Magazine, March 13, 2020.

[26]Guidance on Getting the COVID-19 Vaccine”, Children of God for Life.

[27] Pfizer, “A Phase 1/2/3 Study to Evaluate the Safety, Tolerability, Immunogenicity, and Efficacy of RNA Vaccine Candidates Against COVID-19 in Healthy Individuals”, BioNTech.

[28] Peter Doshi, “Pfizer and Moderna’s ‘95% effective’ vaccines—we need more details and the raw data”, BMJ Opinion, January 4, 2021.

[29] John P.A. Ioannidis, “Infection fatality rate of COVID-19 inferred from seroprevalence data”, Bulletin of the World Health Organization, October 14, 2020. Article ID: BLT.20.265892.

[30] VAERS, Vaccine Adverse Event Reporting System.

[31] Amanda Woods, “23 die in Norway after receiving Pfizer Covid-19 vaccine: officials”, New York Post, January 15, 2021.

[32] Bill Gates interview, “Vaccine Safety Compromise”, BBC Breakfast, April 12, 2020.

[33]How the Pfizer-BioBTech Covid-19 Vaccine was Developed”, 60 Minutes, December 21, 2020.

[34] United Nations, “Universal Declarations on Bioethics and Human Rights”, October 19, 2005.

FIRMATARI (86 donne da 25 paesi)

Fonte:

confederazionetriarii.it/…accini-contaminati-dallaborto/
il vandea
Ma questo 'prete' sa che l' aborto e' un peccato.?
SoniaDm
Se non sono i capi della chiesa...Papa in primis e cardinali o vescovi poi a farsi portavoce di un tale abominevole peccato CHE GRIDA VENDETTA AL COSPETTO DI DIO e quindi a generare una COSCIENZA COLLETTIVA dell'abominio (ripeto) perpetrato ai danni di MARTIRI INNOCENTI....come può il popolo (bue) assuefatto al consumismo e quindi insensibile alla etica morale poter pensare ad una tale …More
Se non sono i capi della chiesa...Papa in primis e cardinali o vescovi poi a farsi portavoce di un tale abominevole peccato CHE GRIDA VENDETTA AL COSPETTO DI DIO e quindi a generare una COSCIENZA COLLETTIVA dell'abominio (ripeto) perpetrato ai danni di MARTIRI INNOCENTI....come può il popolo (bue) assuefatto al consumismo e quindi insensibile alla etica morale poter pensare ad una tale importantissima questione? Se siamo a questo punto è perché la gerarchia ecclesiastica ha abdicato al compito assegnatole dal suo Signore
Christoforus78
El Papa predica male e razzola peggio