Clicks1.1K
Francesco I
18

SCALFARI “PER IL PAPA DIO NON È CRISTIANO”/ “Va difeso nella sua battaglia”

Su “La Repubblica” il fondatore Eugenio Scalfari interviene per “difendere” Papa Francesco non tanto dagli attacchi dei “nemici esterni” ma dalla visione approfondita fornita solo due giorni fa da Miguel Gotor sullo stesso quotidiano oggi diretto da Maurizio Molinari. Può sembrare un mero “artifizio” tra giornalisti destinato ad interessare solo le stanze di Largo Fochetti (e probabilmente in parte lo è anche, ndr) ma è su un tema principale che ci concentriamo per evidenziare come ancora una volta Scalfari “legge” in Papa Francesco alcune posizioni tutt’altro che di minima portata per la dottrina cattolica. Secondo Gotor il Santo Padre si ritrova numerosi nemici tanto dentro quanto fuori la Chiesa per il suo essere intrinsecamente «gesuita e militante che sfida il mondo»: ecco, per Scalfari il punto di vista di Gotor non è condiviso e nel lungo editoriale di oggi prova a “confutarlo” (con garbo e con rispetto per il collega). «Papa Bergoglio era diventato molto amico del cardinale Martini. E appena eletto, il 13 marzo 2013, fu accolto da una simpatia generale», scrive lo storico fondatore di Rep. Il problema dunque non risale nelle gerarchie cattoliche, nelle battaglie su clima e migranti e nientemeno nelle “antipatie” gesuitiche: secondo Scalfari il vero punto su cui difendere Papa Francesco è la sfida nel dialogo con le altre Religioni.

PERCHÈ DIFENDERE PAPA FRANCESCO

«Il Santo Padre mi ha spesso raccontato dei contrasti che voleva cessassero tra cattolici e protestanti, una differenza che voleva fosse ampiamente sopportabile», sottolinea ancora Eugenio Scalfari non prima di lanciare il vero punto “nodale” dell’intera questione. Il Papa è andato molto al di là di questa “sfida”, «si è occupato delle religioni extra cristiane, quelle esistenti in tutto l continente asiatico, dalla Russia oltre gli Urali, all’India, Cina, Giappone e Australia». Insomma, l’attività di incontro tra il mondo cristiano e quello “non” è quanto di più caro avrebbe Papa Francesco nel suo Magistero, secondo Scalfari: «Francesco sosteneva e sostiene che Dio è unico e non semplicemente cristiano. Dio è Dio e non ha alcuna assurda territorialità». Non è la prima volta che Scalfari “intesta” al Papa questo assunto assai “spiazzante” nel pensiero di un Pontefice della Chiesa Cattolica: l’anziano giornalista sostiene non solo di essere nel giusto ma che il Papa vada difeso proprio per preservare la sua battaglia religiosa: «Francesco su questo punto è rivoluzionario, c’è sol un Dio ma è dovunque il medesimo; c’è un solo Dio e una sola religione e questo è l’obiettivo di Francesco». Il problema poi è sorto con la pandemia Covid-19 che ha impedito il viaggiare e il dialogare del Papa in ogni parte del mondo: «ora è costretto a limitarsi agli appartamenti pontifici in Vaticano e questa non è certo una posizione gradita a Papa Francesco e tuttavia ad essa è obbligato».
ilsussidiario.net

Teresa Zattarin
Leggere questo mi fa ricordare quello che ha scritto il beato Fulton sul tema
dell'Anticristo..che anche il corpo mistico avrà un Giuda Iscariota che sarà il Falso
Profeta, che avrà un segreto che non vorrà rivelare...Non crede in Dio..
(Sono cose che fanno male, sentirle...Speriamo non siano vere!).
Francesco I
Cara signora, io le ho già pensate tutte: se ricorda nel canto XXXIII dell'Inferno di Dante si parla della Tolomea dove vengono puniti i traditori.
Dante, dunque, immagina che il peccato del tradimento sia così atroce, da causare l'immediata morte dell'anima (la morte "secunda", nel linguaggio di San Francesco); mentre nel corpo - che pare ancor vivo, ma in realtà è come morto -, entra un …More
Cara signora, io le ho già pensate tutte: se ricorda nel canto XXXIII dell'Inferno di Dante si parla della Tolomea dove vengono puniti i traditori.
Dante, dunque, immagina che il peccato del tradimento sia così atroce, da causare l'immediata morte dell'anima (la morte "secunda", nel linguaggio di San Francesco); mentre nel corpo - che pare ancor vivo, ma in realtà è come morto -, entra un diavolo a prenderne il posto.

