Clicks1K
it.news
2

“Sulle mani ! Che sia data solo sulle mani ! Che Lui sia vilipeso! Andate, eseguite!“ - Di Marziale Stilita

Per gli scandalizzati dal Sacerdote spazzino che con guanti di lattice e mascherina ci vieta finanche la prostrazione.

Per gli indecisi dall'accettare la mela avvelenata dell'Eucaristia solamente sulla mano, che verrà imposta all’intera Chiesa Cattolica.

Per i delusi dal tradimento del Sacerdozio, che dice: "Io ubbidisco ad ordini avuti!”.

Possiamo rispondere senza sbagliare: "Tu ubbidisci all'Errore, e non te ne accorgi. E se te ne accorgi te ne stai pavidamente silenzioso e tiepidamente indifferente a ciò che è giusto o sbagliato, a ciò che è Bene o Male.”

Voi siete divenuti i nostri corruttori. Voi siete divenuti nostra rovina, perché il popolo plasma i propri spiriti su ciò che vede e su ciò che gli viene fatto intendere.

Voi ci siete di scandalo, perché è nelle ore di pericolo che si serve veramente. Le vostre sono ormai divenute pratiche sterili, inerti, di una Religione che non amate più, che forse non avete mai amato.

Voi siete divenuti di quei sepolcri imbiancati: belli, ben verniciati esternamente, ricchi di orpelli, ma dentro siete materia putrida, fetente, morta.

Voi scalzate la terra di sotto i piedi del fedele per farlo cadere. Tentandolo, lusingandolo ed infine obbligandolo, a non portare la dovuta prostrazione ed adorazione quando si ha di fronte il Creatore e Salvatore Nostro.

Siete capaci solamente di intimarci ad afferrarLo, toccarLo e stringerLo con le nostre mani che sanno di bidet appena fatto.

Tanti nella Chiesa ormai parlano come quell’antico Serpente avvinghiato in quel primo albero, che sibilò furtivamente: “ Non è vero che è peccato. Voi siete stati tutti salvati e perdonati: potete fare quello che volete!”

Nei sotterranei più profondi, come vermi, stanno andando in cerca del farisaico cavillo per abbattere l’ultimo baluardo del timor di Dio: il Sacerdote che come Alter Christus imbocca i suoi figliolini adottivi con il vitale ed eterno Alimento.

“Sulle mani ! Che sia data solo sulle mani! Che Lui sia vilipeso! Andate, eseguite!“

La risposta a tutto ciò non potrà che essere il digiuno eucaristico, in attesa che venga Colui che ha da venire.
muntcarimell
Ora, c'è una larga platea di praticanti che ama prendere sulla mano il Santissimo. Lo faceva con orgoglio prima del virus, lo fa ora con soddisfazione, vedendosi come avant-garde di una nuova posizione di parità con Dio che serve di lezione al rimasuglio di fedeli che ricevono sulla bocca.
Mi disse il parroco una volta, "non è necessaria la genuflessione prima di ricevere la SS. Comunione" e " …More
Ora, c'è una larga platea di praticanti che ama prendere sulla mano il Santissimo. Lo faceva con orgoglio prima del virus, lo fa ora con soddisfazione, vedendosi come avant-garde di una nuova posizione di parità con Dio che serve di lezione al rimasuglio di fedeli che ricevono sulla bocca.
Mi disse il parroco una volta, "non è necessaria la genuflessione prima di ricevere la SS. Comunione" e " lo può fare, se proprio vuole, prima di arrivare davanti al sacerdote, che poi intralcia la distribuzione"... cioè mi dovevo inginocchiare davanti alle gambe di quello che mi precedeva...
Risultato: una parrocchia di zombie-cristiani.
warrengrubert
Secondo me, è importante sottolineare che la questione verte su di un' unica discriminante e cioè mani consacrate e mani non consacrate.
Perché se mettiamo la questione sul
"... afferrarLo, toccarLo e stringerLo con le nostre mani che sanno di bidet appena fatto." abbiamo perso in partenza, difatti anche per il sacerdote puoi dire che sanno di bidet... Ma le sue, appunto, sono mani consacrate.
More
Secondo me, è importante sottolineare che la questione verte su di un' unica discriminante e cioè mani consacrate e mani non consacrate.
Perché se mettiamo la questione sul
"... afferrarLo, toccarLo e stringerLo con le nostre mani che sanno di bidet appena fatto." abbiamo perso in partenza, difatti anche per il sacerdote puoi dire che sanno di bidet... Ma le sue, appunto, sono mani consacrate.
La risposta comunque non è il digiuno eucaristico, ma andare, o pretendere, la messa di sempre, e comunque il sacrilegio non ricade sul fedele, ma sul sacerdote! Il fedele se ha la necessità di comunicarsi e riceve l'Eucaristia confessato non può essere colpevole di una decisione altrui.