Dal punto di vista teologico e morale, è una ipotesi agghiacciante: significherebbe che esistono dei peccati così tremendi, da rendere impossibile ogni pentimento e ogni perdono; e che, nel mondo dei vivi, si muovono delle persone che non hanno più niente di umano, tranne le fattezze; mentre, in realtà, sono divenute dei diavoli.

Notiamo, per inciso, che lo storico bizantino Procopio di Cesarea, nella sua «Storia segreta», aveva affermato qualche cosa di molto simile, a proposito dell'imperatore Giustiniano e dell'imperatrice Teodora, in una pagina enigmatica della sua opera (al capitolo XII: Procopio, «Carte segrete», traduzione italiana di Lia Raffaella Cresci Sacchini, Milano, Garzanti Editore, 1977,

Mi pare che in questo periodo agiscano, sulla terra, diversi personaggi, la cui anima si trovi già all'inferno, mentre un demonio ha preso possesso del corpo......

Ritengo significative le parole di Bergoglio contenute nel video posto in calce a questo articolo:
Ricevere una telefonata da Bergoglio, per sentirsi augurare l’Inferno…(audio e video)
Teresa Zattarin
Quanto fa male una tale telefonata! Ad un ragazzo con problemi autistici
va dato solo amore, incoraggiamento a proseguire...In queste povere
creature, così amate da Dio...non va detta una frase del genere, neppure
scherzando, perchè potrebbe causare loro un trauma...e poi queste anime
sofferenti e da fanciullo, meritano solamente il Paradiso, assieme ai loro
familiari che l'assistono con tanto …More
Quanto fa male una tale telefonata! Ad un ragazzo con problemi autistici
va dato solo amore, incoraggiamento a proseguire...In queste povere
creature, così amate da Dio...non va detta una frase del genere, neppure
scherzando, perchè potrebbe causare loro un trauma...e poi queste anime
sofferenti e da fanciullo, meritano solamente il Paradiso, assieme ai loro
familiari che l'assistono con tanto amore!
Veritasanteomnia
Bisogna vedere l'immagine associata alla "rete mondiale di preghiera del Papa" per capire a cosa punta Bergoglio
N.S.dellaGuardia
I Pink Floyd? Alan Parson? Isaac Asimov? No.
Se non ci fosse da piangere sarebbe tutto da ridere...
N.S.dellaGuardia
I destinatari della neocreazione del padrone del mondo sono quindi i robot. Noi non c'entriamo nulla per fortuna...
lamprotes
Hanno dato pubblicità, microfoni, radio e tv ad emeriti SOMARI i cui ragli stordiscono l'universo orbe!
lamprotes
Se Dio non è cristiano, allora Dio non si è rivelato in Gesù Cristo o si è rivelato in tutti quelli che, nella storia, dicono di essere stati i suoi profeti (a prescindere dal Cristianesimo). In entrambi i casi siamo totalmente fuori dal confessare la verità rivelata in Cristo. Uno che dice di essere papa e sostiene cose del genere è paragonabile ad un medico che, invece di curare, inocula …More
Se Dio non è cristiano, allora Dio non si è rivelato in Gesù Cristo o si è rivelato in tutti quelli che, nella storia, dicono di essere stati i suoi profeti (a prescindere dal Cristianesimo). In entrambi i casi siamo totalmente fuori dal confessare la verità rivelata in Cristo. Uno che dice di essere papa e sostiene cose del genere è paragonabile ad un medico che, invece di curare, inocula veleni ai suoi pazienti. Va fermato e allontanato SUBITO! Visto che ciò non succede si ha ben chiaro a qual punto interessa la salute eterna ai cosiddetti cattolici, chierici in primis (alcuni di loro forse troppo occupati in certi "vizietti" per importarsi di altro)!
lamprotes
Dire che Dio non può essere cristiano perché questo gli attribuisce una territorialità è da ignoranti infiniti! Infatti nel Cristianesimo esistono le cosiddette APORIE che sono apparenti contraddizioni. Una delle più evidenti è l'affermazione della tri-unità di Dio. Inoltre, già con Dionigi l'Areopagita si sapeva che Dio supera tutti i ragionamenti e le etichette umane ma, con ciò, si era ben …More
Dire che Dio non può essere cristiano perché questo gli attribuisce una territorialità è da ignoranti infiniti! Infatti nel Cristianesimo esistono le cosiddette APORIE che sono apparenti contraddizioni. Una delle più evidenti è l'affermazione della tri-unità di Dio. Inoltre, già con Dionigi l'Areopagita si sapeva che Dio supera tutti i ragionamenti e le etichette umane ma, con ciò, si era ben lungi da scardinare la rivelazione cristiana ritenendola una delle tante vie di cui Dio si serve! Dio supera le etichette ma ... è etichettabile, ecco un'altra aporia! Come nel Cristianesimo località e universalità non si contraddicono ma si rimandano a vicenda (ad es. nell'ecclesiologia che ci offre un'ulteriore aporia), così l'apofatismo di Dio si sposa con la rivelazione di Dio in Cristo dove Dio si rende visibile nel volto del Dio-Uomo, l'indicibile per definizione diviene dicibile, riconoscibile, definibile, localizzabile. Questo è l'ABC del Cristianesimo. Visto che Scalfari è il manutengolo di Bergoglio e a quest'ultimo va la responsabilità delle sparate del primo, si può ben dire che l'argentino può essere il papa PIU' COLPEVOLMENTE E VOLUTAMENTE IGNORANTE che la storia del Cattolicesimo ha conosciuto!
Suor Clementina
Ma se non credete perchè continuate a rompere? Fatevi la vostra religione che noi conserviamo la NOSTRA RELIGIONE.
Questa sarà la testimonianza che Gesù ci domanda: restare fedeli al Vangelo. il resto sono elucubrazioni di fine d'anno.
nolimetangere
Se ne devono andare e liberare le chiese della loro funesta presenza. Non hanno il diritto di starci. Le chiese e tutto il resto fu ed è per il cattolicesimo, e non per il luciferino bergoglismo sangallino. Devono andarsene fuori dai piedi. Nelle chiese vogliamo solo casti sacerdoti. Se non ce ne sono abvastanza si chiudono e Dio ne susciterà di nuovi. Chi non è casto e pecca ed è impenitente …More
Se ne devono andare e liberare le chiese della loro funesta presenza. Non hanno il diritto di starci. Le chiese e tutto il resto fu ed è per il cattolicesimo, e non per il luciferino bergoglismo sangallino. Devono andarsene fuori dai piedi. Nelle chiese vogliamo solo casti sacerdoti. Se non ce ne sono abvastanza si chiudono e Dio ne susciterà di nuovi. Chi non è casto e pecca ed è impenitente verso Dio non ha diritto di fare il sacerdote. Che si spogli. E andasse a fare le sue cose altrove ma non in chiesa.
PanMer
Bla bla approssimativo, superficiale, inconcludente e inutule
Veritasanteomnia
È giusto che Scalfari e quelli che stanno dalla sua parte combattano la stessa guerra di Francesco perché hanno in comune lo stesso obiettivo: distruggere Cristo e la sua Sposa. Mi spiace, non praevalebunt
nolimetangere
Solidali e coerenti:Fratelli tutti con i diavoli.
Massimo M.I.
Ma Scalfari è ebreo sionista?
N.S.dellaGuardia
Per lui c'è un solo "dio", che si è laureato in architettura con una "tesi sull'universo" e gli hanno dato pure 110 e lode...
E costui non perdona, come la "naturaleza" che si "ribella alle malefatte dell'uomo".
Francesco I
Se Dio è l'architetto dell'universo, i papi sono i suoi "muratori"...........
nolimetangere
Caspita che notizia.. Da brivido... "... come pula che il vento disperde"... le parole di entrambi. Pula...